Vai al contenuto

13 febbraio 1571: muore il Cellini

Era il 13 febbraio del 1571 quando il Cellini passò a miglior vita lasciando ai posteri una grande eredità artistica. Genio e sregolatezza si potrebbe dire di lui: grande artista con un temperamento assai focoso, altro che il mio. Di casini ne combinò parecchi ma creò anche immensi capolavori come il meraviglioso Perseo che ancora veglia su Piazza della Signoria.

Autoritratto di Benvenuto Cellini, grafite su carta (1540–1543), Biblioteca Reale, Torino.
Annunci

Il Cellini era figliolo di un capomastro parecchio colto. Fin da bimbetto iniziò a imparare l’arte dell’oreficeria presso diversi maestri prima a Bologna, poi Pisa e infine Roma. A Roma andò a finire per scappare dalla condanna che pendeva sulla sua testa.

Sono assai conosciuti sono i suoi litigi con la famiglia di orafi Guasconti. Dopo un diverbio assai impetuoso, il Cellini sferrò una pugnalata a Gherardo Guasconti e quel litigio gli costò la condanna a morte in contumacia. Ecco perché l’artista subito dopo scappò a Roma e fu accolto nella bottega di Lucagnolo da Iesi.

Annunci

I suoi casini però mica finirono lì. Per essere accusato di aver rubato beni a papa Clemente VII durante il sacco di Roma finì nel carcere di Castel Sant’Angelo. Evase quasi subito rompendosi pure una gamba ma, poco dopo, venne ripreso e riconsegnato al papa che lo fece rinchiudere prima a Tor di Nona e poi ancora una volta a Castel Sant’Angelo fino al 1539.

Insomma non era un tipetto tranquillo. Scrisse anche un’autobiografia parecchio auto celebrativa che potete trovare QUA. “Tutti gli uomini di ogni sorte, che hanno fatto qualche cosa che sia virtuosa, doverieno, essendo veritieri e da bene, di lor propria mano descrivere la loro vita” scrisse il Cellini.

photo by Renata Bandelloni
Annunci

Cosimo I gli commissionò il Perseo: un’opera che lo fece tribolare assai soprattutto per i problemi che ebbe durante la fusione del metallo. Poco prima realizzò il busto di Cosimo I de’ Medici oggi visibile al Museo Nazionale del Bargello.

Sapete che il Cellini era un mio amico? Era assai più giovane di me ma le sue opere erano così belle e intense che non era proprio possibile non riconoscere il suo grande talento. Si innamorò a prima vista dei miei cartoni della Battaglia di Cascina e li studiò a lungo. “La scuola del mondo” li chiamava.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Le sculture della Grotta del Buontalenti

Quali sono le sculture che decorano la Grotta del Buontalenti e chi le realizzò.

Villa Bardini e le spettacolari fioriture del glicine

Come ogni primavera, a Villa Bardini torna a fiorire il glicine. Per una decina di giorni sarà possibile camminare al di sotto del pergolato fra le cascate lilla di tre differenti varietà della pianta rampicante, ammirando una delle più belle viste dall’alto sulla città di Firenze.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: