Vai al contenuto
Annunci

Non vorrei un fuoco che ardesse meno

Dimmi di grazia, Amor, se gli occhi mei
veggono ‘l ver della beltà c’aspiro,
o s’io l’ho dentro allor che, dov’io miro,
veggio scolpito el viso di costei.
    Tu ‘l de’ saper, po’ che tu vien con lei
a torm’ogni mie pace, ond’io m’adiro;
né vorre’ manco un minimo sospiro,
né men ardente foco chiederei.
    – La beltà che tu vedi è ben da quella,
ma cresce poi c’a miglior loco sale,
se per gli occhi mortali all’alma corre.
    Quivi si fa divina, onesta e bella,
com’a sé simil vuol cosa immortale:
questa e non quella agli occhi tuo precorre. 

Il sempre vostro Michelangleo Buonarroti con i suoi antichi versi

I would not like a fire that burns less

Tell me if my eyes, Love, by your grace,
will come on very beauty, as I aspire,
or if I have within that, where I stare
I always see engraved that woman’s face.
Some of this you know, as you come with her,
so I go mad, to torment all my rest;
neither would I want to miss the least breath,
nor would I call for a less ardent fire.
The beauty that you see is truly there,
but it grows, raised to the best locality,
if it is, through mortal eyes, the soul it runs to.
It makes itself then, chaste and fair,
as for yourself you want some immortality:                           
this and not that, is what your eyes run on to.

Always yours Michelangelo Buonarroti with his poem

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: