Vai al contenuto

10 marzo 1302: Dante viene esiliato da Firenze

Il 10 marzo del 1302 Dante viene esiliato dalla città di Firenze e non farà mai più ritorno, nemmeno da morto. Il mio amato Dante è sempre stato un militante, uno che non rimaneva immobile davanti alle ingiustizie e che sempre prendeva parte: o bianco o nero.

La scena politica fiorentina era allora dominata proprio dai Guelfi Bianchi e dai Guelfi Neri. I Bianchi erano formati dalla parte più ricca di Firenze con i suoi finanzieri e i suoi mercanti, capeggiati dalla famiglia Cerchi mentre i Neri, sotto la guida della famiglia Donati, erano assai vicini a papa Bonifacio VIII e lottavano per la restaurazione del potere nobiliare.

Annunci

Il papa voleva riaffermare il suo potere esclusivo sulla regione e sosteneva i Guelfi Neri, in forte contrapposizione con i Bianchi con i quali s’era schierato apertamente il Sommo Poeta.

Il conflitto divenne sempre più forte fino a quando le truppe alleate del papa di Carlo di Valois entrarono a Firenze facendo una strage della fazione opposta e deponendo il governo in carica. Dante si vide accusare di corruzione nell’esercizio delle sue funzioni pubbliche e fu condannato prima a pagare 5mila fiorini e poi a due anni di esilio. Le accuse erano totalmente infondate e Dante riuscì a rispedirle al mittente in un primo momento.

Annunci

Il 10 marzo del 1302 però gli vennero confiscati tutti i beni e fu condannato a morte: a quel punto l’esilio fu inevitabile.

Per i primi tempi pare vagò da una città all’altra e i suoi spostamenti non sono così ben documentati. Fatto sta che qualche anno dopo, nel 1315 gli fu concesso di tornare a Firenze: avrebbe però dovuto riconoscere colpe che non aveva e pagare una salatissima multa.

Dante mi somigliava parecchio: avrebbe mai potuto accettare una roba del genere? Ovvio che no!

«Non è questa, padre mio, la via del mio ritorno in patria ma se prima da voi e poi da altri non se ne trovi un’altra che non deroghi all’onore e alla dignità di Dante, l’accetterò a passi non lenti e se per nessuna siffatta s’entra a Firenze, a Firenze non entrerò mai»; scrisse Dante nella epistola Espitola XII

Annunci

Il Sommo Poeta giunse a Ravenna, accolto con tutti gli onori del caso da Guido Novello da Polenta e lì rimase fino al giorno della sua morte, nel settembre del 1321.

Quanto mi sarebbe garbato che almeno da morto fosse fatto tornare a Firenze! Il 20 ottobre del 1518 scrissi anche una lettera al papa chiedendogli di far tornare le mortali spoglie del sommo poeta in terra fiorentina. ” Io Michelagniolo Schultore il medesimo a Vostra Santità suplicho, offrendomi al Divin Poeta fare la Sepoltura sua chondecente, e in loco onorevole in questa Cictà”. Non ci fu niente da fare, Leone X de’ Medici non fece nemmeno caso alla lettera mia. Che progetto grandioso avevo in mente per quella sepoltura! Non ci fu verso: Dante nemmeno da morto fu fatto tornare in terra natìa e tutt’oggi le sue spoglie riposano a Ravenna.

Annunci

Amavo Dante, i suoi versi, la sua arguzia e la visione che aveva del mondo tanto che oltre a citarlo in diverse opere mie in modo assai esplicito, gli dedicai anche dei versi

… Di Dante dico, che mal conosciute/ fur l’opre suo da quel popolo ingrato/ che solo a’ iusti manca di salute.

I libri

In occasione dei 700 anni dalla Morte di Dante sono stati pubblicati un gran numero di volumi a lui dedicati. Vi propongo alcuni dei più interessanti che vale la pena leggere.

Il primo della lista è Dante di Alessandro Barbero. Cosa significava essere un giovane uomo al tempo di Dante? Qual era lo scenario dell’epoca? Barbero lo racconta in maniera precisa e puntuale in questo libro che trovate QUA.

Un altro libro molto interessante dedicato al sommo poeta è Danteide di Piero Trellini. Nel volume l’autore fa un viaggio a ritroso nel tempo per tentare di capire e spiegare perché quelle storie raccontate dal Sommo Poeta siano diventate proprio grazie a lui immortali e conosciute da tutti. Lo trovate QUA.

A riveder le stelle: Dante; il poeta che inventò l’Italia è il libro di Aldo Cazzullo. Dante è il poeta che inventò l’Italia e la nostra lingua ma ci ha dato anche l’idea di cosa significhi essere italiani, insomma, ha creato le basi per la nostra identità che raccoglie l’eredità dell’Impero Romano e diviene la culla dell’umanesimo. Nel libro trovate una attenta analisi dell’eredità che ci ha lasciato in dono: la nostra patria. Il libro lo trovate QUA.

Infine, come ultima proposta, vi mostro un interessante volume che racconta Dante e l’Inferno della Divina Commedia ai bambini. Un lavoro a cura di Federico Corradini e riccamente illustrato da Silvia Baroncelli.

Attraverso trentatré storie, gli autori raccontano in modo accessibile e appassionante anche per i più piccoli i luoghi dell’Inferno Dantesco e i suoi personaggi simbolo. Il libro lo trovate QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Palazzo Farnese a Roma

Con Palazzo Farnese ebbi parecchio a che fare. Oggi è la sede dell’ambasciata francese in Italia e con la sua imponenza domina l’omonima piazza nel Rione Regola.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

  1. L’ha ripubblicato su Pittura1arte2disegno3 Community Artistica Culturalee ha commentato:
    COMMUNITY ARTISTICA CULTURALE “IL NOSTRO IMMENSO PATRIMONIO ARTISTICO CULTURALE” in connessione con ARTE.IT online MAPPARE L’ARTE IN ITALIA e in MeWe +VK ITALIA + TWITTER+ G SUITE Google *RACCOLTA Save Collections* +LINKEDIN+ FACEBOOK+ INSTAGRAM + TUMBLR e qui in WORDPRESS Blog-Roll personale d’Approfondimento con connessioni “IL COLORE DEI PENSIERI” profilo PITTURA1ARTE2DISEGNO3 INVITO in Allegati con NEWS : *DANTE ALIGHIERI* 1265+1321 *POETA E PADRE DELLA LINGUA ITALIANA UNIVERSALE* Buona navigazione. pittrice artistica Susanna Galbarini in *PITTURARTISTICA 39° ANNIVERSARIO* Sito Pittura ed Arte sempre aggiornato con musica e tutte e connessioni a cui SEI INVITATO………

    "Mi piace"

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: