Vai al contenuto

Gli uccelli del Giambologna

Nel Museo Nazionale del Bargello c’è un meraviglioso gruppo di volatili di bronzo che in epoca passata era custodito all’interno della Grotta Medicea di Castello. Fu il Giambologna, alias Jean de Boulogne, a dargli forma nel 1567, mostrando di avere una conoscenza approfondita degli atteggiamenti di quei pennuti.

Gli uccelli se ne stavano appollaiati fra le rocce, al di sopra degli animali a grandezza naturale, scolpiti nel 1555 dal Fancelli.

Annunci

Fino al 1816 gli uccelli rimasero all’interno della grotta poi vennero prima trasportati all’interno della Galleria degli Uffizi e successivamente nel Museo del Bargello dove tutt’oggi possono essere ammirati a distanza ravvicinata.

Annunci

I nove volatili

Il gruppo è formato da nove uccelli: il gufo, il pavone, il gallo, il barbagianni, l’astore, il tacchino, l’aquila, il falco e la fagiana. Probabilmente il Giambologna aveva avuto modo di vedere dal vero più volte tutti questi esemplari per poterli riprodurre in maniera così dettagliata e fedele.

Annunci

L’aquila che spesso usata come simbolo araldico con le ali spiegate, l’artista preferì raffigurarla con ali chiuse e capo chino rivolto verso il basso proprio come quella che il duca aveva nella sua voliera.

Annunci

Come accennato prima, in questo gruppo fa la sua comparsa anche il tacchino: un animale al tempo considerato esotico. Era arrivato da poco dalle Americhe e incuriosiva per quel suo aspetto buffo. Tanto è veritiero questo animale che pare quasi il Giambologna lo abbia realizzato su un calco dal vero.

Annunci

“Dopo Michelangelo, il massimo scultore del suo secolo e anche se le sue opere furono scolpite o gettate in bronzo a Firenze e per Firenze i bronzetti prodotti nella sua bottega trasformarono il suo stile in un idioma universale” -Pope-Hennessy-

Annunci

Quando visitate il Museo Nazionale del Bargello, guardate con attenzione questo gruppo di uccelli realizzato con tanta minuzia e conoscenza da parte del Giambologna: sono un vero capolavoro che ahimè viene poco notato.

Annunci

Il libro

Se siete alla ricerca di un libro sul Giambologna e le sue opere vi consiglio “Giambologna. Gli dei, gli eroi. Genesi e fortuna di uno stile europeo nella scultura”. Lo trovate QUA.


Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti.

Giambologna’s birds

In the Bargello National Museum there is a wonderful group of bronze birds that in the past were kept inside the Medicean cave of Castello. It was Giambologna, alias Jean de Boulogne, who gave it shape in 1567, showing that he had an in-depth knowledge of the attitudes of those birds.

The birds were perched among the rocks, above the life-size animals, sculpted in 1555 by Fancelli.

Until 1816 the birds remained inside the cave and then they were first transported inside the Uffizi Gallery and then in the Bargello Museum where they can still be admired at close range today.

The nine birds

The group consists of nine birds: the owl, the peacock, the rooster, the barn owl, the goshawk, the turkey, the eagle, the falcon and the pheasant. Giambologna probably had the opportunity to see all these specimens in real life several times in order to be able to reproduce them in such a detailed and faithful way.

The eagle that is often used as a heraldic symbol with its wings spread, the artist preferred to depict it with closed wings and bowed head facing downwards just like the one the duke had in his aviary.

As mentioned before, the turkey also makes its appearance in this group: an animal at the time considered exotic. He had recently arrived from the Americas and intrigued by his funny appearance. This animal is so truthful that it almost seems that Giambologna made it from a life cast.

“After Michelangelo, the greatest sculptor of his century and even if his works were sculpted or cast in bronze in Florence and for Florence the small bronzes produced in his workshop transformed his style into a universal idiom” -Pope -Hennessy-

When you visit the Bargello National Museum, look carefully at this group of birds created with so much detail and knowledge by Giambologna: they are a true masterpiece that unfortunately is little noticed.

Your always Michelangelo Buonarroti and his stories.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Il Giudizio Universale e quell’arazzo mancato

🇮🇹Oggi vi racconto una storia curiosa poco nota relativa a un arazzo che avrebbe dovuto completare il mio Giudizio Universale. Ebbene si, ci fu l’intenzione di realizzare una spalliera stretta e lunga per decorare la parte più bassa della parete, un po’ come accadde qualche anno prima sotto papa Leone X… 🇬🇧Today I’m going to…

Orazio Gentileschi e San Francesco: la nuova mostra a Palazzo Barberini

🇮🇹Apre i battenti oggi la mostra dal titolo “Orazio Gentileschi e l’immagine di San Francesco. La nascita del Caravaggismo a Roma”, curata da Giuseppe Porzio e Yuri Primarosa… 🇬🇧The exhibition entitled “Orazio Gentileschi and the image of San Francesco opens its doors today. The birth of Caravaggism in Rome”, curated by Giuseppe Porzio and Yuri…

Perugino, Bernini, Borromini e Goya: torna la grande arte al cinema

🇮🇹Sta per tornare la grande arte al cinema con tre importanti docu-film dedicati al Perugino in occasione dei 500 anni dalla sua morte, a Goya, al Bernini e al Borromini… 🇬🇧Great art is about to return to the cinema with three important documentary films dedicated to Perugino on the occasion of the 500th anniversary of…

L’Altare Papale della Basilica di San Pietro in Vaticano

🇮🇹Dopo la Confessione, l’Altare Papale della basilica di San Pietro è uno dei luoghi considerati più sacri per tutta la cristianità. Conoscete però la sua storia? Sedetevi comodi che ve la racconto dal principio… 🇬🇧After the Confession, the Papal Altar of St. Peter’s Basilica is one of the places considered holiest for all of Christianity.…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: