Vai al contenuto
Annunci

Categoria: poesie

In più leggiadra e men pietosa spoglia

In più leggiadra e men pietosa spoglia altr’anima non tiene che la tuo, donna, il moto e ‘l dolce anelo; tal c’alla ingrata voglia al don di tuo beltà perpetue […]

La prima disillusione che ebbi

Arrivai poco più che ragazzino a Roma per la prima volta. Sebbene fossi abituato ai fasti fiorentini, quelli romani e in particolare del papato, erano ancor più esagerati e sicuramente […]

Il vulgo segna e addita

Veggio nel tuo bel viso, signor mio, quel che narrar mal puossi in questa vita: l’anima, della carne ancor vestita, con esso è già più volte ascesa a Dio.     E […]

Leggete in me qual sarà ‘l vostro male

Fuggite, amanti, Amor, fuggite ‘l foco; l’incendio è aspro e la piaga è mortale, c’oltr’a l’impeto primo più non vale né forza né ragion né mutar loco.     Fuggite, or che […]

Chi vive di morte mai non muore

I’ piango, i’ ardo, i’ mi consumo, e ‘l core di questo si nutrisce. O dolce sorte!     chi è che viva sol della suo morte, come fo io d’affanni e […]

Non ha l’ottimo artista alcun concetto…

 Non ha l’ottimo artista alcun concetto c’un marmo solo in sé non circonscriva col suo superchio, e solo a quello arriva la man che ubbidisce all’intelletto.     Il mal ch’io fuggo, […]

Non è più tempo

 Non è più tempo, Amor, che ‘l cor m’infiammi, né che beltà mortal più goda o tema: giunta è già l’ora strema che ‘l tempo perso, a chi men n’ha, […]

Perchè da morte non sia vinto amore

 Il mio refugio e ‘l mio ultimo scampo qual più sicuro è, che non sia men forte che ‘l pianger e ‘l pregar? e non m’aita.     Amore e crudeltà m’han […]

Per la strada erta e lunga

A l’alta tuo lucente dïadema per la strada erta e lunga, non è, donna, chi giunga, s’umiltà non v’aggiungi e cortesia: il montar cresce, e ‘l mie valore scema, e […]

A che viver son nato

Vivo al peccato, a me morendo vivo; vita già mia non son, ma del peccato: mie ben dal ciel, mie mal da me m’è dato, dal mie sciolto voler, di […]

‘l tempo gli prometto

Passo inanzi a me stesso con alto e buon concetto, e ‘l tempo gli prometto c’aver non deggio. O pensier vano e stolto!     Ché con la morte appresso perdo ‘l […]

Là dove l’alma il cor lassa

Non altrimenti contro a sé cammina ch’i’ mi facci alla morte, chi è da giusta corte tirato là dove l’alma il cor lassa; tal m’è morte vicina, salvo più lento […]

L’error mio

 I’ mi credetti, il primo giorno ch’io mira’ tante bellezze uniche e sole, fermar gli occhi com’aquila nel sole nella minor di tante ch’i’ desio.     Po’ conosciut’ho il fallo e […]