Vai al contenuto

Gli uccelli del Giambologna

Nel Museo Nazionale del Bargello c’è un meraviglioso gruppo di volatili di bronzo che in epoca passata era custodito all’interno della Grotta Medicea di Castello. Fu il Giambologna, alias Jean de Boulogne, a dargli forma nel 1567, mostrando di avere una conoscenza approfondita degli atteggiamenti di quei pennuti.

Gli uccelli se ne stavano appollaiati fra le rocce, al di sopra degli animali a grandezza naturale, scolpiti nel 1555 dal Fancelli.

Annunci

Fino al 1816 gli uccelli rimasero all’interno della grotta poi vennero prima trasportati all’interno della Galleria degli Uffizi e successivamente nel Museo del Bargello dove tutt’oggi possono essere ammirati a distanza ravvicinata.

Annunci

I 9 volatili

Il gruppo è formato da nove uccelli: il gufo, il pavone, il gallo, il barbagianni, l’astore, il tacchino, l’aquila, il falco e la fagiana. Probabilmente il Giambologna aveva avuto modo di vedere dal vero più volte tutti questi esemplari per poterli riprodurre in maniera così dettagliata e fedele.

Annunci

L’aquila che spesso usata come simbolo araldico con le ali spiegate, l’artista preferì raffigurarla con ali chiuse e capo chino rivolto verso il basso proprio come quella che il duca aveva nella sua voliera.

Annunci

Come accennato prima, in questo gruppo fa la sua comparsa anche il tacchino: un animale al tempo considerato esotico. Era arrivato da poco dalle Americhe e incuriosiva per quel suo aspetto buffo. Tanto è veritiero questo animale che pare quasi il Giambologna lo abbia realizzato su un calco dal vero.

Annunci

“Dopo Michelangelo, il massimo scultore del suo secolo e anche se le sue opere furono scolpite o gettate in bronzo a Firenze e per Firenze i bronzetti prodotti nella sua bottega trasformarono il suo stile in un idioma universale” -Pope-Hennessy-

Annunci

Quando visitate il Museo Nazionale del Bargello, guardate con attenzione questo gruppo di uccelli realizzato con tanta minuzia e conoscenza da parte del Giambologna: sono un vero capolavoro che ahimè viene poco notato.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti.

Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

21 maggio 1972: l’album fotografico a 50 anni dall’attentato alla Pietà Vaticana

🇮🇹Sono ormai trascorsi esattamente cinquant’anni da quando il trentaquattrenne australiano Lazlo Toth inveì con una mazzetta sopra la Pietà Vaticana e per l’occasione voglio proporvi alcune delle immagini più significative di quel momento ma non solo…
🇬🇧 Exactly fifty years have now passed since the thirty-four-year-old Australian Lazlo Toth railed with a bribe over the Vatican Pietà and for the occasion I want to offer you some of the most significant images of that moment but not only …

La malinconia che pervade le opere mie

🇮🇹Avete mai fatto caso a quella malinconia che pare pervadere l’intimo di molte mie opere? Molti disegni, sculture e affreschi hanno volti permeati da uno stato d’animo di vaga tristezza.
🇬🇧Have you ever noticed that melancholy that seems to pervade the depths of many of my works? Many drawings, sculptures and frescoes have faces permeated with a mood of vague sadness.

La Madonna del Latte del Rossellino che nessuno guarda…o quasi

🇮🇹Proprio davanti alla mia tomba monumentale, nella Basilica di Santa Croce, c’è un’opera straordinaria di Antonio Rosellino che in pochi ahimè degnano d’uno sguardo: è la Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

🇬🇧Right in front of my monumental tomb, in the Basilica of Santa Croce, there is an extraordinary work by Antonio Rosellino which, alas, few deserve a glance: it is the Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: