Vai al contenuto

17 maggio 1510: muore il Botticelli

Era un 17 maggio proprio come oggi, ma del 1510 quando Sandro Botticelli, a sessantacinque anni, chiuse gli occhi per sempre, lasciando nelle mani dei posteri incredibili capolavori come la Nascita di Venere, la Primavera, la Madonna del Magnificat e le Tentazioni di Cristo.

La Venere del Botticelli, Galleria degli Uffizi
Annunci

Alessandro di Mariano di Vanni Filippepi, chiamato Botticelli, aveva un fratello orafo che lo portava con sé fin da piccino per fargli imparare il mestiere. Quel bimbetto era così talentuoso nel disegno che il su babbo, qualche anno dopo, decise di mandarlo a bottega da fra Filippo Lippi. Era il 1464. Rimase al fianco del maestro per tre anni, lavorando agli affreschi delle Storie di Santo Stefano e San Giovanni Battista a Prato.

Nel periodo di formazione cominciò anche a dipingere per conto suo realizzando numerose madonne che ancora molto risentivano dell’influenza di Lippi. Un esempio? La Madonna con Bambino e un angelo che oggi si trova al museo dello Spedale degli Innocenti a Firenze e la Madonna del Roseto degli Uffizi.

La Madonna del Roseto, Galleria degli Uffizi
Annunci

Negli anni della maturità, 1478 – 1481, il grande pittore realizzò le sue opere più mirabili. Basta pensare all’affresco di Sant’Agostino nello Studio della chiesa di Ognissanti a Firenze, dipinto su commissione della famiglia Vespucci.

Nello stesso periodo dipinse la grande tavola della Primavera su commissione di Lorenzo di Pier Francesco de’ Medici per la Villa Medicea di Castello. L’artista ideò un bosco di aranci ricchi di frutti mischiati ad altri arbusti. Al centro della scena c’è la donna con il manto drappeggiato rosso che ben bilancia la composizione con i nove personaggi.

Particolare della Madonna del Libro del Botticelli, oggi al Museo Poldi Pezzoli
Annunci

Se guardate a distanza ravvicinata il prato, vi renderete conto che pullula di specie vegetali autentiche con una caratteristica in comune: fioriscono tutte in primavera. Dall’iris al ranuncolo, dal papavero al gelsomino passando per i fiordalisi e i nontiscordardimè.

La Primavera del Botticelli
Annunci

Per abbellire la medesima villa di Lorenzo di Pier Francesco de’ Medici, dipinse anche la straordinaria Nascita di Venere, considerata da secoli l’incarnazione della bellezza femminile. Il mito narrato probabilmente fa riferimento a una delle Stanze del Poliziano che, ispirato da Ovidio. in realtà l’opera non fa riferimento alla nascita della dea ma piuttosto al suo approdo sull’Isola di Cipro.

Annunci

Anni più tardi, su commissione di papa Sisto IV e sotto la coordinazione di Pietro Perugino, il Botticelli realizzerà tre grandi affreschi per la Cappella Sistina: gli Episodi della Vita di Mosè, le Tentazioni di Cristo e la Punizione di Core, Dathan e Abiram.

A partire più o meno dal 1487 inizia a dare segni di inquietudine interiore che aumenteranno sempre di più fino al termine della sua vita. A scatenare la crisi mistica contribuì la comparsa sulla scena fiorentina del frate predicatore Savonarola. Come molti altri artisti ne fu molto influenzato tanto che, durante il Grande Rogo delle Vanità del 7 febbraio del 1497 organizzato da Savonarola e i suoi seguaci, aggiunse alla pira in fiamme alcune sue preziosissime opere.

Episodi della vita di Mosè di Sandro Botticelli
Annunci

Oramai malato e in la con gli anni per quell’epoca, il Botticelli morì il 17 marzo del 1510 e le sue spoglie riposano ancora oggi nella chiesa di Ognissanti a Firenze, assieme ai suoi familiari.

Particolare della Madonna dell’Eucarestia, Isabella Stewart Gardner Museum di Boston

Il libro

Se volete acquistare un libro che vi racconti nel dettaglio le opere e la vita di Sandro Botticelli, vi consiglio la monografia a cura di Alessandro Cecchi, entrato a far parte della Direzione della Galleria degli Uffizi nel 1982 al 2006, in veste di Direttore del Dipartimento della Pittura dal Medioevo al primo Rinascimento. Lo trovate QUA.

La Vergine e il bambino con San Giovanni e un angelo di Sandro Botticelli
Annunci

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

31 luglio 1873: inizia il trasloco del David verso la Galleria dell’Accademia

Il 31 luglio ebbe inizio il lungo e difficoltoso trasloco del David da Piazza della Signoria verso la Galleria dell’Accademia.

Il lago di Isola Santa

Un bacino artificiale, tetti di ardesia, casette in pietra e boschi di castagno: è la sintesi di Isola Santa, un borgo suggestivo che sembra uscito da un racconto dei fratelli Grimm.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: