Vai al contenuto

25 settembre 1595: a Ponte Vecchio arrivano gli orafi

Ponte Vecchio è uno dei simboli della città di Firenze. Attraversato da migliaia di persone ogni anno, fu progettato da Taddeo Gaddi nel 1345. È noto e apprezzato in tutto il mondo per il suo inconfondibile aspetto con gli edifici costruiti sopra le tre arcate ma anche perché proprio lì sopra, da secoli, sono presenti le più prestigiose e antiche botteghe orafe della città.

Gli orefici su Ponte Vecchio arrivarono grazie a un provvedimento emanato il 25 settembre del 1595 che mirava a migliorare notevolmente il decoro Ponte Vecchio. Partiamo però dall’inizio: vi racconto per filo e per segno tutta questa interessante storia.

Annunci

Nel 1593, il granduca Ferdinando I, figliolo di Cosimo I, con un decreto fa sloggiare tutti i commercianti che fino ad allora proponevano la sua mercanzia nei locali costruiti sopra Ponte Vecchio. Erano perlopiù macellai, qualche pesciaiolo e pochi verdurai che da quando il ponte nuovo del Gaddi era stato edificato, avevano scelto di insediarsi sopra le tre arcate del ponte.

Star lì era parecchio comodo per loro: potevano buttare gli scarti in Arno e liberarsi così da inutili ingombri. Il ponte fin da subito era diventato un luogo assai frequentato da chi andava a comprare mercanzia. Non si presentava certo come lo vediamo oggi, ben tenuto e considerato un luogo raffinato.

Annunci

Provate solo a immaginare l’odore che usciva dalle botteghe dei macellai quando ancora i frigoriferi non esistevano. Se in inverno la situazione era quantomeno tollerabile, in estate, con il calore, la puzza diventava irrespirabile per qualsiasi cristiano.

I beccai con le loro carni macellate si muovevano fra nugoli di mosche affamate cercando di scacciarle alla meno peggio. Insomma, non era certo un bel biglietto da visita per una Firenze che poco a poco stava acquisendo sempre più potere e prestigio.

Così Ferdinando I, volendo trasformare Ponte Vecchio in un passaggio molto più elitario, il 25 settembre 1595 decise che da lì i beccai e gli altri bottegai avrebbero dovuto andarsene per lasciar posto alle botteghe orafe.

Annunci

Dopo la conquista di Siena e la nascita del Granducato, Firenze fu sottoposta a importanti modifiche dal punto di vista urbanistico. Nacquero gli Uffizi, Palazzo Vecchio fu ingrandito e Palazzo Pitti divenne la dimora del granduca. Al mio caro amico Giorgio Vasari fu commissionata la realizzazione del Corridoio che univa e unisce tutt’oggi Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti.

Ferdinando I de’ Medici non poteva certo tollerare che gli ambienti del corridoio si riempissero dei miasmi delle botteghe dei beccai. Non solo. Ponte Vecchio era diventato un punto centrale di passaggio e il Granduca voleva trarne maggior profitto. Era dunque meglio affittare gli spazi a disposizione a chi avrebbe potuto permettersi di pagare una pigione nettamente più alta: cosa che gli orafi e gli argentieri potevano fare benissimo visto i lauti incassi derivati dal commercio dei preziosi.

Annunci

La decisione messa nero su bianco il 25 di settembre di quel 1595 sarebbe divenuta effettiva entro il 1 maggio dell’anno successivo per dare modo a tutti i bottegai di cambiare zona in tempo utile.

A distanza di tanti secoli, ancora oggi le botteghe orafe e i gioiellieri espongono i loro gioielli in quelle vetrine e teche in legno che si affacciano su Ponte Vecchio.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Terminato il restauro dell’Estasi di Santa Teresa del Bernini

Sono stati appena portati a termine i restauri del complesso della Cappella Cornaro, situata all’interno della chiesa di Santa Maria della Vittoria a Roma.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: