Vai al contenuto

6 maggio 1527: il Sacco di Roma

Era il 6 maggio del 1527 quando li lanzichenecchi, i soldati mercenari tedeschi al soldo di Carlo V d’Asburgo, irruppero nella Città Eterna mettendola mettendola a ferro e fuoco.

Fu l’ultimo sacco di Roma: il più tragico, devastante e sanguinoso di tutti i tempi.

Francesco I, il re di Francia, e Carlo V, il re di Spagna, si stavano aspramente contendono il titolo di imperatore del Sacro Romano Impero. A spuntarla però fu Carlo V, non senza proteste dalla fazione avversa.

Annunci

Il Sacco di Roma fu la conseguenza diretta della decisione presa da papa Clemente VII de’ Medici di costituire e promuovere una lega anti-asburgica nel maggio del 1526. A questa lega aderirono il re di Francia e i principali stati italiani come le repubbliche di Venezia, di Genova e Firenze al tempo sottomessa ai Medici e il ducato di Milano.

Il conflitto si fece sempre più aspro fino a quando Carlo V iniziò a prendere forza e si affacciò con le sue truppe alle porte di Roma.

L’attacco alla città mise a rischio anche la vita del papa stesso che riuscì a scappare e trovare rifugio in Castel Sant’Angelo.

Annunci

Il 6 maggio del 1527 la città fu invasa dalle truppe spagnole affiancate dai lanzichenecchi tedeschi, molti dei quali luterani. Clemente VII rinchiuso nel suo rifugio fortificato, dopo aver firmato un accordo il 26 novembre dello stesso anno, lasciò la città per Orvieto.

Poco dopo si trasferì a Viterbo dove rimase fino alla fine del periodo di occupazione.

Intanto Roma veniva massacrata: fu depredata e spogliata dei suoi averi. Furono uccisi 20mila cittadini, 10mila riuscirono a fuggire e 30mila morirono per la peste portata dai lanzichenecchi. Un bilancio tragico.

Il libro

Se volete approfondire la conoscenza sul Sacco di Roma, vi consiglio il libro “1527. Il Sacco di Roma. Ediz. illustrata” di Sabine Frommel e Delaplanche.

Un volume ben scritto che illustra passaggio dopo passaggio come si arrivò al sacco e quello che accadde poi. Lo trovate QUA

Annunci

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

May 6, 1527: the Sack of Rome

It was May 6, 1527 when the lansquenets, German mercenary soldiers in the pay of Charles V of Habsburg, broke into the Eternal City, putting it to fire and sword.

It was the last sack of Rome: the most tragic, devastating and bloody of all time.

Francis I, the king of France, and Charles V, the king of Spain, were fiercely contending for the title of Holy Roman Emperor. However, it was Charles V who won, not without protests from the opposing faction.

The Sack of Rome was the direct consequence of the decision taken by Pope Clement VII de ‘Medici to establish and promote an anti-Habsburg league in May 1526. The king of France and the main Italian states such as the republics of Venice joined this league. of Genoa and Florence at the time subjected to the Medici and the Duchy of Milan.

The conflict became increasingly bitter until Charles V began to gain strength and appeared with his troops at the gates of Rome.

The attack on the city also put the life of the pope himself at risk, who managed to escape and find refuge in Castel Sant’Angelo.

Annunci

The Sack of Rome was the direct consequence of the decision taken by Pope Clement VII de ‘Medici to establish and promote an anti-Habsburg league in May 1526. The king of France and the main Italian states such as the republics of Venice joined this league. of Genoa and Florence at the time subjected to the Medici and the Duchy of Milan.

The conflict became increasingly bitter until Charles V began to gain strength and appeared with his troops at the gates of Rome.

The attack on the city also put the life of the pope himself at risk, who managed to escape and find refuge in Castel Sant’Angelo.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • La Madonna del Latte del Rossellino che nessuno guarda…o quasi

    🇮🇹Proprio davanti alla mia tomba monumentale, nella Basilica di Santa Croce, c’è un’opera straordinaria di Antonio Rosellino che in pochi ahimè degnano d’uno sguardo: è la Madonna del Latte. Do you know who it was carved for? 🇬🇧Right in front of my monumental tomb, in the Basilica of Santa Croce, there is an extraordinary work by Antonio Rosellino which, alas, few deserve a glance: it is the Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

  • Christie’s: battuto all’asta per 23milioni di Euro il mio disegno giovanile

    🇮🇹Oggi pomeriggio è stato battuto all’asta da Christie’s a Parigi il mio disegno giovanile inedito che realizzai probabilmente quando me ne andavo spesso a studiare dal vero i superbi affreschi di Masaccio e Masolino nella Cappella Brancacci. 🇬🇧This afternoon, my unpublished early drawing was auctioned at Christie’s in Paris, which I probably created when I often went to study the superb frescoes by Masaccio and Masolino in the Brancacci Chapel from life.

  • Premio Friends of Florence 2022: assegnato a Nathalie Ravanel per restaurare 119 dipinti

    🇮🇹La VI edizione del prestigioso Premio Friends of Florence è stato assegnata oggi a Nathalie Ravanel per il restauro della collezione di 119 dipinti su pith paper del Museo Stibbert di Firenze. 🇬🇧The VI edition of the prestigious Friends of Florence Prize was awarded today to Nathalie Ravanel for the restoration of the collection of 119 paintings on pith paper of the Stibbert Museum in Florence.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: