Skip to content
Annunci

Restaurato il mio busto dell’Accademia

È stato portato a termine il restauro del busto che mi ritrae, realizzato da Daniele da Volterra. Potrete di nuovo ammirarlo all’interno della galleria dei Prigioni che porta al David. Entrate nel corridoio e guardate sulla destra: è lì che sta col suo sguardo malinconico.

Fu il mi nipote Lionardo a commissionare quel busto a Daniele da Volterra dopo la mia morte. L’artista noto alle cronache come il Braghettone ne realizzò tre copie autografe: due per Lionardo e una per Diomede Leoni. Quelle che arrivarono nelle mani di Lionardo non erano terminate ma avevano ancora bisogno di essere portate a un più avanzato grado di finitura. Uno di quei busti oggi appartiene alle collezioni di Casa Buonarroti e l’altro al Museo parigino di Jacquemart André. Il terzo busto fu rifinito da uno dei collaboratori di Daniele da Volterra e posizionato all’interno degli Horti Leonini. Successivamente passò alle collezioni di Ferdinando I de’ Medici ma poi in parte se ne persero le tracce. O meglio, i busti arrivati fino ai vostri tempi dalle collezioni medicee sono due e identificare quello originale di Daniele da Volterra non è stata cosa da poco. Sapete, quei busti di Daniele tanto ebbero successo che ne vennero fatte un gran numero di copie.

Busto appartenente all’Accademia o busto del Bargello? Qual è l’originale di Daniele da Volterra. Con questo ultimo restauro condotto da Nicola Salvioli è stato possibile attribuire con certezza il busto dell’Accademia all’artista amico mio. Infatti sulla sua superficie sono presenti i segni lasciati da una permanenza all’esterno molto lunga. Controllando negli inventari è emerso che il busto apparteneva alle collezioni medicee fino al 1803, anno in cui venne poi trasferito presso l’Accademia di Belle Arti e successivamente arrivò nella Galleria dell’Accademia.

È molto probabile che in tempi passati sia stato effettuato un restauro adoperando sostanze acidule che hanno tolto i residui di patina originale e avviato dei processi di corrosione localizzati. Dopo la campagna diagnostica mirata a raccogliere più informazioni possibili sullo stato di conservazione, è stato studiata la maniera migliore per intervenire sull’opera. Anche il piedistallo è stato ancorato in maniera diversa al busto per consentire un migliore ancoraggio.
Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti

busto_di_michelangelo_daniele_da_volterra_firenze_2018_02_22_

Annunci

4 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: