Vai al contenuto
Annunci

Mi struggo e mi consumo

Ho passato una notte insonne… no, non è come pensate: non son stato tutta la notte a pensare e a rimuginare sul passato ma me ne sono stato in giro per la città. Quell’arietta frizzantina m’ha fatto avvolgere in un vecchio cappotto logoro quasi come se fosse inverno. Mentre voi vi svegliate io me ne torno a letto e voglio riposare almeno fino a mezzogiorno. Vi lascio a farvi compagnia una delle mie rime e il volto di Dio che si appresta a dare la vita a Adamo.

 

 

74

   I’ piango, i’ ardo, i’ mi consumo, e ‘l core

di questo si nutrisce. O dolce sorte!

    chi è che viva sol della suo morte,

come fo io d’affanni e di dolore?

    Ahi! crudele arcier, tu sai ben l’ore

da far tranquille l’angosciose e corte

miserie nostre con la tuo man forte;

ché chi vive di morte mai non muore.

michelangelo_sistinechapelcreationofadamdetail4

 

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: