Vai al contenuto

4 giorni prima di morire: Daniele da Volterra richiama Lionardo a Roma

Oramai il corso della vita mia stava giungendo alla fine e di lì a poco me ne sarei andato dal mondo terreno. Quattro giorni prima del giorno fatale, il mio caro Daniele da Volterra, al secolo Daniele Ricciarelli, prese carta e penna per scrivere a mi’ nipote per farlo tornare a Roma.

L’ultima volta che era arrivato da me l’avevo cacciato in malo modo: pensavo potesse essere interessato solo all’eredità ma poi mi mancò tremendamente.

Mi sarebbe garbato rivederlo ma riuscì ad arrivare quando oramai non c’ero più. I tempi di viaggio allora erano assai lunghi: la lettera impiegò un paio di giorni o tre per giungere a Firenze e Lionardo, una volta letta, partì subito a cavallo e anche lui ebbe bisogno di qualche giorno per giungere nella città eterna.

Roma, 14 Febbraio del 1564

M. Lionardo honorandissimo, salute. Non havendo mai hauto occasione di scrivervi, mi son stato co[r]to, come vedete; ma non è già per questo che sempre non vi habbia portato quello amore et affetione che debitamente si conviene, havendo io riceuto tanto favore e tanti beneficii da m. Michelagniolo e da voi.

Hora, trovandosi m. Michelagniolo dell’età che sapete, ancora che e’ sia della buona complessione che è, nondimeno, qualche volta anch’egli à qualche perturbatione o di stomaco o d’altro, come suole accadere quasi a ttutti gli huomini viventi in questo mondo.

Il busto che realizzò Daniele da Volterra dopo la mia morte, su commissione di Cosimo I
Annunci

Ieri, essendoli venuto un poco di affanno con molto sonno, Antonio mi mandò a chiamare, e così, essendo là e rag[i]onando come si suole, Antonio disse che harebbe molto caro che egli havesse mandato per voi.

Io lo domandai se e’ voleva che io vi scrivessi che voi venisse fin qua, dicendoli che voi mi havevi scritto haverne gran desiderio, e per vederlo e per stare parechi dì di questa quaresima a Roma per vostra divotione. Lui mi rispose sempre dicendo ‘Io te ne prego’, e feciglielo dire ben tre o quatro volte.

Sì che a me parrebbe che voi non dovessi tardare a venire fin qua; e quando sarete qui potrete disporre dell’avenire quel che parrà meglio a lui e a voi. E non occorrendo altro, prego Dio che vi dia buon viaggio. Sollecitate quanto potete. Di Roma, alli 14 di febraro 1563. Vostro Daniele Ricciarelli . Michelagniolo Buonaroti. Al magnifico m. Lionardo Buonarroti mio da fratello carissimo. In Fiorenza.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti e le sue lettere.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Quando diventai maggiorenne

Essere maggiorenni ai tempi miei era una questione molto diversa da quella dei vostri tempi. Era il momento in cui i figlioli si potevano emancipare dal padre ottenendo la piena indipendenza giuridica.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: