Vai al contenuto

18 Febbraio 1564: ottantanove anni per dire al mondo addio

Era un 18 febbraio come oggi quando Nostro Signore mi chiamò al suo cospetto.

Dopo nemmeno un mese avrei compiuto novant’anni ma pazienza, morii con qualche settimana d’anticipo. Ero a casa mia a Macel de’ Corvi, circondato dai miei collaboratori e dagli amici più cari che si preoccupavano per la mia salute.

Pochi giorni prima, il 14 febbraio del 1564, furono in diversi a scrivere al mi nipote Lionardo a Firenze affinché si partisse presto per venirmi a vedere prima che lasciassi questa terra.

Annunci

Daniele Ricciarelli, Tiberio Calcagni e Leoni Diomede presero carta e penna per riferire a Lionardo che stavo poco bene. Erano gli ultimi giorni quelli, non era difficile intuirlo a chi mi stava vicino.

Vi riporto la lettera che scrisse al mi nipote Tiberio Calcagni:

Roma, 14 Febbraio 1564

Molto magnifico m. Lionardo, io non vi ho mai scritto per non mi si esser porta la occasione, e la che mi si porge ora non è però di molta importanza. Pure non ho voluto manchare di avisarlavi.

Questo è perché, andando per Roma oggi, mi è stato detto da molti che messer Michelang(nio)lo stava male. Sono ito subbito da lui; et con tutto che piovessi, lo ho trovato fuori di casa a piede. Qual[e] visto, li dissi che non mi pareva a proposito andar lui, a questi tempi, fuori. ‘Che vòi tu ch’io facci ? Io sto male e non trovo quiete in luogo alcuno’. E mai più, con lo svariar delle parole e con la cera, mi ha fatto temer della sua vita, se non hora; e ne dubito forte che la non manchi fra poco.

Però non si deve dispera[r] della grati a divina, la quale per Sua pietà ce lo conceda ancor per qualche poco. E di qui incorrerei in conforti quali più tosto si convengono di voi verso di me, che di più età e sapere siate che io non sono. Basta che mi sarà carissimo altra modo che questa mia non sia imbasciatrice di mala novella. Però che io bene non ne farò, pure, tutto quello sucederà alla giornata, giusto la promessa farò dico di avisarlovi, andandoci perciò più spesso, perché da non so chi io non sia molto bene visto dico de’ sua là sù; da lui sì, per sua gratia.

Né altro. Manderò le mia ordinarie in Francesco Baldesi merciaio alle Colombe, ho vero alla Posta, condannate. E con questo resto vos(trissi)mo, confortandola a ralegrarsi et allo haver pacienzia secondo quello seguirà. Di Roma, alli dì 14 di febraro, alle 24 hore, dico perché ci è chi dice ch’egli è morto, et io lo ò lassato hora et acompag(nia)to a casa. Però io temo.

Tutto vostro Tiberio Calcagni scultore. Scrivendo, possete dar le lettere al detto Baldese. Al molto magnifico m. Lionardo Buonaruoti mio osservandissimo. A Fiorenza.

michelangelo
Annunci

Tre giorni dopo aver inviato a Firenze questa lettera, il Calcagni scrive di nuovo a Lionardo con grande apprensione: ero alla fine dei miei giorni. Sarei morto il giorno dopo….

Roma, 17 Febbraio del 1564

Molto magnifico m. Lionardo, io ho scritto per altra via a lungo. Questa sarà solo per dirvi che sollecitiate la venuta vostra quanto possete, ancor che ‘l tempo non lo comporti, atteso che ‘l vostro m. Michelag(nio)lo vorrà lassarci da vero, et arà pure questa sodisfatione di più. Né altro. Di Roma, alli 17 di febraro 1564.

Metionatissimo servitore Tiberio Calcagni. Al molto magnifico m. Lionardo Buonaroti mio osservandissimo. A Fiorenza o dove fussi. Di porto uno giulio.

Lionardo s’era affrettato a venire verso Roma ma quando arrivò già aro morto allietato dalla presenza di anime care fra le quali non poteva mancare il mio adorato Tommaso de’ Cavalieri.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Stanotte a Venezia con Alberto Angela: ecco la puntata integrale

Mai come adesso c’è bisogno di bellezza. Il momento è critico e stanno per arrivare nuove restrizioni.

Via Giulia a Roma

Il tratto più fotografato di Via Giulia a Roma è quello in cui si vede l’arco che lo attraversa. Si tratta dell’inizio di un ponte che ho progettato io…

La testa di Oxford, maschile o femminile?

Oggi voglio proporvi questo mio disegno tracciato a carboncino nero appartenente alle collezioni dell’Ashmolean Museum di Oxford. Secondo voi è la testa di un uomo o di una donna? Non è dato sapere. È probabile che sia uno studio dal vero di una testa maschile che avrei poi trasformato in una femminile con qualche modifica […]

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci
Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: