Vai al contenuto

19 agosto 1579: l’inaugurazione degli affreschi della cupola del Brunelleschi

Il 19 agosto del 1579 con una grande cerimonia religiosa pubblica furono inaugurati gli affreschi realizzati dal mio caro amico Giorgio Vasari e Federico Zuccari all’interno della cupola del Brunelleschi.

I due artisti lavorarono all’impresa fra il 1572 e il 1579 per dar vita al grandioso Giudizio Universale popolato da più di 700 figure affrescate fra le quali si distinguono ben 248 angeli, 235 anime, 102 personaggi religiosi, 35 anime dannate, 23 putti, 21 personificazioni, 14 mostri, 13 ritratti di persone note e 12 animali.

Annunci

Il grande affresco si estende su oltre 3.600 metri quadrati ma in origine, secondo il volere del Brunelleschi, l’interno della cupola avrebbe dovuto essere rivestita a mosaico.

Cosimo I de’ Medici però volle però che il Vasari, al tempo pittore di corte, lo decorasse con un grande affresco.

Annunci

Nel 1574 il mio caro amico Giorgio Vasari passò a miglior vita e pure Cosimo I lasciò la vita terrena. Il Granduca Francesco I, suo diretto successore, fece proseguire l’opera a Federico Zuccari che la portò a termine in tempi relativamente brevi.

Finalmente il 19 agosto del 1579 i fiorentini, con naso all’insù, poterono ammirare quel gran capolavoro realizzato dai due artisti in sette anni consecutivi di lavoro.

Annunci

Il libro

Se siete alla ricerca di un libro che vi accompagni a una lettura completa degli affreschi della cupola del Brunelleschi in maniera precisa e dettagliata, vi consiglio il volume Gli affreschi della Cupola di Santa Maria del Fiore. La Cristianità, i suoi simboli, il Giudizio universale” a cura di Lucrezia Giordano, Lucio Bigi e Mario Murreddu.

Si tratta della prima guida completamente illustrata che racconta i significati simbolici e le curiosità di questo sorprendente ciclo pittorico mettendo in luce anche la sua valenza religiosa.

Il libro lo trovate QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

19 August 1579: the inauguration of Brunelleschi’s frescoes in the dome

On August 19, 1579, the frescoes painted by my dear friend Giorgio Vasari and Federico Zuccari inside Brunelleschi’s dome were inaugurated with a large public religious ceremony.

The two artists worked on the enterprise between 1572 and 1579 to give life to the grandiose Last Judgment populated by more than 700 frescoed figures among which 248 angels, 235 souls, 102 religious characters, 35 damned souls, 23 cherubs, stand out. 21 personifications, 14 monsters, 13 portraits of known people and 12 animals.

The large fresco covers over 3,600 square meters but originally, according to the wishes of Brunelleschi, the interior of the dome should have been covered in mosaic.

Cosimo I de ‘Medici, however, wanted Vasari, a court painter at the time, to decorate it with a large fresco.

In 1574 my dear friend Giorgio Vasari passed away and Cosimo I also left his earthly life. Grand Duke Francesco I, his direct successor, made Federico Zuccari continue the work, who completed it relatively quickly.

Finally, on August 19, 1579, the Florentines, with their noses upwards, were able to admire that great masterpiece created by the two artists in seven consecutive years of work.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you by giving you an appointment at the next posts and on social networks.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Piero Adriatico: l’opera in due volumi che racconta Piero della Francesca e il suo tempo

    Piero Adriatico: l’opera in due volumi che racconta Piero della Francesca e il suo tempo

    Piero della Francesca ha vissuto e operato in un periodo in cui si susseguirono eventi che hanno segnato significativamente la storia dell’Italia e dell’Europa intera…

  • La Scultura del giorno: Satiro e Baccante di Pradier

    La Scultura del giorno: Satiro e Baccante di Pradier

    🇮🇹La scultura del giorno che vi propongo oggi è il Satiro e la Baccante di Pradier, opera che a suo tempo fece molto discutere: destò grande scandalo e fu fonte di infinite dicerie… 🇬🇧The sculpture of the day that I propose to you today is the Satyr and the Bacchante by Pradier, a work that caused much discussion in his time: it caused a great scandal and was the source of endless rumors…

  • Eleonora e l’invenzione della corte fiorentina: la nuova mostra

    Eleonora e l’invenzione della corte fiorentina: la nuova mostra

    🇮🇹”Eleonora e l’invenzione della corte dei Medici a Firenze” è la nuova mostra che celebra la duchessa consorte negli spazi del Tesoro dei Granduchi al piano terreno della reggia di Palazzo Pitti… 🇬🇧”Eleonora and the invention of the Medici court in Florence” is the new exhibition that celebrates the duchess consort in the spaces of the Treasury of the Grand Dukes on the ground floor of the Palazzo Pitti palace…

Annunci

1 commento »

  1. sono talmente belli che quasi non riusciamo a capire come abbiano fatto a realizzarli, c’è da stupirsi ogni volta che li si vede, un capolavoro unico nel suo genere!!!! 👍👍👍👍👍👍👍👍👍

    "Mi piace"

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: