Skip to content
Annunci

Categoria: poesie

L’arte vuol che qui viva

 Sol d’una pietra viva l’arte vuol che qui viva al par degli anni il volto di costei.     Che dovria il ciel di lei, sendo mie questa, e quella suo fattura, […]

Amor, come virtù viva e accorta

 Quanta dolcezza al cor per gli occhi porta quel che ‘n un punto el tempo e morte fura!     Che è questo però che mi conforta e negli affanni cresce e […]

M’hai legato a te senza corde

Buon inizio di giornata a tutti voi. Vi scrivo qualche mio verso antico per cominciare bene questo dì…tanto alla fine mica si sa cosa accadrà da qui a stasera. Mestier […]

Mica è cosa mortale la bellezza tua

Amor, la tuo beltà non è mortale: nessun volto fra noi è che pareggi l’immagine del cor, che ‘nfiammi e reggi con altro foco e muovi con altr’ale. Il sempre […]

Non posso non mancar d’ingegno e d’arte

 Non posso non mancar d’ingegno e d’arte a chi mi to’ la vita con tal superchia aita, che d’assai men mercé più se ne prende.     D’allor l’alma mie parte com’occhio […]

L’alma sbigottita

Se costei gode e tu solo, Amor, vivi de’ nostri pianti, e s’io, come te, soglio di lacrime e cordoglio e d’un ghiaccio nutrir la vita mia; dunche, di vita […]

‘L mie passato m’è presente

Mentre che ‘l mie passato m’è presente, sì come ognor mi viene, o mondo falso, allor conosco bene l’errore e ‘l danno dell’umana gente: quel cor, c’alfin consente a’ tuo […]

El mondo è cieco

Non sempre a tutti è sì pregiato e caro quel che ‘l senso contenta, c’un sol non sia che ‘l senta, se ben par dolce, pessimo e amaro.     Il buon […]

Sul far della sera

Ancora qualche ora di luce e poi sarà di nuovo notte: un’altra notte da far scorrere fra pensieri, angustie e voli pindarici. Sul far della sera è mia abiturine risfogliare […]

S’appresso m’ardi e nel partir m’uccidi

 I’ mi credetti, il primo giorno ch’io mira’ tante bellezze uniche e sole, fermar gli occhi com’aquila nel sole nella minor di tante ch’i’ desio.     Po’ conosciut’ho il fallo e […]

Il vento il foco accende

S’i’ vivo più di chi più m’arde e cuoce, quante più legne o vento il foco accende, tanto più chi m’uccide mi difende, e più mi giova dove più mi […]

L’occhio è offeso da chi troppo splende

    Non posso non mancar d’ingegno e d’arte a chi mi to’ la vita con tal superchia aita, che d’assai men mercé più se ne prende.     D’allor l’alma mie parte com’occhio […]

Debile vecchio, è tardi

No’ salda, Amor, de’ tuo dorati strali fra le mie vecchie ancor la minor piaga, che la mente, presaga del mal passato, a peggio mi traporti.     Se ne’ vecchi men […]

Sol per divina legge

S’è ver, com’è, che dopo il corpo viva, da quel disciolta, c’a mal grado regge sol per divina legge, l’alma e non prima, allor sol è beata; po’ che per […]