Skip to content
Annunci

Tag: poem

Il fuoco che arde e agghiaccia

Sento d’un foco un freddo aspetto acceso che lontan m’arde e sé con seco agghiaccia; pruovo una forza in due leggiadre braccia che muove senza moto ogni altro peso.     Unico […]

L’immagin dentro cresce

Mentre c’alla beltà ch’i’ vidi in prima appresso l’alma, che per gli occhi vede, l’immagin dentro cresce, e quella cede quasi vilmente e senza alcuna stima.     Amor, c’adopra ogni suo […]

Cari mi sono i pensieri

Mentre m’attrista e duol, parte m’è caro ciascun pensier c’a memoria mi riede il tempo andato, e che ragion mi chiede de’ giorni persi, onde non è riparo.     Caro m’è […]

Il ritratto di Tommaso de’ Cavalieri

Prigioniero son d’un cavaliere armato…questo è l’incipit di uno dei miei componimenti poetici dedicati al mio amato Tommaso de’ Cavalieri. Prigioniero lo ero davvero di quell’uomo che tormentava i miei […]

La morte vi libera dall’amore?

   – Beati voi che su nel ciel godete le lacrime che ‘l mondo non ristora, favvi amor forza ancora, o pur per morte liberi ne siete? – La nostra etterna […]

La superbia se stessa si divora

Voglio iniziare la giornata e la settimana intera con qualche verso che misi nero su bianco qualche anno fa per omaggiare la vita semplice, quella dei contadini e delle loro […]

‘L desir d’ogni speme

Penso e ben so c’alcuna colpa preme, occulta a me, lo spirto in gran martire; privo dal senso e dal suo propio ardire il cor di pace, e ‘l desir […]

L’alma ascende e sale

Dopo un giorno di sereno il cielo torna a promettere tempesta. Per iniziare la giornata con un po’ di bellezza e poesia, vi propongo qualche verso che scrissi oramai secoli […]

Fallace speme ha sol l’amor che muore

Ben può talor col mie ‘rdente desio salir la speme e non esser fallace, ché s’ogni nostro affetto al ciel dispiace, a che fin fatto arebbe il mondo Iddio?     Qual […]

Il don de’ doni

   Non è più bassa o vil cosa terrena che quel che, senza te, mi sento e sono, onde a l’alto desir chiede perdono la debile mie propia e stanca lena. […]

La man che ubbidisce all’intelletto

Non ha l’ottimo artista alcun concetto c’un marmo solo in sé non circonscriva col suo superchio, e solo a quello arriva la man che ubbidisce all’intelletto.     Il mal ch’io fuggo, […]

I’ conosco e’ mie danni

La ragion meco si lamenta e dole, parte ch’i’ spero amando esser felice; con forti esempli e con vere parole la mie vergogna mi rammenta e dice:     – Che ne […]

Carico d’anni e di peccati pieno

Carico d’anni e di peccati pieno e col trist’uso radicato e forte, vicin mi veggio a l’una e l’altra morte, e parte ‘l cor nutrisco di veleno.     Né propie forze […]

O notte, o dolce tempo benché nero

 O notte, o dolce tempo, benché nero, con pace ogn’ opra sempr’ al fin assalta; ben vede e ben intende chi t’esalta, e chi t’onor’ ha l’intelletto intero.     Tu mozzi […]