Vai al contenuto
Annunci

Un bambino da crescere come un nipote

Il mio assistente e grande amico Urbino passò a miglior vita molto giovane. Per vent’anni lavorammo assieme ma un triste giorno Nostro Signore lo richiamò a sè lasciando solo me.Era una fredda giornata di gennaio del 1556 quando chiuse i suoi occhi.

Tanto ero affezionato al su’ figliolo che avrei voluto insegnargli il mestiere mio. Sapete come si chiamava quel bimbetto? Michelangelo…come me l’aveva battezzato il su’ babbo. 

Quando ancora pensavo di andarmenea finire i miei giorni a Firenze, scrissi alla su mamma per dirgli che volentieri l’avrei portato con me, alla stregua di un nipote a cui svelare tutti i trucchi del mestiere. Le cose però a volte prendono pieghe inaspettate e rimasi per il resto dei miei giorni in quel di Roma, nella mia casa di Macel de’Corvi.

“…io stimo questo verno andarmene a Firenze per sempre perchè sono vechio e non ò tempo di più tornare a rRoma. E passerò di costà, e, volendomi dar Michelagniolo, lo terrò in Firenze com più amore ch’è figliuoli di Lionardo di mio nipote, insegnandogli quello che io so che’l padre desiderava che gl’imparasi…”

Il sempre vostro Michelangleo Buonarroti e i suoi racconti

La mano di Adamo
Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: