Il Cristo e il tendine che non c’è

Son parecchi i Crocifissi lignei realizzati nella seconda metà del Quattrocento a Firenze. Ce ne sono di pregevoli e altri meno belli ma comunque degni di ammirazione. Basta varcare le soglie di una Chiesa qualunque della città per trovarsi dinnanzi a crocifissi in tiglio o di altre essenze come quello del Brunelleschi in Santa Maria Novella o quello di Donatello che si trova qui in Santa Croce. Hanno in comune non solo l’epoca in cui vennero realizzati ma anche il tendine che compare ben in evidenza sotto l’ascella.

Chissà perché l’hanno realizzati con questo dettaglio… forse qualcuno ha visto l’omo scorticato riprodotto da Leonardo in cui nel quale il tendine è ben evidente. Fatto sta che questo dettaglio è presente in tutti i crocifissi di quel periodo, anche in quelli realizzati prima degli studi presentati da Leonardo.

Io ho sempre fatto di testa mia e nel mio Cristo di Santo Spirito il tendine non c’è. Provate a mettere le braccia a croce in tensione… vedete forse tendini così evidenti voi? Io no e nemmeno con le braccia rilassate si vede alcunché.

A notare per primo questo dettaglio è stato Pietro Antonio Bernabei, il medico e artista che assieme a Giulisano ha analizzato toccando con mano il Cristo e altre opere mie.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

161741494-3d84d445-a95f-4f61-a32c-1e5b3fc6b141

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...