Vai al contenuto

Le Terrazze del Duomo di Firenze

Immaginate cosa si provi a vedere Firenze da 32 metri d’altezza, con un vista impareggiabile sui palazzi e le chiese edificate dalle più potenti famiglie fiorentine del Rinascimento. Pensate di poter fare questa passeggiata sospesa immediatamente sotto la grandiosa cupola del Brunelleschi, talmente vicina allo sguardo da poter vedere particolari che da terra non sono apprezzabili.

Ebbene, non è un sogno a occhi aperti: le Terrazze del Duomo sono accessibili e interamente percorribili dal pubblico. Per arrivare fin lassù prima si deve raggiungere la Porta della Mandorla, accedere al passaggio segreto e salire uno ad uno i 150 gradini.

Annunci

La storia delle Terrazze del Duomo

Il percorso delle Terrazze inizia nella Tribuna morta Nord, fatta edificare dal Brunelleschi per aumentare la stabilità stessa della cupola. Sono una sorta di ballatoio continuo protetto da una balaustra in marmo traforato a quadrilobi.

Le terrazze Nord e Sud sono lunghe circa 70 metri ciascuna e consentono di vedere da vicino i rosoni e i rivestimenti esterni della navata centrale del duomo con i marmi bianchi di Carrara, marmi rossi di Siena e marmi verdi di Prato.

Guardando verso il basso si vedono i tetti in laterizio delle navati laterali e i più attenti riusciranno a trovare anche le buche pontaie.

Annunci

Le Terrazze sono state rese accessibili al pubblico nel 1985 mentre prima venivano esclusivamente utilizzate dalle maestranze specializzate nella manutenzione di Santa Maria del Fiore.

Vi siete mai chiesti che cosa fanno quelle grandi conche in cotto posizionate in alto, lungo le facciate Nord e Sud della cattedrale?

Sono state posizionate lassù con lo scopo di raccogliere l’acqua piovana che poi veniva adoperata per effettuare interventi di manutenzione e restauro. In questo modo si evitava di dover portare all’occorrenza fino a quell’altezza caricandola sulle spalle, l’acqua oltre che ad altro materiale.

Durante la passeggiata sulle Terrazze del Duomo potreste vedere delle file di tegole che sembrano messe lì un po’ a caso. Sono in realtà di recente fabbricazione e vengono fatte stagionare per effettuare sostituzioni quando ce n’è bisogno.

Annunci

Cos’è possibile vedere durante la visita

Lungo il percorso delle Terrazze del Duomo si ha modo di vedere a distanza ravvicinata molti particolari che sfuggono alla vista dal basso. Si può apprezzare il rosone centrale della facciata dalla parte esterna della facciata, il ballatoio e l’interno della controfacciata.

E’ una straordinaria emozione trovarsi faccia a faccia con la vetrata progettata dal Ghiberti con l’Assunzione e l’Incoronazione della Vergine. Non è finita qua: guardando verso il basso si ha una prospettiva esclusiva sullo straordinario pavimento la cui realizzazione  fu avviata dal Cronaca e proseguita alla sua morte da Francesco da Sangallo e Giuliano di Baccio d’Agnolo

Annunci

La visita alle Terrazze del Duomo viene accompagnata dal personale dell’Opera del Duomo ed è vietata ai minori non accompagnati da un adulto. Per prenotare la visita, potete farlo direttamente sul sito ufficiale dell’Opera del Duomo di Firenze cliccando QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento i prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

La virtù vuol pensamento

Per coltivare le proprie virtù e il proprio talento c’è un estremo bisogno di fermarsi a pensare da soli e senza troppo rumore tutt’attorno.

Cappella Sistina: ecco il presepe 2021

Il 1 dicembre è stato svelato il nuovo presepe allestito all’interno della Cappella Sistina, ideato e realizzato da Giuseppe Passeri ed Eva Antulov. È il terzo presepe artistico che i due grandi talenti realizzano con la loro fantasia, esperienza, passione smisurata e dedizione per la cappella magna

L’antica Farmacia di Santa Maria Novella

A pochi passi dalla Basilica di Santa Maria Novella, al numero 16 di Via della Scala, c’è una delle più antiche farmacie esistenti e che continua a lavorare incessantemente: è l’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

3 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: