Vai al contenuto

La Guardia Svizzera: tutto quello che avreste sempre voluto sapere

La Guardia Svizzera Pontificia ha il compito di proteggere il Papa nella Città del vaticano e durante i suoi viaggi per il mondo, occupandosi anche dei servizi d’onore durante i ricevimenti dei capi di stato e durante le udienze.

Annunci

Quando e da chi fu istituita la Guardia Svizzera

È vero che fu papa Giulio II a istituire questo corpo armato in via ufficiale nel 1506 ma diversi anni prima, nel 1479, papa Sisto IV aveva concordato con la confederazione svizzera la possibilità di assoldare alcuni suoi mercenari per la difesa dello Stato Pontificio.

Successivamente, con Giulio II della Rovere, l’accordo prese forma. Era il 22 gennaio del 1506 quando un cospicuo gruppo di 150 soldati mercenari elvetici provenienti dal Canton d’Uri e sotto il comando di Kaspar von Silenen, arrivarono marciando nello stato pontificio attraverso Porta del Popolo.

Photo credit Vatican News
Annunci

Perché proprio i mercenari svizzeri?

Vi siete mai domandati perché i l pontefice volle al suo fianco proprio i soldati mercenari elvetici? Ebbene, proprio queste truppe al tempo erano conosciute e apprezzate in tutta Europa per la loro preparazione, il loro coraggio e per la fedeltà mantenuta nei confronti di chi servivano.

“Gli Helvetii sono un popolo di guerrieri, famoso per il valore dei suoi soldati”

Così scriveva già Tacito molti anni prima che venisse formalmente istituito il Corpo della Guardia Svizzera.

I soldati svizzeri servirono fedelmente anche il Regno di Napoli, quello di Francia, il Regno di Spagna e nel 1700 le praticamente tutte le corti europee avevano assoldato questi mercenari.

Annunci

Proprio il Corpo della Guardia Svizzera protesse il papa durante il Sacco di Roma iniziato il 6 maggio del 1527. Un plotone di 189 soldati scortarono papa Clemente VII de’ Medici dai Palazzi Apostolici verso Castel Sant’Angelo attraversando il Passetto di Borgo. Il pontefice ebbe salva la vita ma le perdite fra i soldati furono notevoli: ne sopravvissero solamente 42.

Il ruolo della Guardia Svizzera oggi

Dopo la Breccia di Porta Pia del 20 settembre 1870, la Guardia Svizzera proseguì il suo compito di difesa e protezione del papa all’interno dei Palazzi Apostolici.

Oggi si fa carico della sicurezza e della vigilanza del pontefice sia all’interno dello Stato Vaticano che durante i viaggi apostolici. Effettua inoltre il servizio d’onore nel corso delle udienze e negli importanti ricevimenti dei capi di stato.

Presiede alle cerimonie che si svolgono nell’aula di Paolo VI e nella Basilica di San Pietro. Sempre la Guardia Svizzera protegge il collegio cardinalizio dopo la morte del papa e in attesa dell’esito del nuovo conclave.

Annunci

Come si entra a far parte della Guardia Svizzera

Il Corpo della Guardia Svizzera oggi è composto da 135 uomini. Per entrare a far parte di quest’antica arma è necessario essere di sesso maschile e avere la cittadinanza svizzera, professare la fede cattolica, aver effettuato il servizio militare nell’esercito svizzero e presentare un certificato di buona condotta ottenuto proprio durante il servizio militare.

I membri della Guardia Svizzera non possono avere un’altezza inferiore al metro e 74 centimetri e devono essere celibi: il matrimonio infatti viene permesso solamente dal grado di caporale in su. Il giuramento viene fatto il 6 maggio di ogni anno, in occasione dell’anniversario del Sacco di Roma.

L’uniforme della Guardia Svizzera

A differenza di quanto si vocifera, non sono stato io a disegnare la divisa di questo corpo militare che protegge il papa. Ve ne ho parlato nello specifico QUA

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Ecco cosa risposi al Re di Francia

Non mi sarebbe dispiaciuto lavorare anche per il Re di Francia Francesco I ma il tempo non mi bastava nemmeno per portare a termine i lavori che avevo già in carico.

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: