Vai al contenuto

La pietra è vita

Non mi sono mai considerato pittore. Sono nato con la scultura e mi sono fortificato le braccia a colpi di subbia e martello. Andavo in giro coperto di polvere di marmo e le scaglie infilate nelle tasche, nei capelli e finanche nelle braghe.

Ho dipinto qualche tavola e affrescato gran parte della Cappella Sistina e la Paolina ma l’ho fatto nello stesso modo in cui l’avrebbe fatto uno scultore: ragionando e pensando di dar forma alla materia e plasmarla come se fosse marmo.

Annunci

Ho speso gran parte delle mie energie arrampicato sui ponteggi in posizioni assurde per realizzare gli affreschi che oggi tutto il mondo ammira.

Leonardo invece, al contrario di me, preferiva le grandi feste, la compagnia di molti e vantava di poter dipingere in punta di pennello comodamente seduto, ascoltando musica e conversazioni leggere. Era sempre tutto pulito perbenino ma le sue opere son ferme. Sono belle ma son sempre pitture, non respirano, non si muovono.

Annunci

Se aveste la possibilità di vedere qualche mia opera architettonica, un affresco o una scultura a cui ho dato vita in piena solitudine, vi accorgereste che son vive. Le sentireste respirare e se guardaste bene, forse noterete che si sono fermate apposta per voi, per farsi ammirare prima di riprendere le loro attività.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Il sogno: le copie dell’Allori e del Venusti

Il Sogno è uno dei miei disegni più celebri che regalai a Tommaso de’ Cavalieri. Tanto era apprezzato all’epoca che fu copiato da diversi artisti, fra i quali il Venusti e l’Allori

Klimt torna in Italia dopo 110 anni

Gustav Klimt, a distanza di 110 anni dalla partecipazione all’Esposizione Internazionale d’Arte del 1911 che si svolse a Torino, torna finalmente in Italia con la grande mostra “La Secessione e l’Italia”.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: