Vai al contenuto

Il commesso fiorentino

Avete mai sentito parlare di commesso fiorentino? E’ una tecnica decorativa nota anche con il nome di mosaico fiorentino che consente di realizzare decorazioni particolarmente raffinate e belle adoperando marmi intagliati e pietre dure. Con questo sistema si ottengono disegni molto dettagliati di frutti, fiori ma anche paesaggi e volti.

Cos’è il commesso fiorentino?

E’ una tecnica antica ma solo alla fine del Cinquecento iniziò a diffondersi rapidamente nella Firenze medicea. La tecnica adoperata fino al momento fu affinata fino a ottenere risultati strabilianti.

Vengono accostate marmi e pietre colorate semi preziose per creare sfumature, dettagli e ombre ottenendo effetti cromatici del tutto paragonabili alla pittura.

Quando è nato il commesso fiorentino?

La tecnica del commesso fiorentino ha origini antiche ma deve il suo periodo di maggior splendore al granduca Ferdinando I de’ Medici. Nel 1588 il granduca fondò l’Opificio delle Pietre Dure ovvero una manifattura del commesso fiorentino.

Ferdinando I aveva la necessità di portare a termine la grandiosa Cappella dei Principi appartenente al complesso di San Lorenzo. Lo scopo primario dell’Opificio era infatti quello di creare le maestranze necessarie per realizzare prima e mantenere poi la grandiosa cappella degli ultimi esponenti della famiglia Medici decorata con raffinate opere di commesso fiorentino.

Come viene realizzata un’opera in commesso fiorentino?

Per prima cosa viene realizzato un disegno preparatorio che definisce il soggetto che si desidera realizzare. La fase successiva prevede la scelta delle tipologie delle pietre che verranno adoperate per realizzare appunto le pitture di pietra. Si spazia dal porfido ai graniti colorati, dal lapislazzuli al giallo Siena, dal diaspro siciliano ai marmi più belli.

Le pietre, a differenza del mosaico, non vengono tagliate seguendo forme geometriche ma seguendo le linee del disegno preparatorio adoperando il filo metallico. Le pietre così preparate poi vengono incastrate le une con le altre come in un puzzle e incollate sulla superficie di supporto. Il lavoro viene terminato con la lucidatura della superficie.

Dove si possono vedere le opere realizzate con il commesso fiorentino?

A Firenze il commesso Fiorentino è stato adoperato per realizzare le superfici di preziosi tavoli, per decorare cassettiere, realizzare decorazioni nelle chiese e molto altro ancora. Vi basterà entrare nella Cappella dei Principi della Basilica di San Lorenzo per vedere una vasta gamma di lavori realizzati con questa tecnica oppure andare a visitare il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure per rendervi conto di quali livelli possa aver raggiunto questa tecnica tipicamente fiorentina.

Libri che parlano del commesso fiorentino

Se volete leggere un libro che possa raccontarvi qualcosa in più su questa antica tecnica, vi consiglio “Pietre colorate molto vaghe e belle. Arte senza tempo dal museo dell’opificio delle pietre dure”. E’ il catalogo di un’interessante mostra che si è svolta a Mantova qualche tempo fa ma che vi permette di conoscere opere meravigliose realizzate con il commesso fiorentino e vi porta alla scoperta di un’importante manifattura fiorentina. Lo trovate QUA.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti.

Sostienici

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi contribuire a farlo crescere sempre più sostenendoci al costo di poco più di un caffè

€3,00

Bronzallure - Be My Valentine

5 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: