Vai al contenuto
Annunci

31 ottobre 1512: Giulio II inaugura la volta della Sistina

Era un giorno come oggi, era il 31 ottobre del 1512. Papa Giulio II, agghindato più che per il giorno di Natale, svelò ai presenti il lavoro che avevo da poco concluso. Quattro anni a mangiar colore e a respirare gli umori dell’intonaco appena steso, quattro anni di litigi col pontefice e con i primi assistenti, attese di pagamenti che spesso tardavano ad arrivare: era valsa la pena tutta quell’enorme fatica?

Oggi come allora dico di sì. Si leggeva negli occhi dei presenti stupore, meraviglia e lo sbalordimento dinnanzi a qualcosa di inaspettato, grandioso e mai visto prima.

Il papa sapeva già dall’inizio che quel lavoro mio avrebbe per sempre fatto rimbalzare di bocca in bocca il nome suo, da quel giorno fino all’eternità. E così è stato, almeno fino a oggi.

Le manie di grandezza di Giulio II son cosa nota e prima di entrare con la sua corte e tutti gli invitati, organizzò un pranzo luculliano durato ore e ore. Una festa che poco aveva a che fare con il sacro ma molto col profano.

Alla sua mensa presero posto tanti prelati e autorità dell’epoca. Fra velluti, raso prezioso e tessuti damascati pareva d’essere a uno sfoggio della ricchezza ma pure del cattivo gusto. Chi troppo ostenta spesso nulla stringe, tenetevelo a mente: a volte può far comodo.

Sua Santità volle si recitassero due commedie in onore dell’oratore di Parma e alla fine di quel pranzo che pareva non finire mai, s’avviò verso la Sistina seguito da 17 cardinali vestiti pure loro di tutto punto.

Io che per anni feci una vita da miserabile perché del lusso volentieri ne facevo a meno così come di tutto ciò che non era necessario per la sopravvivenza, vedevo questi porporati sfilarmi accanto. Mi veniva quasi da ridere ma rimasi serio, impegnato a scorgere le emozioni del momento sui loro volti.

Per giorni non si parlò d’altro in tutta Roma. Non della festa intendo, ma degli affreschi miei.

Scrisse Antonio Billi: “ha volsuto a tutto il mondo mostrare che tutti li altri gli sono inferiori, et tutti quegli che vogliono di tale arte essere chiamati maestri, a pari di quella di Michelagniolo conosciesi essere tutte le altre cose impiastrate”.

Il vostro Michelangelo Buonarroti che oggi volentieri ricorda quella vigilia di Ognissanti del 1512

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: