Vai al contenuto
Annunci

Serra ‘l petto e poi par che si spanda,

Buon inizio di giornata a tutti voi e buona domenica. Stamani è ghiacciata anche l’acqua nella ciotola del gatto del Foscolo: un ritorno di fiamma dell’inverno che ha strinato tutte le piantine di Galileo.

Vi scrivo qualche verso mio ripescato dalla memoria e poi proseguo con le mie tribolazioni, mortali e non.

Quanto si gode, lieta e ben contesta
di fior sopra ‘ crin d’or d’una, grillanda,
che l’altro inanzi l’uno all’altro manda,
come ch’il primo sia a baciar la testa!
    Contenta è tutto il giorno quella vesta
che serra ‘l petto e poi par che si spanda,
e quel c’oro filato si domanda
le guanci’ e ‘l collo di toccar non resta.
    Ma più lieto quel nastro par che goda,
dorato in punta, con sì fatte tempre
che preme e tocca il petto ch’egli allaccia.
    E la schietta cintura che s’annoda
mi par dir seco: qui vo’ stringer sempre.
    Or che farebbon dunche le mie braccia?

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

IMG_20160516_113234

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: