Skip to content
Annunci

Il Venerdì Santo dipinto e scolpito

“E Gesù, avendo di nuovo gridato con gran voce, rese lo spirito. Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo; la terra tremò e le rocce si spaccarono” dal vangelo di Matteo.

Il Venerdì Santo è stato raffigurato in tanti modi differenti da un gran numero di artisti. E’ uno dei temi più ricorrenti nel quale si sono cimentati da Raffaello a Lorenzo Lotto, dal Rosso Fiorentino al Pontormo. Anche io ho dato il mio contributo con Pietà scolpite e un gran numero di Pietà, Deposizioni e Crocifissioni disegnate.

Per ricordare questa giornata di lutto così particolare, oggi voglio riproporvi alcune opere molto note che raffigurano i momenti più importanti del Venerdì Santo.

800px-Raffaello,_pala_baglioni,_deposizione.jpg

Questa è la Deposizione di Raffaello Sanzio, nota anche come la Deposizione Borghese. Si tratta di un dipinto a olio su tavola fortemente ispirato dalla probabilmente mia Deposizione del Cristo nel Sepolcro. Certi atteggiamenti dei personaggi sono quasi sovrapponibili a quelli che ideai io. Non è una novità quella che Raffaello spesso e volentieri per così dire si “ispirasse” alle mie opere copiando spudoratamente.

Rosso_Fiorentino_-_Pietà_-_WGA20135.jpg

Questa invece è la Pietà del Rosso Fiorentino che si trova al Louvre. Un dipinto su tavola trasferito poi su tela. Venne dipinta in Francia alla corte di Francesco I per il connestabile Anne de Montemorency. E’ un pietà molto intensa e struggente nella quale il volto del Cristo appare sofferente anche se non appaiono evidenti i segni della crocifissione.

A seguire vi propongo la Crocifissione di Lorenzo Lotto: un olio su tela visibile presso la chiesa di Santa Maria della Pietà in Telusiano, a Monte San Giusto, in provincia di Macerata. Cristo in mezzo ai ladroni è l’unico che ha una posa composta: gli altri due crocifissi presentano atteggiamenti insoliti degni di nota.

lotto-crocifissione-1.jpg

Come ultima vi propongo la Deposizione nel Sepolcro di Tiziano, o meglio, quella di Madrid perché ne realizzò più di una. L’opera venne commissionata da re Filippo I di Spagna nel 1559 e può essere ammirata presso il Museo del Prado, a Madrid. Nocodemo sorregge le spalle del Corpo del Cristo oramai esanime.

800px-Entierro_de_Cristo_(Tiziano).jpg

Il Compianto sul Cristo morto più particolare è sicuramente quello ideato e realizzato da Niccolò dell’Arca in terracotta. L’opera si trova nella chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna ed è un capolavoro assoluto. Sei figure, a grandezza naturale, si disperano guardando il Corpo di Cristo steso a terra privo del soffio vitale.

IW_NiccoloDellArca-Compianto-Cristo_021.jpg

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta lasciandovi con un dettaglio della mia Pietà Rondanini.

michelangelo-buonarroti-pietà-rondanini-01.jpg

TTG-Logo-Final white backgroundBook a Michelangelo tour and receive 5% off with Promo Code MB05AB

 

Annunci

2 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: