Vai al contenuto

Il Tondo Doni: tempera o olio? Vi svelo una particolarità

Il Tondo Doni è una delle opere più note al mondo e recentemente è finita sotto i riflettori per il cambio di collocazione che ha subito, non da tutti gradito, me compreso.

Questo dipinto presenta però delle particolarità non così conosciute e rimane tutt’oggi il dubbio sulla tipologia di legante che adoperai. Mi spiego meglio per non dare adito a fraintendimenti.

Durante l’intervento conservativo del 1985 sono state condotte importanti diagnostiche sull’opera prima del restauro vero e proprio. Mentre sono stati identificati con esattezza i pigmenti che adoperai, la questione del legante è rimasta aperta.

Annunci

Si suppone che fosse una semplice tempera a uovo contenente però una percentuale non troppo elevata di oleoresina e gelatina animale. Una tecnica che consentiva la stesura di pennellate fluide, date con pennelli molto morbidi che non hanno lasciato alcuna traccia rilevabile sulla tavola.

I pigmenti usati invece erano assai comuni per l’epoca: azzurrite, lapislazzuli, cinabro, ocre, verdi di rame puri e in miscela, vermiglione, lacche carminio, bianco di piombo, giallo lino, minio e colori organici bruni per le velature.

Ah già… poi c’è l’imprimitura della tavola. Ebbene, come si usava allora in ambito fiorentino, stesi uno spesso strato preparatorio di colla e gesso e a seguire l’imprimitura con bianco di piombo e legante oleoso.

27862041414_110739c9c8_b
Annunci

Durante le indagini rifletto grafiche eseguite sempre nel 1985, non è stata riscontrata la presenza di alcun disegno al di sotto dei colori. Si suppone quindi che avessi studiato prima la composizione su carta e poi l’avessi riprodotta sulla tavola senza l’utilizzo del cartone.

Altra cosa curiosa che voglio raccontarvi: il tondo è composto da cinque tavole di pioppo poste verticalmente. Le tre centrali provengono da uno stesso albero data la loro composizione mentre le due più esterne hanno diversa origine. Per saldare meglio fra di loro le tavole, adoperai strisce di tela sulle giunzioni e sul retro misi anche due traverse in essenza di pino.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi quotidiani scritti

Annunci

Il Tondo Doni: tempera or oil? I reveal to you a peculiarity

The Tondo Doni is one of the most famous works in the world and has recently come under the spotlight due to the change of location it has undergone, not appreciated by everyone, myself included.

However, this painting has some peculiarities that are not so well known and still remains doubt about the type of binder you will use. Let me explain better in order not to give rise to misunderstandings.

During the conservative intervention in 1985, important diagnostics were carried out on the work before the actual restoration. While the exact pigments you will use have been identified, the question of the binder remained open.

It is assumed that it was a simple egg tempera containing a not too high percentage of oleoresin and animal gelatin. A technique that allowed the drawing up of fluid brushstrokes, given with very soft brushes that did not leave any detectable trace on the table.

The pigments used, on the other hand, were very common for the time: azurite, lapis lazuli, cinnabar, ocher, pure and mixed copper greens, vermilion, carmine lacquers, lead white, linen yellow, red lead and organic brown colors for the glazes.

Oh yeah … then there is the primer on the table. Well, as was the custom in the Florentine area at the time, I spread a thick preparatory layer of glue and plaster and then primed with lead white and oily binder.

During the graphic reflection investigations carried out in 1985, no drawing was found under the colors. It is therefore assumed that I first studied the composition on paper and then reproduced it on the table without using cardboard.

Another curious thing that I want to tell you: the tondo is made up of five poplar boards placed vertically. The three power plants come from the same tree due to their composition while the two outermost ones have different origins. To better weld the boards together, I used strips of canvas on the joints and on the back I also put two crosspieces in essence of pine.

Always yours Michelangelo Buonarroti with his daily writings

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Ecco il nuovo presepe artistico allestito nella Cappella Sistina

🇮🇹Il 5 dicembre scorso è stato inaugurato e benedetto il nuovo presepe artistico allestito all’interno della Cappella Sistina realizzato dai due artisti Giuseppe Passeri ed Eva Maria Antulov…
🇬🇧Last December 5, the new artistic crib set up inside the Sistine Chapel was inaugurated and blessed by the two artists Giuseppe Passeri and Eva Maria Antulov….

Non portar danari ai preti: Dio sa quel che ne fanno

🇮🇹”Non portar danari ai preti: Dio sa quel che ne fanno”. Preferivo sempre elargire elemosine a persone che fossero in stato di bisogno piuttosto che alla Chiesa…
🇬🇧”Do not bring money to priests: God knows what they do with it”
I always preferred to give alms to people who were in need rather than to the Church…

Rembrandt ritrovato? L’Adorazione dei Magi a Palazzo Medici Riccardi

🇮🇹Il prezioso dipinto che raffigura L’Adorazione dei Magi sarà esposto a Palazzo Medici Riccardi dall’8 dicembre 2022 al 29 gennaio 2023. Un capolavoro di Rembrandt dato per perduto che torna alla luce?
🇬🇧The precious painting depicting The Adoration of the Magi will be exhibited at Palazzo Medici Riccardi from 8 December 2022 to 29 January 2023. A lost masterpiece by Rembrandt that comes back to light?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

8 Comments »

  1. Ho la passione di fare Bassi Rilievi , ho fatto un piatto 30cm di dia. del Tondo Donivorrei mandarvi delle foto o magari una copia a chi devo rivolgermi. I vostri articoli sono bellissimi, peccato che non vi ho scoperto prima. Grazie mario falconi

    "Mi piace"

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: