Skip to content
Annunci

‘L tempo m’è fugggito

Oilmè, oilmè, ch’i’ son tradito
da’ giorni mie fugaci e dallo specchio
che ‘l ver dice a ciascun che fiso ‘l guarda!
    Così n’avvien, chi troppo al fin ritarda,
com’ho fatt’io, che ‘l tempo m’è fuggito:
si trova come me ‘n un giorno vecchio.
    Né mi posso pentir, né m’apparecchio,
né mi consiglio con la morte appresso.
    Nemico di me stesso,
inutilmente i pianti e ‘ sospir verso,
ché non è danno pari al tempo perso.
    Oilmè, oilmè, pur riterando
vo ‘l mio passato tempo e non ritruovo
in tutto un giorno che sie stato mio!
    Le fallace speranze e ‘l van desio,
piangendo, amando, ardendo e sospirando
(c’affetto alcun mortal non m’è più nuovo)
m’hanno tenuto, ond’il conosco e pruovo,
lontan certo dal vero.
    Or con periglio pèro;
ché ‘l breve tempo m’è venuto manco,
né sarie ancor, se s’allungassi, stanco.
    I’ vo lasso, oilmè, né so ben dove;
anzi temo, ch’il veggio, e ‘l tempo andato
mel mostra, né mi val che gli occhi chiuda.
    Or che ‘l tempo la scorza cangia e muda,
la morte e l’alma insieme ognor fan pruove,
la prima e la seconda, del mie stato.
    E s’io non sono errato,
(che Dio ‘l voglia ch’io sia),
l’etterna pena mia
nel mal libero inteso oprato vero
veggio, Signor, né so quel ch’io mi spero.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti

temp_regrann_1508821079571.jpg

foto di Sebastian Rodriguez Cardenas

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: