Vai al contenuto

La Sala delle Mappe Geografiche di Palazzo Vecchio

La Sala delle Mappe Geografiche è la più importante del mondo occidentale che ripropone le mappe del mondo conosciuto nella seconda metà del Cinquecento. La sala così come la vedete oggi era stata ideata da Giorgio Vasari per Cosimo I de’ Medici e realizzata fra il 1562 e il 1563.

Le caratteristiche della Sala

La Sala, nota anche come Sala del Guardaroba o degli Armadi si trova alla fine del percorso museale di Palazzo Vecchio. Realizzata sul progetto architettonico del mio caro amico Giorgio Vasari, ha le quattro pareti coperte di armadi, realizzati da Dionigi Nigetti, che Cosimo I de’ Medici usava per conservare beni assai preziosi.

Successivamente le ante furono decorate con 53 mappe dipinte a olio sia dal frate cartografo Ignazio Danti che dal Buonsignori. Ci ricorda niente il cognome Danti? Ebbene sì, Ignazio Danti era il fratello del più celebre scultore Vincenzo che molto si lasciò influenzare dalle opere mie.

Sia Danti che Buonsignori seguivano l’antiquato sistema tolemaico per il moto degli astri ma invece per le mappe scelsero l’innovativo sistema di Mercatore, ovvero quello che continuate a usare ancora oggi voi.

Il Mappa Mundi

Al centro della sala c’è il grande mappamondo, realizzato nel 1581 da Danti assieme a Buonsignori. Pensate che per molti anni quella fu la raffigurazione del globo più grande che esistesse.

La sfera oggi è molto rovinata a causa di incaute esposizioni avvenute nel passato. La base originale è andata perduta ed è un vero peccato perché era dotata di un sistema che consentiva al globo di girare su se stesso agevolmente come scrisse lo stesso Danti “mossa in qualsiasi direzione dal tocco di un solo dito”.

Curiosità

Sapete, dietro le ante decorate con le mappe non sempre si nascondono armadietti ma anche passaggi segreti. Proprio la carta che rappresenta l’Armenia c’è in realtà una porta che conduce nel camerino della seconda moglie di Francesco I, Bianca Cappello. I passaggi segreti permettevano ai Medici di spostarsi da un’ambiente all’altro senza farsi notare e potevano essere adoperati sia in caso di imminente pericolo che per ragioni ben diverse.

Il libro

Se volete conoscere ancora di più la Sala delle Mappe Geografiche e le sue caratteristiche, vi consiglio questo piccolo ma interessante volume QUA.

Lo trovate QUA.

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: