Vai al contenuto

Il mosaico di Athena dei Musei Vaticani

Il celebre mosaico di Athena oggi è incastonato nel pavimento della Sala a Croce Greca del Pio Clementino dei Musei Vaticani ma ha alle spalle una storia lunga e travagliata.

La scoperta di questo capolavoro la dobbiamo al padre gesuita di origini croate Giuseppe Ruggero Boscovich. Scienziato e matematico assai apprezzato al suo tempo, nel 1741, rinvenne il mosaico nella zona della Villa della Rufuella presso Tuscolo.

Annunci

Il prezioso mosaico fu prelevato diversi anni dopo, nel 1776, ma durante le delicate operazioni di stacco subì importanti danni.

Fu portato ai Musei Vaticani e sistemato nella Sala a Croce Greca del Pio Clementino, dove tutt’oggi è possibile ammirarlo. Fu sottoposto a un importante restauro durato due anni, dal 1778 al 1780 con tanto di integrazioni e altri interventi assai invasivi.

Annunci

La Sala a Croce Greca fu progettata sotto il pontificato di Pio VI, fra il 1775 e il 1799 da Michelangelo Simonetti. Di fatto divenne i vestibolo del Museo Pio Clementino tanto che sul portale di accesso troneggia l’iscrizione Museum Pium. Proprio ai lati del grande portale si vedono i due grandi telamoni in granito rosa scolpiti attorno al I secolo dopo Cristo mentre il centro della scena è occupato per l’appunto dal mosaico di Atena.

Nella medesima sala sono presenti i due sarcofagi in porfido, il ritratto dell’imperatore Augusto Verospi e la scultura che ritrae Gaio Cesare, nipote di Augusto.  

Annunci

Il mosaico di Athena risale alla metà del I secolo avanti Cristo anche se, come accennato prima, durante la seconda metà del settecento subì pesanti interventi di restauro. Probabilmente in origine era stato realizzato per decorare il pavimento di un’importante sala di un’abitazione lussuosa.

Al centro troneggia Athena con tanto di elmo corinzio crestato mentre tutt’attorno una fascia circolare raffigura la volta celeste con le Pleiadi e le diverse fasi lunari. Ai quattro angolo più esterni del mosaico si vedono i quattro telamoni che con le braccia sollevate sostengono il peso del complesso rotondeggiante e le teste alate di Medusa.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

I nascondigli delle mie opere durante la Seconda Guerra Mondiale…e non solo

🇮🇹Sapete dove furono portate le mie opere durante la Seconda Guerra Mondiale per proteggerle dai bombardamenti ed eventuali trafugamenti?

🇬🇧Do you know where my works were taken during the Second World War to protect them from bombing and possible theft?

I singolari studi per un cavallo

🇮🇹Non era mio interesse disegnare, dipingere né tantomeno scolpire animali. Certo ci sono delle eccezioni nella mia produzioni artistica come questi studi di cavalli…

🇬🇧It was not my interest to draw, paint or sculpt animals. Of course there are exceptions in my artistic productions such as these horse studies…

Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

🇮🇹Lo stupefacente pavimento della cattedrale di Siena torna ad essere visibile al pubblico.
Realizzato in commesso marmoreo e graffito ha tante storie da raccontare a chi lo osserva: una per ogni tarsia.

🇬🇧The astonishing pavement of the Siena cathedral is once again visible to the public.
Made in marble and graffiti, it has many stories to tell to the observer: one for each inlay.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

3 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: