Vai al contenuto

Che acconci egli il mondo

Io e papa Paolo IV, al secolo Gian Pietro Carafa non s’andava tanto d’accordo. Anzi, volentieri m’avrebbe bruciato sul rogo o zittito in altro modo se avesse potuto. Sarà stato pure papa ma nemmeno lui poteva osare tanto: in quel periodo stavo lavorando al grandioso progetto della Basilica di San Pietro e sapeva che non poteva fare a meno di me.

Michelangelo Giudizio Universale 1535-1541
Annunci

La Basilica aveva bisogno di energie, tempo e soprattutto di qualcuno che sapesse dove mettere le mani. I lavori erano giunti a un punto fermo e senza di me i lavori si sarebbero bloccati e chissà per quanto. Sulla costruzione del nuovo San Pietro si stava giocando l’onore della Chiesa tutta e ogni passo falso sarebbe costato denari ma pure la credibilità del pontefice in carica.

Ce l’aveva a morte con me per essere molto vicino agli Spirituali assieme a Reginald Pole, Vittoria Colonna, il cardinale Giovanni Morone e altri personaggi di spicco dell’epoca. Appena eletto papa si preoccupò di far diventare l’Inquisizione un organo di governo della Chiesa a tutti gli effetti.

Annunci

Il Concilio di Trento indetto da papa Paolo III era in pieno svolgimento e la chiesa era tutta in subbuglio. Da lì a poco tutte le opere d’arte giudicate poco consone a castissimi ambienti religiosi sarebbero state distrutte in via definitiva.

Molte opere andarono così perdute e a voi posteri ne sono arrivate copie o in alcuni casi solo ricordi scritti nero su bianco. Al mio Giudizio Universale andò un po’ meglio e si decise di deturparlo con braghe e perizomi di pelliccia a coprire genitali e chiappe nude. Nel caso di Santa Caterina e San Biagio, il povero Daniele da Volterra fu costretto a scalpellarli via e a ridipingerli a buon fresco.

Nessuno però osò metter mano al mio grandioso lavoro prima che passassi a miglior vita probabilmente perché già sapevano che a un’azione del genere non me ne sarei stato mani con le mani e meglio che gli andasse, non avrei più lavorato al progetto della Basilica di San Pietro.

Annunci

Papa Carafa provò a farmi “aggiustare” gli affreschi dipingendo panneggi a secco e altre stupidaggini del genere ma la mia risposta non si fece attendere a lungo: “Dite al papa che questa è piccola faccenda e che facilmente si può acconciare; che acconci egli il mondo, chè le pitture si acconciano presto”

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

21 maggio 1972: l’album fotografico a 50 anni dall’attentato alla Pietà Vaticana

🇮🇹Sono ormai trascorsi esattamente cinquant’anni da quando il trentaquattrenne australiano Lazlo Toth inveì con una mazzetta sopra la Pietà Vaticana e per l’occasione voglio proporvi alcune delle immagini più significative di quel momento ma non solo…
🇬🇧 Exactly fifty years have now passed since the thirty-four-year-old Australian Lazlo Toth railed with a bribe over the Vatican Pietà and for the occasion I want to offer you some of the most significant images of that moment but not only …

La malinconia che pervade le opere mie

🇮🇹Avete mai fatto caso a quella malinconia che pare pervadere l’intimo di molte mie opere? Molti disegni, sculture e affreschi hanno volti permeati da uno stato d’animo di vaga tristezza.
🇬🇧Have you ever noticed that melancholy that seems to pervade the depths of many of my works? Many drawings, sculptures and frescoes have faces permeated with a mood of vague sadness.

La Madonna del Latte del Rossellino che nessuno guarda…o quasi

🇮🇹Proprio davanti alla mia tomba monumentale, nella Basilica di Santa Croce, c’è un’opera straordinaria di Antonio Rosellino che in pochi ahimè degnano d’uno sguardo: è la Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

🇬🇧Right in front of my monumental tomb, in the Basilica of Santa Croce, there is an extraordinary work by Antonio Rosellino which, alas, few deserve a glance: it is the Madonna del Latte. Do you know who it was carved for?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: