Vai al contenuto

Le tombe monumentali dei papi nella Basilica di San Pietro

Sono 147 i papi sepolti nella Basilica di San Pietro. Alcuni di loro vollero assicurarsi una sepoltura monumentale e, ancora in vita, affidarono la sua commissione agli artisti più apprezzati del proprio tempo.

Ad esempio Giulio II della Rovere volle fossi io a progettare e realizzare la sua grandiosa tomba. Avrebbe voluto posizionarla niente di meno che nel cuore della Basilica di San Pietro, al di sopra della tomba di San Pietro, proprio dove oggi c’è l’altare maggiore. Le cose poi andarono diversamente come sapete e il progetto fu assai ridimensionato. Il papa Giulio II in quel momento non aveva abbastanza danari per pagare un’impresa titanica simile.

Annunci

L’edificazione della nuova basilica vaticana era un pozzo a sperdere e in più bisognava finanziare la guerra per la conquista dei territori bolognesi. Giulio II poi morì e il pontefice che gli successe non aveva affatto intenzione di spendere per realizzare il mausoleo di un suo predecessore più guerriero che padre della cristianità.

Quali sono i monumenti sepolcrali presenti all’interno della Basilica di San Pietro oggi? Ve ne propongo alcuni dei più suggestivi, cominciando da quello dedicato a Urbano VIII del Bernini.

La monumentale tomba di Urbano VIII di Gian Lorenzo Bernini

Papa Urbano VIII volle che fosse il suo artista preferito a progettare la tomba che avrebbe accolto le sue spoglie: Gian Lorenzo Bernini. Il pontefice realizzato in bronzo dorato è seduto sul trono e con la mano destra benedice chi gli passa dinnanzi.  

A guardia del sepolcro sono poste due virtù: la Carità e la Giustizia. La Carità sta allattando un bambino come vuole l’iconografia classica. In origine era completamente nuda e nell’Ottocento fu coperta con un panneggio in bronzo dipinto. Dalla parte opposta c’è la Giustizia che ha lo sguardo rivolto verso il cielo.

Tomba Urbano VIII di Gian Lorenzo Bernini
Annunci

La morte raffigurata come uno scheletro regge un cartiglio sul quale si leggono i caratteri dorati con il nome del papa e il casato di appartenenza.

Al Bernini ci vollero vent’anni di tempo per portare a termine l’impresa (1627-1647) che fu ultimata quando il papa oramai era morto da tre anni.

Urbano VIII
Annunci

La tomba di papa Alessandro VII Chigi del Bernini e bottega

La tomba di papa Alessandro VII venne progettata dal Bernini che al tempo aveva parecchi anni sulle spalle. Fu realizzata poi fra il 1672 e il 1678 grazie alla collaborazione dei suoi allievi. E’ posizionata al di sopra di una porta in legno che porta direttamente all’esterno della Basilica di San Pietro.

La tomba di papa Alessandro VII Chigi del Bernini e bottega
Annunci

Bernini pensò alla realizzazione di un papa in ginocchio in marmo. Mentre la scultura del pontefice è in contemplazione, sotto di lui prende vita un ampio panneggio rosso in diaspro siciliano sostenuto dallo scheletro che segna l’inesorabile scorrere del tempo con la clessidra in mano.

Interessante il netto contrasto creato dal rosso del diaspro con il verde e il nero dei marmi utilizzati per le parti architettoniche e il marmo bianco delle quattro personificazioni delle virtù e del pontefice stesso.

Annunci

Il monumento funebre a Paolo III Farnese di Guglielmo della Porta

Il monumento funebre dedicato alla memoria di papa Paolo III Farnese si trova in fondo alla navata centrale della Basilica di San Pietro. Quest’opera fu fortemente voluta da suo nipote, il cardinale Alessandro Farnese. Un po’ alla stregua di Giulio II e della sua tomba, avrebbe voluto fosse posizionata laddove ora c’è l’altare maggiore.

Guglielmo della Porta iniziò a lavorare all’opera nel 1549 e la portò a termine solo nel 1574. Papa Paolo III Farnese ebbe molto a che fare con me. Fu lui che mi nominò sovrintendente alla costruzione della Basilica di San Pietro e che confermò la commissione del Giudizio Universale affidatami da Clemente VII. Sempre per lui realizzai i miei due ultimi affreschi nella Cappella Paolina.

Annunci

Ma torniamo a noi e alla tomba del pontefice. Il papa è al vertice dell’opera e venne realizzato in bronzo. Ai suoi piedi si vedono ne due virtù: la Giustizia e la Prudenza.

Sembrerebbe che Guglielmo della Porta abbia raffigurato nelle vesti della Giustizia la sorella del papa, Giulia Farnese mentre l’altra donna assai più anziana, potrebbe essere Giovannella Caetani, la madre di Paolo III. La scultura della Giustizia fu scolpita senza vesti e nel 1593 fu ricoperta con un panneggio in bronzo poi dipinto di bianco dal figliolo di Guglielmo, Teodoro della Porta, su ordine del papa Clemente VIII.

Annunci

La tomba di Clemente XIII di Antonio Canova

Canova realizzò la tomba per papa Clemente XIII, al secolo Carlo Rezzonico, fra il 1783 e il 1792. La struttura è suddivisa su tre differenti livelli. Il primo è occupato dai due mirabili leoni che proteggono l’accesso al sepolcro mentre ai lati sono posizionati il Genio della Morte e della Religione.

il secondo livello è occupato dal sarcofago contenente le spoglie del pontefice mentre al vertice della composizione è posizionato Clemente XIII inginocchiato su un cuscino. Sta pregando e in segno di umiltà ha deposto la tiara a terra.

La tomba di Clemente XIII di Antonio Canova
Annunci

Il grande monumento funebre fu inaugurato alla presenza del pontefice Pio VI Braschi la Settimana Santa del 1792, 23 anni dopo la morte di Clemente XIII. Canova volle assistere di persona all’evento ma preferì mescolarsi fra la folla vestito da abate per ascoltare i commenti delle persone senza farsi notare.

La tomba di Clemente XIII di Antonio Canova
Annunci

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

The monumental tombs of the popes in St. Peter’s Basilica

There are 147 popes buried in St. Peter’s Basilica. Some of them wanted to secure a monumental burial and, while still alive, entrusted their commission to the most popular artists of their time.

For example, Julius II della Rovere wanted me to design and build his grandiose tomb. He would have liked to place it no less than in the heart of St. Peter’s Basilica, above the tomb of St. Peter, right where the main altar is today. Things then went differently as you know and the project was greatly reduced. Pope Julius II at that time did not have enough money to pay for such a titanic undertaking.

The construction of the new Vatican basilica was a waste pit and in addition it was necessary to finance the war for the conquest of the Bolognese territories. Julius II then died and the pontiff who succeeded him had no intention of spending money to build the mausoleum of one of his predecessors who was more of a warrior than a father of Christianity.

What are the sepulchral monuments inside St. Peter’s Basilica today? I propose some of the most evocative, starting with the one dedicated to Urban VIII by Bernini.

The monumental tomb of Urban VIII by Gian Lorenzo Bernini

Pope Urban VIII wanted his favorite artist to design the tomb that would house his remains: Gian Lorenzo Bernini. The pontiff made of gilded bronze is seated on the throne and with his right hand he blesses those who pass before him.

Guarding the sepulcher are two virtues: Charity and Justice. Charity is breastfeeding a child as classical iconography dictates. Originally she was completely naked and in the 19th century she was covered with a painted bronze drapery. On the opposite side is Justice who has her gaze turned towards the sky.

Death depicted as a skeleton holds a cartouche on which the golden characters with the name of the pope and the family he belongs to can be read.

It took Bernini twenty years to complete the enterprise (1627-1647) which was completed when the pope had by now been dead for three years.

The Tomb of Pope Alexander VII Chigi by Bernini and workshop

The tomb of Pope Alexander VII was designed by Bernini who at the time had several years on his shoulders. It was then built between 1672 and 1678 thanks to the collaboration of his pupils. It is positioned above a wooden door that leads directly outside St. Peter’s Basilica.

Bernini thought about the creation of a kneeling pope in marble. While the sculpture of the pontiff is in contemplation, a large red drapery in Sicilian jasper comes to life below him supported by the skeleton that marks the inexorable passage of time with the hourglass in hand.

The clear contrast created by the red of the jasper with the green and black of the marbles used for the architectural parts and the white marble of the four personifications of the virtues and of the pontiff himself is interesting.

The funeral monument to Paul III Farnese by Guglielmo della Porta

The funeral monument dedicated to the memory of Pope Paul III Farnese is located at the end of the central nave of St. Peter’s Basilica. This work was strongly desired by his nephew, Cardinal Alessandro Farnese. A bit like Julius II and his tomb, he would have liked it to be positioned where the main altar is now.

Guglielmo della Porta began work on the work in 1549 and finished it only in 1574. Pope Paul III Farnese had a lot to do with me. It was he who appointed me superintendent of the construction of St. Peter’s Basilica and who confirmed the commission of the Last Judgment entrusted to me by Clement VII. Also for him I painted my last two frescoes in the Pauline Chapel.

But let’s get back to us and to the pontiff’s tomb. The pope is at the top of the work and was made in bronze. At his feet are seen two virtues: Justice and Prudence.

It would seem that Guglielmo della Porta depicted the pope’s sister, Giulia Farnese, in the guise of Justice, while the other much older woman could be Giovannella Caetani, the mother of Paul III. The sculpture of Justice was sculpted without clothes and in 1593 it was covered with a drapery in bronze which was then painted white by Guglielmo’s son, Teodoro della Porta, on the orders of Pope Clement VIII.

The Tomb of Clement XIII by Antonio Canova

Canova built the tomb for Pope Clement XIII, born Carlo Rezzonico, between 1783 and 1792. The structure is divided into three different levels. The first is occupied by the two admirable lions that protect the access to the sepulcher while the Genius of Death and Religion are positioned on the sides.

the second level is occupied by the sarcophagus containing the remains of the pope while at the top of the composition is Clement XIII kneeling on a cushion. He is praying and as a sign of humility he has placed the tiara on the ground.

The great funeral monument was inaugurated in the presence of Pope Pius VI Braschi during Holy Week of 1792, 23 years after the death of Clement XIII. Canova wanted to attend the event in person but preferred to mingle in the crowd dressed as an abbot to listen to people’s comments without being noticed.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by making an appointment for the next posts and on social media.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

LATEST POSTS

Annunci

18 febbraio: gratis i Musei del Bargello

🇮🇹Belle notizie in arrivo: il 18 febbraio i Musei del Bargello apriranno gratuitamente al pubblico per celebrare in grande stile l’anniversario della morte di Anna Maria Luisa de’ Medici… 🇬🇧Good news on the way: on 18 February the Bargello Museums will open free to the public to celebrate the anniversary of the death of Anna…

La Scultura del Giorno: Amore e Psiche stanti di Canova

🇮🇹La scultura del giorno che vi propongo oggi è Amore e Psiche stanti di Antonio Canova, il gruppo che ha per tema l’eterno conflitto fra l’amore e la psiche… 🇬🇧The sculpture of the day that I propose to you today is Cupid and Psyche by Antonio Canova, the group that has as its theme the…

San Pietro: lo stemma papale della facciata

🇮🇹Quando ci si ritrova al cospetto della Basilica di San Pietro , si fa davvero fatica a notare ogni dettaglio. La sua imponenza e le tante opere che la decorano quasi stordiscono. La ragione lascia spazio all’emozione e ci si perde… 🇬🇧When you find yourself in front of St. Peter’s Basilica, it’s really hard to…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: