Vai al contenuto

Scoperta a Villa Farnesina: ritrovato importante atto vandalico del ‘500

Durante i restauri spesso vengono alla luce cose sorprendenti ed è quello che è appena accaduto a Villa Farnesina a Roma.

Il restauratore, scrittore e architetto Antonio Forcellino è al momento impegnato con i restauro degli affreschi del Sodoma, al secolo Giovanni Antonio Bazzi.

L’artista di Vercelli era stato chiamato a Roma da Agostino Chigi fra il 1516 e il 1517 per affrescare la sua camera da letto con le storie di Alessandro Magno.

Il Sodoma. Dettaglio delle Nozze di Alessandro e Roxane – Villa Farnesina
Annunci

Forcellino nel corso dei lavori ha individuato un graffito che fu eseguito durante il terribile Sacco di Roma che ebbe inizio il 6 maggio del 1527, da un soldato di Carlo V: un certo Johannes Maria de Anversa.

Come spiega lo stesso restauratore, la firma fu apposta probabilmente con un coltello dal mercenario sicuramente non analfabeta e per altro dotato di una certa grazia nella grafia.

Dopo aver sfregiato l’affresco del Sodoma con il proprio nome, lo fece seguire dalla parola FECIT rendendo poi omaggio all’imperatore Carlo V.

JHOANNES MARIA DE ANVERSA FECIT VK IMP

Annunci

Questo antico atto vandalico che probabilmente verrà lasciato visibile in qualità di preziosa testimonianza storica, non è l’unico che è stato ritrovato nel ciclo di affreschi in quella che un tempo era la camera da letto del potente banchiere senese Agostino Chigi. Fino al momento ne sono stati rivenuti una decina di sfregi fatti durante il Sacco di Roma.

Nel quarto volume del Secolo dei Giganti, in una scena di fiction, parlavo di questo graffiti. Questo deve aver influito nella ricerca di una realtà che supera, come sempre, la fantasia.

La vita è molto più magica di quanto generalmente si pensi e di quanto ci racconta il mondo del consumo veloce.

Antonio Forcellino
Annunci

La firma di Johannes Maria de Aversa è stata rinvenuta da Forcellino al di sotto della veste indossata da Alessandro Magno, proprio nel fulcro della scena che ha come protagonisti la consorte Roxana nel giorno delle nozze che viene incoronata seminuda e seduta sul letto a baldacchino dal neo sposo.

Sembra quasi una dichiarazione evidente di presa di possesso da parte dei Lanzichenecchi di quel luogo che divenne di fatto il loro quartier generale.

La scoperta del graffito è stata possibile solo dopo la rimozione dello stucco che era stato apposto per riempire i solchi delle incisioni durante precedenti interventi di restauro.

Annunci

Altri segni importanti che è stato scoperto durante questo restauro ancora in corso sono quelli che sfregiano il volto di Roxane e quello di Alessandro Magno.

Quella parte della scena si trova piuttosto in alto e non a portata di mano. Per incidere in quel modo i due volti, afferma Forcellino, probabilmente è stata usata una picca, ovvero un’arma dotata ti lama metallica assicurata a un’asta di legno.

E’ la storia che si fa materia. Le opere d’arte non sono solo un bell’oggetto ma sono anche depositarie della storia degli uomini e la loro conservazione significa soprattutto impedire la manipolazione della storia.

Antonio Forcellino
Il Sodoma. Dettaglio delle Nozze di Alessandro e Roxane – Villa Farnesina
Annunci

Nel corso dei secoli, questi appena ritrovati da Antonio Forcellino, non sono gli unici atti vandalici dei Lanzichenecchi arrivati fino ai nostri giorni ma sicuramente sono i più significativi. Nel corso dei prossimi mesi verrà approfondito il loro studio cercando di comprendere il loro significato più profondo, al di là di quello che si può osservare.

Esistono infatti sfregi risalenti al Sacco di Roma nei Musei Vaticani, nella Villa Lante al Gianicolo e perfino nella Sala della Prospettiva della stessa Villa Farnesina, oggi sede della prestigiosa Accademia dei Lincei.

Prima di salutarvi il sempre vostro Michelangelo Buonarroti vi lascia in compagnia del video in cui Antonio Forcellino ci racconta la sua importante scoperta. Buona visione

Annunci
Annunci

Villa Farnesina: an important act of vandalism from the 16th century discovered

During the restorations surprising things often come to light and this is what has just happened at Villa Farnesina in Rome.

The restorer, writer and architect Antonio Forcellino is currently busy with the restoration of the frescoes by Sodoma, born Giovanni Antonio Bazzi.

The artist from Vercelli had been called to Rome by Agostino Chigi between 1516 and 1517 to fresco his bedroom with the stories of Alexander the Great.

During the work, Forcellino identified a graffiti that was carried out during the terrible Sack of Rome which began on May 6, 1527, by a soldier of Charles V: a certain Johannes Maria de Anversa.

As the restorer himself explains, the signature was probably affixed with a knife by the mercenary who was certainly not illiterate and had a certain grace in his handwriting.

After having defaced the fresco by Sodoma with his own name, he had it followed by the word FECIT, then paying homage to the emperor Charles V.

JHOANNES MARIA DE ANVERSA FECIT VK IMP

This ancient act of vandalism which will probably be left visible as a precious historical testimony, is not the only one that was found in the cycle of frescoes in what was once the bedroom of the powerful Sienese banker Agostino Chigi. Up to now, about ten scars made during the Sack of Rome have been found.

In the fourth volume of the Century of Giants, in a fiction scene, I was talking about this graffiti. This must have influenced the search for a reality that surpasses, as always, the imagination.
Life is much more magical than we generally think and what the world of fast consumption tells us.

Antonio Forcellino

The signature of Johannes Maria de Aversa was found by Forcellino under the dress worn by Alexander the Great, right in the fulcrum of the scene that has as protagonists his wife Roxana on her wedding day who is crowned semi-naked and sitting on the canopied bed from the neo groom.

It almost seems like a clear declaration that the Landsknechts took possession of that place which became their de facto headquarters.

The discovery of the graffiti was only possible after the removal of the stucco that had been applied to fill the grooves of the carvings during previous restorations. Other important signs that have been discovered during this ongoing restoration are those that scar Roxane’s face and that of Alexander the Great.

That part of the scene is located quite high up and out of reach. To engrave the two faces in that way, says Forcellino, a pike was probably used, i.e. a weapon equipped with a metal blade secured to a wooden shaft.

It is history that becomes matter. Works of art are not only a beautiful object but they are also custodians of human history and their conservation above all means preventing the manipulation of history.

Antonio Forcellino

Over the centuries, these, just found by Antonio Forcellino, are not the only acts of vandalism by the Lanzichenecchi that have come down to the present day but they are certainly the most significant. Over the next few months, their study will be deepened, trying to understand their deepest meaning, beyond what can be observed.

In fact, there are scars dating back to the Sack of Rome in the Vatican Museums, in Villa Lante on the Gianicolo Hill and even in the Sala della Prospettiva of Villa Farnesina itself, today the seat of the prestigious Accademia dei Lincei.

Before saying goodbye, your always Michelangelo Buonarroti leaves you with the video in which Antonio Forcellino tells us about his important discovery. Good vision

Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • 8 febbraio: il Tormento e l’Estasi torna in tv

    8 febbraio: il Tormento e l’Estasi torna in tv

    Il celeberrimo film dal titolo “Il Tormento e l’Estasi” proposto sui grandi schermi per la prima volta nel 1965 e diretto da Carol Reed sta per tornare di nuovo in televisione.

  • Sui ponteggi con Forcellino: il video da Villa Farnesina

    Sui ponteggi con Forcellino: il video da Villa Farnesina

    🇮🇹Prosegue a gonfie vele il restauro che Antonio Forcellino sta conducendo sugli affreschi del Sodoma a Villa Farnesina a Roma. Il noto restauratore ci fa entrare assieme a lui nel cantiere, per… 🇬🇧The restoration that Antonio Forcellino is carrying out on the frescoes by Sodoma at Villa Farnesina in Rome continues at full speed. The well-known restorer lets us enter the construction site with him, to…

  • La Scultura del giorno: l’Odalisca di Pradier

    La Scultura del giorno: l’Odalisca di Pradier

    🇮🇹La scultura del giorno che vi propongo oggi è la sensuale Odalisca di James Pradier, realizzata dall’artista franco-svizzero nel 1841… 🇬🇧The sculpture of the day that I propose to you today is the sensual Odalisque by James Pradier, created by the French-Swiss artist in 1841…

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: