Vai al contenuto

Gli orologi di San Pietro

Sicuramente vi sarà capitato di osservare la facciata di San Pietro e non vi saranno sfuggiti i due orologi che la caratterizzano. Oltre alla loro funzione pratica e decorativa hanno anche un altro scopo che vi racconterò a breve, ma andiamo con ordine.

Questi grandi orologi vennero progettati nel 1785 dall’orafo, argentiere e architetto Valadier e segnano orari diversi o meglio, scandiscono le ore secondo metodi di misurazione differenti.

Quello che si trova a sinistra osservando la facciata, viene chiamato Oltremontano e presenta la suddivisione delle ore col metodo francese. Qual è il metodo d’oltralpe? Lo stesso che adoperate anche voi quotidianamente, né più né meno.

L’altro orologio invece ha una lancetta sola e scandisce l’ora italica. Era il sistema di suddivisione del tempo più usato almeno fino al 1797. In pratica le ore iniziano ad essere contate dal momento del tramonto fino al tramonto successivo, quando viene raggiunta la ventiquattresima ora. Un metodo che potrà apparire quasi bizzarro adesso ma che è stato utilissimo fino all’introduzione dell’ora francese per capire quante ore di luce rimanessero nell’arco di una giornata.

Gli orologi visti da terra non sembrano così grandi eppure ciascuno di loro ha un diametro di quattro metri. I quadranti vennero realizzati a mosaico e posizionati fra due angeli in travertino. La tiara papale è posizionata sopra entrambi gli orologi così come le chiavi incrociate, tutti simboli della Santa Sede.

Valadier decise di posizionare in questo modo gli orologi per trovare soluzione a un problema di cui già il Bernini s’era occupato con i campanili crollati. Di cosa si tratta? Ebbene, con l’allungamento verso la piazza della navata centrale, veniva in parte sminuita la grandiosità della cupola e la facciata risultava troppo schiacciata e poco armonica. I due orologi hanno quindi anche la funzione di rialzare la facciata lateralmente e di incorniciare la cupola visivamente.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

€5,00

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: