Vai al contenuto

I miei nove busti per la prima volta in mostra alla Galleria dell’Accademia di Firenze

Apre oggi al pubblico la nuova esposizione allestita presso la Galleria dell’Accademia di Firenze dal titolo “Michelangelo: l’effigie in bronzo di Daniele da Volterra”.

Per la prima volta in assoluto saranno esposti in una sola sede espositiva i nove busti in bronzo che mi ritraggono, attribuiti a Daniele da Volterra. Lo scopo principale di questo confronto è di riuscire a risolvere le numerose incertezze relative alla loro realizzazione e alla cronologia di queste opere in bronzo.

Foto by @davisand_co
Annunci

Il complesso rapporto fra le opere originali, le derivazioni e le repliche sarà al centro dell’attenzione per tentare di risolvere il problema dell’autografia di Daniele Ricciarelli o Daniele da Volterra che dir si voglia.

Ad eccezion fatta del busto che mi ritrae proveniente da Casa Buonarroti che per secoli è rimasto fra le pertinenze degli eredi, l’incertezza che esiste fra i busti appartenenti a collezioni italiane ed estere è ancora tanta.

I busti esposti

La mostra “Michelangelo: l’effigie in bronzo di Daniele da Volterra” vedrà riunite in un’unica sede le mie effigi conservate abitualmente alla Galleria dell’Accademia, al Bargello e a Casa Buonarroti, affiancate da prestiti nazionali e internazionali provenienti dal Museo del Louvre, dal Musée Jacquemart-André di PArigi, dall’Ashmolean Museum di Oxford, dai Musei Capitolini, dal Castello Sforzesco e dal Museo della Città Luigi Tonini di Rimini.

Il busto del Museo Nazionale del Bargello
Annunci

Quello che è certo è che due busti in bronzo che mi ritraevano vennero commissionati dal mi nipote Lionardo subito dopo la mia morte a Daniele da Volterra e successivamente anche Diomede Leoni, amico mio nonché antiquario, richiese un altro bronzo sempre al Ricciarelli.

Purtroppo Daniele da Volterra passò a miglior vita nel 1566 e non aveva rifinito nessuna delle tre teste commissionate dal mi nipote e dal Leoni.

I busti miei in 3D

In occasione di questo nuovo progetto espositivo, tutti i busti esposti sono stati sottoposti a una serie di analisi accurate mediante metodologie innovative e strumenti di ultima generazione.

Sono state effettuate analisi di tipo gelologico sulle terre di fusione e analisi nucleari per stabilire con certezza la natura della composizione delle leghe metalliche adoperate per tutti i busti. A questo progetto ha lavorato Mario Micheli, professore universitario di storia e tecnica del restauro presso l’università Roma Tre che in precedenza ha lavorato sulla Lupa Capitolina e i Bronzi di Riace.

Photo cretit Galleria dell’Accademia
Annunci

Successivamente le teste stampate in 3D in scala 1:1 in resina sono state mappate per sovrapporre e confrontare fra di loro le varie corrispondenze e tentare di individuare le opere originali di mano di Daniele da Volterra.

Il convegno di lunedì 21 febbraio 2022

Per lunedì 21 febbraio 2022 è prevista una giornata di studi alla quale parteciperanno i maggiori esperti internazionali.

A seguito di questo incontro verrà pubblicato un catalogo scientifico delle effigi in bronzo attribuite a Daniele da Volterra nel quale verranno inserite tutte le conoscenze acquisite a riguardo e i risultati delle indagini diagnostiche.

Il catalogo sarà edito da Mandragola

Il busto della Galleria dell’Accademia
Annunci

Il recente restauro condotto sul busto appartenente alla Galleria dell’Accademia di Firenze ha consentito di stabilire che sia proprio quello il secondo dei tre esemplari realizzati da Daniele da Volterra nel 1565 e di rivalutare alcune considerazioni ritenute certe fino a poco tempo prima.

Foto by @davisand_co
Annunci

La mostra “Michelangelo: l’effigie in bronzo di Daniele da Volterra” è stata realizzata con la sponsorizzazione di Intesa Sanpaolo, con i musei Gallerie d’Italia e Intesa Sanpaolo Innovation Center.

Segnatevi le date: da 15 febbraio 2022 fino al 19 giugno 2022.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Il gruppo del Baroncelli e di Paris alla mostra “Donatello. Il Rinascimento”

    Il gruppo del Baroncelli e di Paris alla mostra “Donatello. Il Rinascimento”

    🇮🇹Nel percorso espositivo della mostra “Donatello. Il Rinascimento” ci si trova faccia a faccia con il Crocifisso, la Madonna e San Giovanni dolenti, San Maurelio e San Giorgio col drago in bronzo e ottone di Niccolò Baroncelli e Domenico di Paris. 🇬🇧In the exhibition itinerary of the exhibition “Donatello. The Renaissance” we come face to face with the Crucifix, the Madonna and San Giovanni dolenti, San Maurelio and San Giorgio with the dragon in bronze and brass by Niccolò Baroncelli and Domenico di Paris.

  • Palazzo Vecchio: i mobiletti a commesso fiorentino

    Palazzo Vecchio: i mobiletti a commesso fiorentino

    🇮🇹Girovagando fra un ambiente e l’altro di Palazzo vecchio inevitabilmente ci si ritrova dinnanzi a mirabili mobiletti intarsiati con marmi e pietre dure preziose e semipreziose…. 🇬🇧Wandering from one room to another in the Palazzo Vecchio, one inevitably finds oneself in front of admirable cabinets inlaid with marble and precious and semiprecious semiprecious stones….

  • 21 maggio 1972: l’album fotografico a 50 anni dall’attentato alla Pietà Vaticana

    21 maggio 1972: l’album fotografico a 50 anni dall’attentato alla Pietà Vaticana

    🇮🇹Sono ormai trascorsi esattamente cinquant’anni da quando il trentaquattrenne australiano Lazlo Toth inveì con una mazzetta sopra la Pietà Vaticana e per l’occasione voglio proporvi alcune delle immagini più significative di quel momento ma non solo… 🇬🇧 Exactly fifty years have now passed since the thirty-four-year-old Australian Lazlo Toth railed with a bribe over the Vatican Pietà and for the occasion I want to offer you some of the most significant images of that moment but not only …

Annunci

4 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: