Vai al contenuto

Gli articoli più letti del 2021

E così siamo giunti di nuovo a fine anno: un anno complicato, tutt’altro che sereno e che volentieri mi lascerei alle spalle se non temessi un anno ancora più duro di quello appena trascorso.

Tanto ottimista non lo son mai stato in tutta la vita e non lo sono nemmeno da morto. Non finisce in bellezza questo 2020 e non comincerà domani con molto entusiasmo il 2021: stessa zuppa ahimè.

La mia allegrezz’ è la maninconia

https://michelangelobuonarrotietornato.com/2020/02/24/la-mia-allegrezza-e-la-malinconia/

Mi pare quasi di prendervi in giro a farvi gli auguri. Per carità, non che non ce ne sia bisogno ma mi trattiene la consapevolezza che per un po’ non saranno molte le cose che gireranno per il verso sperato per tante, troppe persone.

Vi scrivo queste righe per riproporvi gli articoli pubblicati quest’anno che sono più apprezzati e letti sperando magari di darvi qualche suggerimento utile per visitare qualche bel posto quando si potrà o per approfondire qualche argomento nello specifico.

  1. Napoleone: quelle opere rubate e mai restituite

Quante e quali opere d’arte rubò Napoleone durante le sue sistematiche spoliazioni? Dipinti, sculture e altre opere scomparirono dal Paese ma anche dalla Spagna, Portogallo, Bassi e dal resto d’Europa. L’esercito francese si accaparrò un numero enorme di capolavori tanto che fu definito come “il più grande spostamento di opere d’arte della storia” dallo storico Paul Wescher.SEGUE QUA

2. Ecco perché m’han chiamato Michelangelo

Vi siete mai domandati perché m’han chiamato proprio Michelangelo? Sedetevi comodi che questa storia ve la voglio raccontare perbenino dall’inizio alla fine. Era una scelta piuttosto insolita nella Firenze di fine Quattrocento eppure… SEGUE QUA

3. Pietrasanta: nel laboratorio di scultura di Massimo Galleni

Son tornato a curiosare nel laboratorio di scultura di Massimo Galleni per respirare di nuovo l’odore del marmo e impolverarmi come si deve. Impossibile entrare lì dentro e uscirne poi senza avere… SEGUE QUA

4. Le deposizioni più belle della storia dell’arte

Nel giorno del Venerdì Santo, voglio proporvi alcune delle Deposizioni più belle della storia dell’arte. Da dove comincio? La scelta non è semplice perché in molti artisti hanno raffigurato questo momento in modo magistrale: da Caravaggio a Luca Giordano, da Raffaello a Rembrandt… SEGUE QUA

5. Restauro Pietà Bandini: il marmo è di Seravezza

Questa mattina, nella superba Sala del Paradiso dell’Opera del Duomo di Firenze, è stata presentata la conclusione del restauro della Pietà Bandini. Il restauro avviato nel novembre 2019 è stato interrotto più di una volta a causa della pandemia ma da oggi finalmente è possibile vedere l’opera sotto una nuova luce. Pare tornata a palpitare di nuovo, liberata e spoglia di tutti quei depositi che si erano accumulati secolo dopo secolosegue QUA

6. Lui, il David: il mio nuovo libro

È appena uscito il mio nuovo libro: Lui, il David. In questo volume vi porto alla scoperta di ogni singolo dettaglio del David: dall’estrazione del blocco di marmo a Fantiscritti fino alla narrazione di quello che rappresenta oggi una delle opere più note e amate al mondo. La vicenda si apre con una lettera che mi scrisse il mi babbo: la notizia che m’accennò a mezza bocca mi fece… SEGUE QUA

7. Le tombe monumentali dei papi nella Basilica di San Pietro

Sono 147 i papi sepolti nella Basilica di San Pietro. Alcuni di loro vollero assicurarsi una sepoltura monumentale e, ancora in vita, affidarono la sua commissione agli artisti più apprezzati del proprio tempo. Ad esempio Giulio II della Rovere volle fossi io a progettare e realizzare la sua grandiosa tomba. Avrebbe voluto posizionarla… segue QUA

8. La grande scultura di papa Pio IX in Santa Maria Maggiore

Nel cuore della Basilica papale di Santa Maria Maggiore, a Roma, c’è una grande scultura che raffigura un pontefice raffigurato in ginocchio mentre, con il rosario appeso alle mani giunte, adora la Reliquia della Mangiatoia in cui Gesù venne alla luce… segue QUA

9. Galleria Borghese: ecco il virtual tour

Galleria Borghese sbarca online con un’interessante galleria virtuale delle sue sale. Il celebre museo romano, custodisce una preziosa collezione di sculture, mosaici, dipinti, bassorilievi realizzati fra il il 1400 e il 1800… segue QUA

10. Il David finto ingabbiato: censurato a Dubai e censurato in Italia

Ho evitato di proposito l’argomento fino al momento ma a questo punto mi tocca parlarne: non ho altra scelta. Quel coso lì, la copia del David finita a Dubai, non m’è mai andato a genio. Come può piacermi un qualcosa realizzato con una stampante 3D, avvezzo com’ero a sentire sotto le dita la grana e la consistenza del marmo?… segue QUA

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

    Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

    🇮🇹Lo stupefacente pavimento della cattedrale di Siena torna ad essere visibile al pubblico. Realizzato in commesso marmoreo e graffito ha tante storie da raccontare a chi lo osserva: una per ogni tarsia. 🇬🇧The astonishing pavement of the Siena cathedral is once again visible to the public. Made in marble and graffiti, it has many stories to tell to the observer: one for each inlay.

  • La mia ammirazione per la Giunone Cesi

    La mia ammirazione per la Giunone Cesi

    🇮🇹Ecco come ebbi modo di vedere la Giunone Cesi e di innamorarmene la prima volta che andai a Roma… 🇬🇧Here’s how I got to see Giunone Cesi and fall in love with her the first time I went to Rome …

  • La Pietà Vaticana e il mio primo fornitore di marmi

    La Pietà Vaticana e il mio primo fornitore di marmi

    🇮🇹Il mio primo viaggio alla volta di Carrara lo intrapresi nell’autunno del 1497. Avevo 22 anni e fu quello il primo contatto con i luoghi di estrazione dei preziosi marmi che mi servivano per dar corpo alle opere mie. 🇬🇧I made my first trip to Carrara in the autumn of 1497. I was 22 and that was the first contact with the places where the precious marbles that I needed to give substance to my works were extracted.

Annunci

4 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: