Vai al contenuto

3 gennaio del 1556: muore il mio assistente Urbino

Il 3 gennaio del 1556 fu per me una giornata a dir poco drammatica: il mio carissimo assistente Urbino morì. Ero molto legato a lui lavorammo fianco a fianco per 25 anni. S’era ammalato gravemente nel giugno dell’anno precedente e il 25 novembre del 1555, già molto provato, scrisse le sue ultime volontà nominandomi esecutore testamentario e tutore dei suoi figli.

Annunci

L’avevo scelto fra tanti come garzone quando Antonio Mini se n’era partito nel 1530 alla volta della Francia. Francesco di Bernardino d’Amadore da Casteldurante, detto Urbino non era poi così talentuoso né con i pennelli né con lo scalpello ma era un valido aiutante e apprezzavo particolarmente la sua compagnia.

M’aiutava nella vita quotidiana a sbrigare le faccende di casa e spesso lo mandavo in giro per portare a termine commissioni varie.

Fu dura accettare quella scomparsa. Trascorsi giorni disperati e notti intere a piangerlo.

Sapete, l’Urbino m’aveva aiutato a macinare i colori nel periodo del Giudizio Universale e anche quando lavoravo agli affreschi della Cappella Paolina. Si occupò anche di montare le impalcature che avevo progettato e di preparare le pareti per gli affreschi: lavori che gli fecero ottenere da papa Paolo III il titolo di “mundator picturarum Cappellarum Palatii Apostolici” in data 26 ottobre del 1543, per un compenso di 6 ducati al mese. 

Gli regalai beni di ogni sorta e quando morì aveva accumulato una fortuna pari a 2800 fiorini fra terreni e case acquistate con i danari che gli davo.

Annunci

Per lui realizzai due dipinti oggi purtroppo andati perduti e gli diedi denaro a sufficienza per costruirsi un’ala adiacente alla mia casa in via Macel de’ Corvi a Roma. In questo ebbe una sorta di dependance privata dove poteva rifugiarsi quando lo desiderasse.

C’è ancora c’è chi insinua che son stato tirchio ma come vedete non fu proprio così.

Mi feci carico di esaudire le ultime sue volontà e divenni il tutore dei suoi figlioli e pensai al loro mantenimento e a quello della moglie. Con questi ragazzi e con la vedova Cornelia Colonnelli mantenni uno stretto rapporto, testimoniato anche dal carteggio.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti per il momento vi saluta, ricordando il caro Urbino nella giornata dedicata alla sua scomparsa. Troppo presto lasciò il mondo.

Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

In vita il mio cor tieni

Felice spirto, che con zelo ardente,
vecchio alla morte, in vita il mio cor tieni…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: