Vai al contenuto

La Fonte Gaia a Siena

La Fonte Gaia è la più grande e importante fontana pubblica di Siena e si trova nel cuore pulsante della città: Piazza del Campo.

Tanto fu grande la gioia con cui venne accolta lo sgorgare delle fresche acque dagli abitanti nel momento della sua inaugurazione nel 1346 che venne rinominata appunto Fonte Gaia.

Fu progettata da Jacopo della Quercia e per alimentarla fu costruita un’opera idraulica laboriosa che richiese la realizzazione di trenta chilometri di galleria sotterranea per fare arrivare l’acqua fino alla Fonte.
Jacopo della Quercia però aveva scelto un marmo non appropriatissimo per questo tipo di lavori, ovvero quello della Montagnola senese. Poco resistente alle intemperie e al passare degli anni, le sculture cominciarono a cedere allo scorrere del tempo.

Annunci

Le fontane pubbliche non erano esclusivamente un abbellimento dei luoghi simbolo della città un tempo ma venivano adoperate costantemente per far bere gli animali, per attingervi acqua, per lavarsi e per lavare panni.

Il danno più grande subito dalla Fonte Gaia risale al 1743 quando un tale, per vedere meglio il palio, si arrampicò su una delle sculture a tutto tondo di della Robbia e la ruppe in chissà quanti pezzi. Il povero sventurato morì sul colpo.

Annunci

Tanto era il degrado del materiale che nel 1859 fu deciso di sostituire la fonte di Jacopo con una copia in marmo di Carrara a opera di Tito Sarocchi.

La copia dell’originale Fonte Gaia visibile oggi in Piazza del Campo venne spostata in posizione più centrale rispetto all’originale e protetta da una cancellata realizzata da Giuseppe Partini.

Annunci

Che fine fecero i rilievi di Jacopo della Quercia? Dopo un attento e lungo restauro oggi sono visibili presso il Museo di Santa Maria della Scala. Anche le sculture realizzate da Sarocchi non sono più in piazza ma nel medesimo museo e sostituti con copie novecentesche.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque in mostra ad Asti

🇮🇹Genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria, Boldini è pronto a trasportare il pubblico nelle sue opere nella mostra allestita a Palazzo Mazzetti di Asti.
🇬🇧A genius of painting who more than any other has been able to restore the rarefied atmospheres of an extraordinary era, Boldini is ready to transport the public to his works in the exhibition set up at Palazzo Mazzetti in Asti.

Le Opere del Natale: la Natività di Gesù di Giotto

🇮🇹Emozionante, dolcissima e ricca di significati, la Natività di Gesù affrescata da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, è una delle opere dedicate al Natale più conosciute al mondo…
🇬🇧Exciting, very sweet and full of meanings, the Nativity of Jesus frescoed by Giotto in the Scrovegni Chapel in Padua is one of the best known works dedicated to Christmas in the world…

La Porta dei Cornacchini con la Madonna policroma

🇮🇹Durante il restauro Porta del Cornacchini del duomo di Santa Maria del Fiore, è stato possibile capire che il gruppo scultoreo della Madonna col Bambino e gli Angeli adoranti un tempo era policromo.
🇬🇧During the restoration of the Porta del Cornacchini of the cathedral of Santa Maria del Fiore it was possible to understand that the sculptural group of the Madonna with Child and the adoring Angels was once polychrome.

Incontrare Vasari a Palazzo Vecchio

Conoscere la storia dell’arte e i personaggi del passato in modo diverso è possibile. Dopo il periodo di sospensione di due anni tornano a Palazzo Vecchio le esperienze che consentono di vivere appieno il passato…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: