Skip to content
Annunci

L’Angelo Reggicandelabro

Nel mio primo soggiorno bolognese venni accolto in casa da Francesco Aldovrandi, un’anima nobile. Grazie alla sua intercessione mi fu affidata la conclusione dell’Arca di San Domenico: un’opera pregevole che era rimasta incompiuta dopo la morte di Niccolò dell’Arca. Cos’ mi misi al lavoro per realizzare San Procolo, San Petronio e un Angelo Reggicandelabro. Ecco, oggi voglio proprio parlarvi di quest’angelo.

Non è il solito angioletto esile e poco somiglia al suo compare posto dall’altra parte dell’altare scolpito proprio da Niccolò dell’Arca. Ha una corporatura molto più vicina a quella di  un’atleta. La veste gli copre le gambe che inchinandosi divarica. Mentre ruota leggermente il busto riesce a mantenere il capo ben eretto con tutti quei riccioli compatti. Ha un’espressione quasi perplessa e lo sguardo perso nel vuoto, La bocca semidischiusa consente di vedere la dentatura.

Dallo scollo della veste fa capolino la camicia leggera e si vedono bene le orlature dell’abito che indossa. Si presume che sia stata proprio questa la prima scultura che realizzai per l’Arca. È una rarissima opera mia di creatura celeste dotata di ali. Forse l’univa vista la molto discussa attribuzione dei disegni con gli angeli dell’annunciazione e la nota Madonna di Manchester, molto dibattuta pure quella.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti.

Foto di @Isabella Cardinali

Isabella cardinali pic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: