Vai al contenuto

Palazzo Davanzati: riapre rinnovato e arricchito

Ci sono voluti sei lunghi mesi di lavoro per riaprire al pubblico il Museo di Casa Davanzati ma oggi finalmente torna ad accogliere i visitatori con un riallestimento completamente rinnovato, arricchito con importanti novità tutte da scoprire.

Annunci

I duemila metri quadrati del palazzo dislocati su tre livelli, ospitano 450 opere e oltre 2000 raffinati merletti, ricami e disegni per tessili provenienti da donazioni e acquisizioni statali che vanno dal 1600 al 1900.

I pizzi nella nuova sala, nel comparto espositivo curato da Marina Carmignani, raccontano molto delle donne e del loro ruolo nella società ottocentesca e novecentesca.

Annunci

Il Museo di Palazzo Davanzati ha chiuso il 23 marzo al pubblico per consentire di effettuare il rinnovamento curato dal responsabile del museo Daniele Rapino sotto la guida della direttrice dei Musei del Bargello Paola d’Agostino.

Annunci

Palazzo Davanzati, con i suoi oltre 700 anni di storia alle spalle, continua a mantenere l’aspetto originario delle dimore fiorentine così come era stato pensato ma al suo interno hanno trovato spazio sezioni riorganizzate secondo una concezione di museo più contemporanea.

Annunci

Torna in esposizione dopo trent’anni di oblio la Coperta Guicciardini, realizzata nel 300 e in ottimo stato di conservazione. A questo prezioso manufatto collocato in una teca climatizzata è dedicata un’intera sala. È possibile vedere a distanza ravvicinata una riproduzione della Coperta nella sua totalità.

La Coperta Guicciardini
Annunci

Accomodandosi sui divanetti disposti appositamente per lo scopo, ci si può concedere una sosta per guardare il cortometraggio che racconta con un taglio sagace la storia della Coperta Guicciardini. È un filmato pensato per i più piccoli ma ciò non toglie che sia godibilissimo anche per chi bambino lo è stato anni or sono.

Annunci

L’allestimento di Palazzo Davanzati non veniva modificato dal 2009 ed è stato necessario provvedere a realizzare un intervento mirato a renderlo più godibile che tenesse in conto il risparmio energetico. Le luci presenti oggi sono tutte a LED e permettono di tagliare in modo importante i consumi.

Annunci

Palazzo Davanzati è una casa torre trecentesca che accoglie il museo dedicato alla vita privata a Firenze dagli albori del Trecento fino al termine del Cinquecento.

Il nuovo allestimento ha un più razionale ordine cronologico delle sale suddivise su differenti piani. Ultima cosa, alle collezioni esposte sono state aggiunte opere prima conservate nei depositi e altre sono arrivate in prestito dal Museo Nazionale del Bargello.

Annunci

L’idea che mi ha guidato nel nuovo allestimento del Museo di Palazzo Davanzati è stata quella di offrire un’esperienza di visita rinnovata, rendendo il percorso didatticamente più fluido e più comprensibile l’approccio a ciò che il palazzo rappresenta, ovvero l’esempio più fedele alla realtà di una dimora fiorentina di epoca rinascimentale. Il lavoro è stato soprattutto un riordino della collezione esistente, scandita in ordine temporale, integrata con straordinari capolavori provenienti dai depositi del Museo Nazionale del Bargello

spiega il responsabile del Museo Daniele Rapino.
Ls Sala delle Impannate con il Desco da parto di Giovanni di ser Giovanni detto Lo Scheggia
Annunci

 Negli ultimi tre anni c’è stato un lungo lavoro di ricerca da parte del curatore Daniele Rapino, coadiuvato da Bendetta Matucci, per selezionare le opere da esporre, alcune per la prima volta visibili al pubblico e in prestito temporaneo dai depositi del Museo Nazionale del Bargello, e seguire i restauri di tanti manufatti diversi tra loro, dai mobili ai merletti antichi, di cui il Davanzati conserva un nucleo importante. Con l’architetto progettista del nuovo allestimento e direttore dei lavori, Lorenzo Greppi c’è stato un confronto continuo per arricchire il racconto museale nei delicati ambienti del museo.

Paola d’Agostino, direttrice dei Musei del Bargello
Annunci

Nell’affrontare il lavoro di progettazione degli allestimenti integrati del Museo di Palazzo Davanzati  ho dovuto mediare tra le complessità che ne caratterizzano l’identità ovvero tra la dimensione museale e quella abitativa. Questo ha comportato da una parte una serie di scelte di allestimento fisico, attraverso l’uso di teche, vetrine e basi espositive e dall’altra un uso equilibrato della parte illuminotecnica alternando illuminazione puntuale e illuminazione diffusa là dove l’intenzione è quella di mostrare il singolo oggetto ma sempre all’interno di un contesto architettonico e di rimando alla vita domestica rinascimentale”.


racconta l’architetto Lorenzo Greppi 

Museo di Palazzo Davanzati

Via Porta Rossa, 13 Firenze
ORARIO DI APERTURA a partire dal 24 settembre 2022
08.15 – 13.50 martedì, mercoledì, giovedì
13.15 – 18.50 venerdì, sabato e domenica

GIORNI DI CHIUSURA: il lunedì – la I, III e V domenica del mese

Annunci

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Palazzo Davanzati: reopens renovated and enriched

It took six whole months of work to reopen the Casa Davanzati Museum to the public. Today it returns to welcome visitors with a completely renovated rearrangement, enriched with important innovations to be discovered.
The two thousand square meters of the building, spread over three levels, house 450 works and over 2000 refined lace, embroidery and textile designs from donations and state acquisitions ranging from 1600 to 1900. The laces in the new room, in the exhibition area curated by Marina Carmignani, tell a lot about women and their role in nineteenth and twentieth century society.

The Palazzo Davanzati Museum closed to the public on 23 March to allow for the renovation curated by the museum manager Daniele Rapino under the guidance of the director of the Bargello Museums Paola d’Agostino.

Palazzo Davanzati, with its more than 700 years of history behind it, continues to maintain the original appearance of the Florentine residences as it was designed but inside sections reorganized according to a more contemporary concept of museum have found space.

The Guicciardini Blanket, built in 300 and in excellent condition, is back on display after thirty years of oblivion. An entire room is dedicated to this precious artefact displayed in an air-conditioned display case. It is possible to see a reproduction of the blanket in its entirety at close range.

Taking a seat on the sofas arranged specifically for the purpose, you can take a break to watch the short film that tells the story of the Guicciardini blanket with a shrewd cut. It is a movie designed for the little ones but the fact remains that it is also very enjoyable for those who were children years ago.

Annunci

The layout of Palazzo Davanzati had not been changed since 2009 and it was necessary to carry out an intervention aimed at making it more enjoyable that took energy savings into account. The lights present today are all LED and allow you to significantly cut consumption.

Palazzo Davanzati is a fourteenth-century tower house that houses the museum dedicated to private life in Florence from the dawn of the fourteenth century to the end of the sixteenth century.
The new layout has a more rational chronological order of the rooms divided on different floors.
Works previously kept in the deposits have been added to the collections on display and others have come on loan from the Bargello National Museum.

“The idea that guided me in the new layout of the Palazzo Davanzati Museum was to offer a renewed visit experience, making the path didactically more fluid and the approach to what the building represents, or rather the an example more faithful to reality than a Florentine residence from the Renaissance period. The work was above all a reorganization of the existing collection, divided in chronological order, integrated with extraordinary masterpieces from the deposits of the Bargello National Museum “ explains the head of the Museo Daniele Rapino.

For the moment your always your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment to the next posts and on social networks

Palazzo Davanzati Museum
Via Porta Rossa, 13 Florence
OPENING HOURS starting from 24th September 2022
08.15 – 13.50 Tuesday, Wednesday, Thursday
1.15pm – 6.50pm Friday, Saturday and Sunday

CLOSING DAYS: Monday – the 1st, 3rd and 5th Sunday of the month

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

    Quando si pensò di mettere il David nella Cappella dei Principi

    🇮🇹Sapete che ci fu un momento in cui il David rischiò di essere posto al centro della Cappella dei Principi? Uno smacco per me e pure per i Medici… vi racconto quell’incredibile storia 🇬🇧Do you know that there was a moment when the David risked being placed in the center of the Chapel of the Princes? A setback for me and also for the Medici … I’ll tell you that incredible story

  • Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

    Il Commesso Fiorentino: la storia e le caratteristiche di quest’antica arte

    🇮🇹Sembra impossibile che le pietre possano essere adoperate per creare decorazioni così minute e di grande effetto eppure il commesso fiorentino è una sorta di pittura con pietre dure: qualcosa di unico e un vanto tutto fiorentino… 🇬🇧It seems impossible that stones can be used to create such minute and impressive decorations, yet the Florentine salesman is a kind of painting with semi-precious stones: something unique and a Florentine pride…

  • Un’aspra biografia ma ricca di lodi: il Michaelis Angeli Vita

    Un’aspra biografia ma ricca di lodi: il Michaelis Angeli Vita

    🇮🇹Quado avevo poco più di cinquant’anni ed ero impegnato in quel di Firenze con il progetto della Sagrestia Nuova, Paolo Giovio, un assai colto vescovo di Como, si mise a scrivere una biografia su di me: il Michaelis Angeli Vita: una biografia aspra… 🇬🇧When I was just over fifty years old and was engaged in that of Florence with the project of the New Sacristy, Paolo Giovio, a highly educated bishop of Como, began to write a biography about me: the Michaelis Angeli Vita: a harsh biography …

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: