Vai al contenuto

8 marzo 1494: nasce il Rosso Fiorentino

Era l’8 marzo del 1494 quando nacque in quel di Firenze Giovan Battista di Jacopo di Gasparre che passerà poi alla storia con il nome di Rosso Fiorentino, un soprannome dato probabilmente per il colore dei suoi capelli.

Il Vasari lo descrisse come un uomo assai bello, appassionato di letteratura e di musica. Assieme al Pontormo fu un ragazzo di bottega di Andrea del Sarto e con lui lavorerà nella Santissima Annunziata a Firenze. Proprio per questo complesso affrescherà due stemmi all’interno della camera generale dei frati Serviti e l’Assunzione della Vergine nel chiostrino dei voti .

L’Assunzione della Vergine nel chiostrino dei voti .
Annunci

Nel 1515, insieme ad altri artisti, fu coinvolto nella realizzazione degli apparati effimeri che vennero installati in occasione del rientro in terra natia di papa Leone X, al secolo Giovanni di Lorenzo de’ Medici.  Il pontefice fece ingresso in città il 30 novembre del 1515 assieme a una schiera di cardinali che pareva non finisse più, con tutta la corte e qualche principe. Se volete avere un’idea di come la città venne vestita a festa, ve ne ho parlato a lungo QUA.

 Il 30 gennaio del 1518 gli fu commissionata il rettore dell’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze, Leonardo Buonafede, la pala d’altare con la Madonna e quattro Santi, oggi nota con il nome di Pala dello Spedalingo. 

Buonafede però la rifiutò molto probabilmente per forti disaccordi sul costo da corrispondere all’artista da quanto si evince da alcuni documenti e non tanto per il suo espressionismo sopra le righe. Il Vasari scrive che l’opera non fu accettata perché i Santi rappresentati parevano diavoli. e dal 1900 si trova alla Galleria degli Uffizi.

Particolare della Pala dello Spedalingo, Galleria degli Uffizi
Annunci

Dopo la pala rifiutata, il Rosso Fiorentino lasciò la città per circa tre anni. In quel periodo realizzò uno dei suoi massimi capolavori: la Deposizione della Croce, commissionata dalla Compagnia della Croce di Volterra per la chiesa locale francescana.

Dipinta con colori complementari e cangianti, nella parte bassa dell’opera i personaggi si mostrano dolenti e sconvolti dall’accaduto.

Annunci

Dopo un breve ritorno a Firenze che lo vede al lavoro su diverse opere almeno fino al 1523 come lo Sposalizio della Vergine nella Basilica di San Lorenzo e l’Angiolino Musicante, parte alla volta di Roma con la convinzione che grazie alla mediazione del papa mediceo Clemente VII possa ottenere importanti commissioni.

Particolare dello Sposalizio della Vergine del Rosso Fiorentino

Per quanto riguarda l’Angiolo Musicante, per anni si pensava fosse un’opera a sé stante ma secondo i risultati ottenuti con le riflettografie pare invece dovesse appartenere a un’opera un po’ più grande . Probabilmente l’angioletto era a figura intera e seduto su degli scalini dei quali ancora c’è traccia nella parte più bassa dell’opera.

Annunci

 “… lui era sempre molto poetico nella composizione delle sue figure, audace e ben radicata nella sua progettazione, con uno stile affascinante e mozzafiato fantasia …” scrisse il Vasari del Rosso Fiorentino nelle Vite.

Così già nello stesso anno 1523 realizzò a Roma gli affreschi della Cappella Cesi in Santa Maria della Pace. Fuggì all’arrivo nell’urbe delle truppe dei Lanzichenecchi rifugiandosi in un primo momento a Perugia presso l’amico pittore Alfani.

Particolare della Pala dello Spedalingo, Galleria degli Uffizi

Il Rosso Fiorentino terminerà la sua vita in terra straniera, in Francia, con la nomina di direttore dei lavori della decorazione della grande galleria di Fountainbleu.

Lo sposalizio della Vergine del Rosso Fiorentino, basilica di San Lorenzo a Firenze

Il libro

Se volete approfondire la conoscenza su questo grande pittore manierista, vi consiglio il libro Rosso Fiorentino. Leggiadra maniera e terribilità di cose stravaganti scritto da Antonio Natali che ha diretto con impeccabile professionalità e passione la Galleria degli Uffizi dal 2006 fino al 2016.

Un libro appassionato, ben documentato e che permette di addentrarsi nelle viscere di questo grande artista. Lo trovate QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

March 8, 1494: Rosso Fiorentino is born

It was 8 March 1494 when Giovan Battista di Jacopo di Gasparre was born in Florence, who will then go down in history with the name of Rosso Fiorentino, a nickname probably given for the color of his hair.

Vasari described him as a very handsome man, passionate about literature and music. Together with Pontormo he was a boy from the workshop of Andrea del Sarto and he will work with him in the Santissima Annunziata in Florence. Precisely for this complex he will fresco two coats of arms inside the general chamber of the Serviti friars and the Assumption of the Virgin in the cloister of vows.

Annunci

In 1515, together with other artists, he was involved in the creation of the ephemeral apparatuses that were installed on the occasion of the return to his native land of Pope Leo X, born Giovanni di Lorenzo de ‘Medici. The pontiff entered the city on November 30, 1515 together with a group of cardinals that seemed to never end, with the whole court and a few princes. If you want to get an idea of ​​how the city was dressed up, I have talked to you about it at length HERE.

On January 30, 1518, the rector of the hospital of Santa Maria Nuova in Florence, Leonardo Buonafede, was commissioned to produce the altarpiece with the Madonna and four saints, now known as the Pala dello Spedalingo.

However, Buonafede most likely rejected it due to strong disagreements on the cost to be paid to the artist from what can be seen from some documents and not so much for its over-the-top expressionism. Vasari writes that the work was not accepted because the saints represented looked like devils. and since 1900 it has been in the Uffizi Gallery.

After the refused altarpiece, Rosso Fiorentino left the city for about three years. In that period he created one of his greatest masterpieces: the Deposition of the Cross, commissioned by the Compagnia della Croce of Volterra for the local Franciscan church.

Painted with complementary and iridescent colors, in the lower part of the work the characters are painful and upset by the incident.

After a brief return to Florence which saw him at work on various works at least until 1523 such as the Marriage of the Virgin in the Basilica of San Lorenzo and the Angiolino Musicante, he left for Rome with the conviction that thanks to the mediation of the Medici Pope Clement VII could obtain important commissions.As regards the Angiolo Musicante, for years it was thought to be a work in its own right but according to the results obtained with the reflectography it seems instead that it should belong to a slightly larger work. Probably the little angel was full-length and sitting on some steps of which there is still a trace in the lower part of the work.

“… he was always very poetic in the composition of his figures, daring and well rooted in his design, with a fascinating and breathtaking fantasy style …” wrote Vasari del Rosso Fiorentino in the Lives.

So already in the same year 1523 he painted the frescoes of the Cesi Chapel in Santa Maria della Pace in Rome. He fled upon the arrival of the troops of the Landsknechts in the city, initially taking refuge in Perugia with his painter friend Alfani.

I “… he was always very poetic in the composition of his figures, bold and well rooted in his design, with a fascinating style and breathtaking fantasy…” wrote Vasari del Rosso Fiorentino in the Lives.

So already in the same year 1523 he painted the frescoes of the Cesi Chapel in Santa Maria della Pace in Rome. He fled upon the arrival of the troops of the Landsknechts in the city, initially taking refuge in Perugia with his painter friend Alfani.

For the moment, your Michelangelo BUonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Antonio Natali racconta Rosso Fiorentino e il Pontormo: ecco il VIDEO

Se anche da voi è caldo e non avete il coraggio di mettere il naso fuori di casa prima che le temperature comincino a scendere sul far della sera, vi propongo un’interessante conferenza di Antonio Natali…

I singolari studi per un cavallo

🇮🇹Non era mio interesse disegnare, dipingere né tantomeno scolpire animali. Certo ci sono delle eccezioni nella mia produzioni artistica come questi studi di cavalli…

🇬🇧It was not my interest to draw, paint or sculpt animals. Of course there are exceptions in my artistic productions such as these horse studies…

Torna visibile il pavimento della cattedrale di Siena

🇮🇹Lo stupefacente pavimento della cattedrale di Siena torna ad essere visibile al pubblico.
Realizzato in commesso marmoreo e graffito ha tante storie da raccontare a chi lo osserva: una per ogni tarsia.

🇬🇧The astonishing pavement of the Siena cathedral is once again visible to the public.
Made in marble and graffiti, it has many stories to tell to the observer: one for each inlay.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: