Il Giorno

Il Giorno è una delle allegorie che raffigurano i quattro momenti della giornata ed è adagiata sopra il sarcofago del duca di Nemours, alias Giuliano de’ Medici.Iniziai a metter mano a quest’opera nel 1526 ma poi smisi di lavorarci a causa dell’assedio di Firenze. Ripresi i lavori qualche anno più tardi, quando le acque tornarono a tranquillizzarsi, per abbandonarli di nuovo nel 1534 partendo per Roma in via definitiva.

Il Giorno è l’unica scultura che volge le spalle a chi vi si trova dinnanzi per ammirarlo. Ideai per lui una posa opposta a quella che ha la Notte che si appoggia sullo stesso sarcofago quasi a voler mettere in luce il contrasto netto che esiste proprio fra i due diversi momenti della giornata.

Il possente busto si appoggia sul gomito sinistro mentre il braccio destro è piegato sul ventre. Il volto barbuto ha un aspetto indefinito dovuto alla sua incompiutezza. Nel corso dei secoli gli esperti si sono sbizzarriti sull’interpretazione di questa figura: c’è chi ha saputo leggerci la personificazione del dolore, chi dell’ira e chi addirittura il simbolo della luce cristiana.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e le sue opere eterne.

Michelangelo-Il-Giorno-Cappelle-medicee.jpg

Day

The statue of Day is one of allegories representing the four times of the day and sits above the sarcophagus of the Duke of Nemours, otherwise known as Giuliano de ‘Medici.  I began work on this statue in 1526 but stopped working on it because of a siege in Florence.  I re-began working on it a few years later, when the political situation calmed down.  Unfortunately I had to abandon work again in 1534 due to my departure to Rome.

Day is the only sculpture that turns his back on the observer.  I came up with an opposite pose than the statue of Night who leans on the sarcophagus wanting to highlight the huge contrast that exists precisely between the two different times of day.

Night leans on his left elbow while his right arm is bent on his leg. The bearded face has a strange appearance because I never finished it. Over many centuries, experts have indulged the interpretation of this figure:  many see the feelings of pain, others of anger and others even the symbol of the Christianity.

Always yours, Michelangelo Buonarroti & my eternal works of art. Book a Michelangelo tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB ttg-logo-final-white-background

Advertisements

Maledetti

Maledetti, trafitti dalla passione, l’Amore ci sopravvive e l’Arte ci rende immortali” scriveva qualche anno fa Goethe. Come dargli torto?

Il vostro Michelangelo Buonarroti

IMG_20150602_073741.jpg

ttg-logo-final-white-background Book a Michelangelo tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

 

Il Prigione che si Ridesta

Stamani, mentre stavo cercando di fare un po’ d’ordine fra gli appunti per poter cominciare a lavorare a un nuovo progetto editoriale, mi son reso conto che fino a questo momento non vi ho parlato in maniera esaustiva del Prigione che si Ridesta. È uno dei quattro prigioni che da diversi decenni si trova nella Galleria dell’Accademia a Firenze, dopo aver trascorso secoli all’interno della Grotta del Buontalenti, nel Giardino di Boboli.

La figura è tutta in tensione e sembra volersi liberare dal blocco di marmo che la trattiene. Iniziai a scalfire il blocco partendo da uno spigolo poichè l’opera finita avrebbe dovuto occupare una posizione angolare della grandiosa tomba di papa Giulio II.

Mi piace assai ciò che Bonsanti scrisse in merito all’atteggiamento del Prigione che si Ridesta: “lotta violentemente contro il sonno per raggiungere la consapevolezza“. Il sonno alla fine dei conti può avere differenti letture: il Prigione sarà durante una fase di non conoscenza oppure semplicemente tenterà di cedere alle braccia di Morfeo per sottrarsi a un incombete tragedia? Entrambe le interpretazioni sono plausibili. ù

I Prigioni bisogna osservarli tenendo presente l’ottica con la quale li avevo ideati: la raffigurazione della rovina dei saperi del mondo con la morte del pontefice.

Il Prigione che si Ridesta si trovava nel mio studio fiorentino di via Mozza quando lasciai la città definitivamente alla volta di Roma, nel 1534. Dopo la morte, il mi nipote Lionardo cedette quest’opera, assieme agli altri tre prigioni di Firenze e alla Vittoria, al duca Cosimo de’ Medici.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti

f485651e7937099847d1f9546e10e171

The awakening prisoner.

This morning, while I was trying to edit a few of my letters so that I could start working on a new publishing project, I realized that I’ve ner taken the time to discuss my Awakening Prisoner. It is one of the four prisoners that is located in the Galleria dell’Accademia in Florence.  For centuries it was located in the Grotta del Buontalenti in the Boboli Gardens.

The image of the prisoner is quite tense and seems to want to brake away from the marble that holds it in. I began to work on the block of marble starting on its edges because the finished piece of art was supposed to be placed in a corner of the immense tomb for Pope Julius II.

I truly like what Bonsanti wrote about the attitude of my Awakening Prisoner: “he’s violently struggling not to fall asleep in order to achieve awareness.” One can interpret this “falling asleep” in different ways: maybe the Prisoner is in a non conscious phase of sleep or could he be simply trying to give himself up to Morpheus to escape an unfaithful tragedy? Both interpretations are valid.

These Prisoners must be observed keeping in mind how I had intended to have them be seen: the representation of the end of the world’s knowledge due to the eventual death of the pontiff.

The Awakening Prisoner was in my Florentine studio in Via Mozza when I permanently the city toward Rome, in 1534. After the Pope’s death, my nephew Lionardo gave this Prisoner as well as the other 3 that are in Florence as well as the statue of Victory, to Duke Cosimo de ‘Medici.

Yours truly, Michelangelo Buonarroti and my stories

ttg-logo-final-white-backgroundBook a Michelangelo tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

 

Io lo campai dalla morte

Nel settembre del 1975, durante la realizzazione di alcuni lavori nelle Cappelle Medicee, vennero scoperte delle tracce di disegni sulle pareti di una stanza lunga e stretta, ubicata proprio al di sotto della Sagrestia Nuova. L’allora direttore Paolo dal Poggetto, avviò un’indagine per scoprire cosa si nascondesse sotto lo spesso strato di intonaco e i risultati furono entusiasmanti. Le pareti erano state disegnate a carboncino da me secoli prima con vari soggetti. L’ambiente non è accessibile al pubblico e probabilmente non lo sarà mai per diverse questioni sia relative alla logistica che alla conservazione dei disegni.

Per spiegarvi il perché di quei disegni devo necessariamente andare a ritroso nel tempo. Ebbene, nel 1530 a Firenze la situazione non era certo delle migliori. Le truppe inviate dal Papa padroneggiavano e ne combinavano di tutti i colori pur di abbattere la repubblica e riconsegnare la città dritta dritta nelle mani della ricca e potente famiglia Medici. I parteggianti per i Medici volevano uccidermi perché oramai era chiaro a tutti che stessi a spada tratta dalla parte dei repubblicani.

160448804-4642d696-605d-47c6-856c-61aa2bfa0a49.jpg

Giovanni Battista Figiovanni, il priore di San Lorenzo da sempre sostenitore della famiglia Medici, all’oscuro dei suoi protettori mi offerse aiuto nascondendomi nella chiesa di famiglia dei tiranni. Chi avrebbe mai sospettato che fossi proprio lì a due passi da casa Medici, nel cuore di Firenze? “Io lo campai dalla morte et salva’li la roba” scrisse il priore nelle sue Ricordanze.

La luce lì dentro era poca ma con le candele di sego riuscivo a rischiarare l’aria e a vederci meglio. Con le mani in mano non sono mai stato capace di starci e, anche in quella drammatica circostanza, non smisi di disegnare e studiare. Sulle pareti tracciai a carboncino diverse figure fra le quali anche il volto del Laooconte che conoscevo molto bene, alcuni studi relativi alle sculture che oggi si trovano al piano superiore e tanti altre figure fra le quali il capo di un cavallo. Ogni tanto veniva a farmi visita Antonio Mini, uno dei pochi amici che sapesse dov’ero, per portarmi qualcosa da mangiare.

 

160448625-8c40cb7e-1080-44dc-afa3-184e29fc1414.jpg

Le cose ritornarono alla normalità quando Papa Clemente VII Medici si rese conto di avere ancora bisogno della mia arte. Così riporta il Vasari quell’episodio nelle sue Vite: “Papa Clemente fe’ fare diligenza di trovarlo, con ordine che non se li dicesse niente, anzi, che se gli tornassi le solite provisioni, purchè egli attendessi all’opera di San Lorenzo”. Prima di uscire dal nascondiglio mi occupai di far stendere sopra i disegni uno strato di biacca per evitare che il priore di San Lorenzo finisse nei guai per avermi offerto un posto sicuro dove stare.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti

Disegni_Michelangelo_stanza_segreta-e1376038349565.jpg

 I made him survive death

In September of 1975, during some restoration work in the Medici Chapels, the workers discovered traces of drawings on the walls of a long, narrow room, which is located directly below the New Sacristy. At the time director Paolo dal Poggetto, started an investigation to find out what was hidden under the thick layer of plaster, and the results were exciting.  I drew various figures on the walls with charcoal centuries before this discovery. This room is not accessible to the public and probably never will be for various issues due to the preservation of the drawings.

In order to explain those drawings, I need to go back in time. Well, the political situation in Florence was not the best in 1530 in Florence. The military troops sent by the Pope took complete control of the city and tried in every way to bring down the Republic and re-establish all political control to the rich and powerful Medici family. The Medici army wanted me dead because it was prettyu clear by now that I supported the Republic.

Giovanni Battista Figiovanni, the prior of San Lorenzo always supported the Medici family. But having seen me in need, he helped me by giving me access to hide in the Medici Church.  Who would have guessed that that I was right there around the corner from the house of Medici, in the heart of Florence hidding from them?  The Prior wrote in his diary that “I saved him from death”.

There was very little light down there but I made due with tallow candles. I have never been the type of person to stay still and even in this case I could not stop drawing and study. I drew farious figures on the walls with charcoal including the face of the Laocoön which I knew very well. I also drew schetches that relate relating to the sculptures that today are located above the room, as well as other figures including the head of a horse.  Every so often Antonio Mini, one of my very good friends who knew I was there to bring me something to eat.

Things returned to normal for me when Pope Clement VII, a Medici, realized he still needed my art. This is what Vasari wrote in his book The Lives of the Artists: “Pope Clement made sure to find him, with strict orders to make him return to work in their chapel in San Lorenzo to complete the statues and keep the same pay as previously agreed”.  Before I came out of hiding made sure to cover all my charcoal drawings with layer of white paint not to have the prior of San Lorenzo end up in trouble for giving me a safe place to hide.

Yours truly, Michelangelo Buonarroti & my stories

ttg-logo-final-white-background Book a Michelangelo tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

 

Un sonetto per Dante Alighieri

Alla mia fonte di ispirazione Dante Alighieri, volli dedicare questi versi che scrissi secoli fa

Dal ciel discese, e col mortal suo, poi
che visto ebbe l’inferno giusto e ‘l pio
ritornò vivo a contemplare Dio,
per dar di tutto il vero lume a noi.
    Lucente stella, che co’ raggi suoi
fe’ chiaro a torto el nido ove nacq’io,
né sare’ ‘l premio tutto ‘l mondo rio;
tu sol, che la creasti, esser quel puoi.
    Di Dante dico, che mal conosciute
fur l’opre suo da quel popolo ingrato
che solo a’ iusti manca di salute.
    Fuss’io pur lui! c’a tal fortuna nato,
per l’aspro esilio suo, co’ la virtute,
dare’ del mondo il più felice stato.

Il vostro Michelangelo Buonarroti

A poem for Dante Alighieri

For my inspiration Dante Alighieri, I wanted to dedicate this poem I wrote centuries ago.

From heaven his spirit came, and robed in clay

the realms of justice and mercy trod,

then rose a living man to gaze on God,

That he might make the thruth as clear as day.

For that pure star that brightened with his ray

the underserving nest where I was born,

the whole wide word would be a prize to scorn;

none but his Maker can due guerdon pay.

I speak of Dante, whose high work remains

unknown, unhonured by that thankless brood,

who only to just men deny their wage.

Were I but he! Born for like lingering pains,

against his exile coupled with his good

I’d glady change the world’s best heritage!

Your truly, Michelangelo Buonarroti

ttg-logo-final-white-backgroundBook a Michelangelo tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

Il satiro seduto che guarda la contadina

Quando si fa un po’ d’ordine sbuca sempre fuori qualcosa c’era rimasto sotto una pila di libri, fra uno scaffale e l’altro, dietro a un cassetto o chissà dove per chissà quanto tempo. Con le pulizie di primavera in atto, oltre a un mucchio di polvere, è saltato fuori anche questo disegno che realizzai molto probabilmente fra il 1508 e il 1509. In quel frangente ero impegnato ad affrescare la prima metà della volta della Sistina.

Questo foglio venne con tutta probabilità portato in Francia da Antonio Mini e non è un caso se sul verso compaiono anche degli studi condotti proprio da lui.

La donna ricurva verso la terra che sta arando a mano è Eva. In un primo momento avevo pensato di raffigurare nella volta, dopo la Cacciata dal Paradiso di Adamo ed Eva, la condanna al lavoro. Proprio l’immagine di Eva fu pi ripresa nei suoi affreschi dal Primaticcio a Fontainbleu.

Sicuramente questa figura, abbigliata con una leggera veste che ne mette in evidenza le forme, è opera mia: i dubbi sono veramente pochi. Il satiro invece pare più disegnato da Raffaello da Montelupo, scultore che collaborò con me in diverse occasioni.

Il disegno in questione è appartenuto anche alla regina Cristina di Svezia e attualmente è conservato presso il Teyler Museum di Haarlem.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti che volentieri si perde fra i suoi antichi disegni.

IMG_20170309_140852.jpg

The sitting satyr watching the farmer

When you tidy up something always pops out that was left under a pile of books, in between a shelf and another, behind a drawer or somewhere else and has been there for who knows how long.  With spring cleaning coming up, besides a pile of dust, I found this drawing that probably made between 1508 and 1509. During those years I was busy frescoing the first half of the Sistine Chapel ceiling.

This drawing was probably brought to France by Antonio Mini and it is no coincidence that on the back there are some drawings done by him.

The woman that is plowing looking down is Eve. After the Expulsion from Paradise of Adam and Eve, the condemned to work, I was going to paint this. The image of Eve is what he then used in his frescoed by Primaticcio at Fontainebleau.

The figure dressed in a light robe that highlights the her body shape is my work: there’s no doubt about that. The satyr instead seems to be thre hand Raphael da Montelupo, a sculptor who worked with me on several occasions.

The drawing also belonged to Queen Christina of Sweden and is currently preserved at the Teylers Museum in Haarlem.

As always, yours truly, Michelangelo Buonarroti who willingly gets lost among his ancient drawings.

ttg-logo-final-white-background Book a Michelangelo tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

Il modello per la facciata della Basilica di San Lorenzo

Leone X de’ Medici un bel giorno decise di tornare in terra natìa dal Vaticano in visita ufficiale. Proprio in quell’occasione il pontefice decise di far concludere la Basilica di San Lorenzo, con una nuova e magnifica facciata. Probabilmente il papa fu invogliato a prendere questa decisione dalla vista della effimera facciata che era stata allestita per l’occasione della visita papale.

Da sempre questa basilica era considerata dai Medici come la chiesa di famiglia. Dal 1421, anno della sua fondazione, i Medici la sponsorizzavano sostenendo le continue spese e abitualmente vi seppellivano i propri morti nell’ampia cripta.

Venne dunque indetto un concorso al quale parteciparono diversi artisti dell’epoca fra i quali Antonio e Giuliano da Sangallo. Jacopo Sansovino, Raffaello e Baccio d’Agnolo. In un primo momento a me venne affidato unicamente i compito di fare da sovrintendente alle decorazioni scultoree della facciata. Volevo a tutti i costi realizzare in piena autonomia la facciata e dopo aspre contese, nel 1516, Leone X si decise a mettere l’intera opera architettonica nelle mie mani.

Presso Casa Buonarroti sono conservati tre fogli con il progetto della facciata nonché un modello ligneo realizzato non da me di come avrebbe dovuto essere il risultato finale, prima dell’inserimento delle varie statue e fregi marmorei.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

800px-Michelangelo,_modello_per_la_facciata_di_san_lorenzo,_1518_ca._01.JPG

The model for the façade of the Basilica of San Lorenzo

One day Pope Leo X de ‘Medici decided to return to his native land from the Vatican for an official visit. It was on that trip that the Pope decided to conclude work on the Basilica of San Lorenzo, with a new and magnificent facade. The Pope probably made this decision by having seen the beautiful temporary facade that had been prepared for the occasion of the papal visit.

The Medici’s always considered this Basilica as their own family church. Since 1421, year of its foundation, the Medici always paid for the ongoing expenses and continued burying their family members in the large crypt.

A project competition was begun for the façade and several artists of including Antonio and Giuliano da Sangallo, Jacopo Sansovino, Raphael and Baccio d’Agnolo proposed their best ideas. At first, I was given the duty only as foreman to overlook the sculptures of the façade. As I wanted complete control over the façade’s work and after bitter fighting, in 1516, Pope Leo X decided to put me in charge of the entire job to be executed.

There are three drawings of the facade that I drew as well as a wooden model, which I did not personally make, showing how the final façade was supposed to look (without statues and friezes) that can be seen at Museum Casa Buonarroti.

Always yours, Michelangelo Buonarroti

ttg-logo-final-white-backgroundBook a Michelangelo Tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

Il restauro della Pietà Rondanini

La Pietà Rondanini è l’ultima opera alla quale misi mano. Iniziai a lavorarci nel 1552 ma un paio d’anni più tardi, come già avevo fatto anni prima per il Mosè, decisi di stravolgere il complesso scultoreo in corso d’opera. Dal corpo della Madre ricavai quello del Figlio creando qualcosa di unico e fino allora mai visto. L’opera non è conclusa: la morte mi raggiunse prima di poter finire il lavoro come volevo io.

Continuai a lavorare con martello e scalpello fino alla fine dei miei giorni con un vigore e una passione che spesso vedo mancare nei giovanotti d’oggi.

06 restauro pulitura.jpg

Nel 1999 si decise di avviare un progetto di manutenzione straordinaria per eliminare gli accumuli di sporcizia che con il tempo avevano oscurato la superficie del marmo, annullando di fatto i giochi di luce e ombra che io avevo creato.

Le indagini diagnostiche preliminari iniziarono nel 1999 e il restauro vene portato a termine nel 2005. Le indagini e il restauro sono stati condotti dall’Istituto per la conservazione e la valorizzazione dei Beni Culturali, da numerosi ricercatori e dall’Istituto Centrale del Restauro.

Dopo aver effettuato un scrupolosa osservazione delle superfici da pulire e dopo aver effettuato una serie di studi approfonditi nonché una raccolta di campioni di tutte quelle sostanze che non erano di natura calcarea, venne iniziato l’intervento di restauro.

La pulitura è servita per rimuovere accuratamente quella patina formatasi in secoli di storia che oscurava tutta la superficie della Pietà. Nel corso dei secoli passati la mia Pietà, per fortuna, non era mai stata sottoposta a pesanti e errati interventi di restauro che potessero complicare il lavoro dei restauratori come invece è accaduto per altre opere mie come gli affreschi della Sistina e il David.

In occasione dell’ultimo trasloco della Pietà Rondanini, che è stata spostata dal museo del Castello Sforzesco all’ospedale spagnolo dello stesso, la Pietà è stata sottoposta a una pulitura pi leggera, eseguita secondo il protocollo che era stato stabilito durante il precedente restauro. Se volete vedere un interessante video della Pietà Rondanini durante il restauro, cliccate qui .

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti per il momento vi saluta e se ne va a fare una passeggiata sotto la pioggia nemmeno fossi Fred Astaire.

download.jpg

 

 

ttg-logo-final-white-background Click here Book a Michelangelo Tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

 

Accademia d’arte ante litteram: il giardino di San Marco

Il giardino di San Marco, col senno di poi, svolse un ruolo fondamentale nella Firenze di fine Quattrocento. Fu come un primo tentativo assoluto di realizzare un’accademia d’arte ardentemente voluto e finanziato da Lorenzo de’ Medici. Fu proprio in questo giardino che anch’io imparai i primi rudimenti della scultura: l’arte che più di altre ho avuto a cuore per tutta la vita.

Se andate a Firenze con l’indento di addentrarvi i questo giardino non lo fate. Non esiste più da parecchi anni e c’è solo una targa appesa su una parete che ne ricorda la sua passata esistenza.

Il giardino era ubicato a poca distanza dalla Chiesa di San Marco e da quella di San Lorenzo. Proprio in quella zona i Medici avevano il loro quartier generale. Oltre a Palazzo Medici nel corso degli anni avevano comperato un gran numero di case. Fu Clarice Orsini, la moglie di Lorenzo a voler far suo quel pezzo di terra che fino al momento era appartenuta ai frati del convento di San Marco. Chissà se la Orsini era d’accordo col marito nel trasformare quel pezzo di terra in un laboratorio a cielo aperto anziché in un giardino pieno di fontane zampillanti.

Fatto sta che poco dopo l’acquisto, Lorenzo de’ Medici iniziò a sistemarci la sua collezione di sculture antiche acquistate quasi tutte a Roma. La sua intenzione fin da subito era quella di creare un centro dove i giovani artisti assai promettenti potevano esercitarsi sotto l’attenta guida di un maestro per apprendere  i rudimenti della scultura. Le opere antiche presenti venivano copiate per educare al gusto dell’antico.

A Betoldo da Giovanni, uno dei migliori allievi diretti di Donatello, spettò il compito di insegnare ai quei ragazzi, me compreso, i trucchi del mestiere. Quel giardino era una vera e propria fucina di artisti e anch’io mi formai lì come scultore ma anche Baccio da Montelupo, il mio caro amico Francesco Granacci, Pietro Torrigiani (sì, lui…quello che mi ruppe il naso con un cazzotto), il Bugiardini, il Sansovino, Niccolò Soggi, il Rustici e Lorenzo di Credi.

Lorenzo si faceva spesso vedere da quelle parti e passeggiava fra noi ragazzi guardando i lavori con ammirazione e talvolta criticava pure. Con il trascorrere del tempo il giardino perse d’importanza e si iniziarono a costruire nuovi edifici.

Il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta… a proposito, lo stemma a seguire è quello che accoglie gli avventori dinnanzi alla Grotta del Buontalenti a Firenze. Perché ve lo dico? Eh, in tanti su Facebook guarderanno sicuramente la foto senza leggere una parola di quello che ho scritto e prevedo che commenteranno il post dicendo che l’opera messa semplicemente per il simbolo mediceo non si trova nel Giardino di San Marco che fra l’altro nemmeno esiste più. Pazienza…tanto nemmeno leggeranno queste righe a loro dedicate.

Lo-stemma-dei-Medici-e-le-due-figure-che-rappresentano-la-pace-e-la-giustizia-Grotta-del-Buontalenti-Giardino-di-Boboli-Firenze-Italia.-Author-and-Copyright-Marco-Ramerini