Vai al contenuto

Nel laboratorio di Håkon Anton Fagerås

Come forse sapete, mi garba curiosare nei laboratori per poi raccontarvi nuove cose e presentarvi gli artisti di oggi.

Stamani, sotto un cielo nero e piovigginoso, me ne sono andato fino a Pietrasanta per cercare lo scultore Håkon Anton Fagerås: un eccellente artista norvegese che passa metà del suo tempo in Italia e l’altra metà nel suo Paese d’origine.

P1030749 (1)
Annunci

Fagerås si è laureato nel 2001 in scultura presso la Norwegian National Academy of Craft and Art Industry e pensate un po’ quanto sia piccolo il mondo… nel 1999 è venuto per la prima volta in Italia e ha soggiornato per un po’ nel medesimo paesino d’origine del mio alter ego, abbarbicato su per le Alpi Apuane, in Alta Versilia.

In pratica per un po’ di mesi si saranno pure incrociati chissà quante volte visto che d’anime quel paesino lì ne conta davvero poche; circa un’ottantina in tutto al momento.

P1030747
Annunci

Sono le opere di Håkon Anton Fagerås a parlare per lui, a raccontare un mondo fatto di studio, creatività ma anche di tanta dedizione e passione.

Senza quella scintilla che infiamma il cuore e fa muovere le mani, poco si potrebbe creare. Invece questo artista, nato nel 1975, ci mette l’anima nei suoi lavori e si vede da ciò che riesce a tirar fuori dal marmo, solo in apparenza freddo e duro.

Ad esser precisi duro il marmo lo è sul serio ma sotto le abili mani di Fagerås assume forme morbide come quelle dei cuscini di piume e riesce a divenire vellutato come la pelle di un bambino appena venuto al mondo.

P1030742.JPG
Annunci

Molto interessanti anche le due opere con le falene a cui sta lavorando. Peccato che le mie foto non gli rendano molta giustizia ma vi assicuro che viste dal vero sono un capolavoro, ricche di particolari ben definiti.

P1030744.JPG
Annunci

E’ sempre un grande piacere per me visitare i laboratori perché raccontano sempre molto di chi li porta avanti con tanto impegno. C’è bisogno come l’ossigeno di bellezza e di persone appassionate che amano ciò che fanno.

P1030746

Vi invito a visitare il profilo Instagram di questo artista che trovate scorrendo questa pagina. Guardate che meraviglie crea e lasciatevi stupire dalla bellezza, senza se e senza ma. Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti che prima di salutarvi, vi lascia anche l’indirizzo del sito di Fageras: http://fageras.com/.

View this post on Instagram

What do you think? Finished?

A post shared by Håkon Anton Fagerås (@fageras_sculpture) on

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Pontremoli e il Museo delle Statue Stele

“Unica chiave e porta della Toscana”: così veniva appellato non a caso il borgo di Pontremoli nel Medioevo. È il comune più a Nord di tutta la regione Toscana e si pensa possa essere stata un tempo l’antica Apua, la capitale della civiltà dei Liguri Apuani.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: