Vai al contenuto

La Fontana delle Naiadi a Roma

La Fontana delle Naiadi è una delle più belle fontane moderne di Roma e lo scroscio elle sue acque si sente già a metà di Via Nazionale.

Altro non è che la mostra dell’Acqua Marcia, l’acquedotto fatto ripristinare da papa Pio IX fra il 1865 e il 1870. Si tratta dell’ultima mostra pagata dallo Stato Pontificio prima di Roma Capitale.

Il papa volle finanziare la ricostruzione dell’antico acquedotto che durante l’invasione dei Goti, avvenuta secoli prima, era stato danneggiato e reso inutilizzabile. La grande opera avrebbe dovuto terminare in una spettacolare fontana così come altri illustri predecessori avevano fatto.

Annunci

All’inizio della sua esistenza, la fontana era formata da una vasca circolare circolare circondata da rocce da cui si dipartivano gli zampilli direzionati verso il centro. Dal cuore della vasca partivano quattro getti diretti verso l’alto creando un effetto assai suggestivo.

La Fontana delle Naiadi venne inaugurata dal papa il 10 settembre del 1870, dieci giorni esatti prima della breccia di Porta Pia. Cosa curiosa è che non si trovava dove la vediamo oggi, al centro di Piazza della Repubblica ma bensì nel luogo occupato ora dall’obelisco dei Dogali.

La Fontana delle Naiadi e sullo sfondo la Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri
Annunci

Tutta la parte architettonica della fontana fu progettata da Alessandro Guerrieri e realizzata successivamente. In occasione della visita dell’imperatore Guglielmo II avvenuta nel 1888, la fontana fu decorata da quattro leoni in stucco in via del tutto provvisoria.

Annunci

L’interessante parte scultorea si deve a Mario Rutelli che nel 1897 fu incaricato di realizzare i quattro gruppi scultorei in bronzo formati dalle ninfe delle acque, allegorie dei fiumi, degli oceani, mostri acquatici e animali. Le giovani ninfe giocano con i getti d’acqua mostrando tutta la loro eleganza e bellezza. 

Annunci

Al centro troneggia la figura di Glauco che stringe un delfino dalla cui bocca sgorga un potete getto d’acqua diretto verso l’alto.

La Fontana delle Naiadi con i nuovi gruppi scultorei e posizionata al centro della piazza, fu inaugurata definitivamente solo nel 1914. Nel corso degli anni più volte è stata sottoposta a interventi conservativi e l’ultimo risale al 1998.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque in mostra ad Asti

🇮🇹Genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria, Boldini è pronto a trasportare il pubblico nelle sue opere nella mostra allestita a Palazzo Mazzetti di Asti.
🇬🇧A genius of painting who more than any other has been able to restore the rarefied atmospheres of an extraordinary era, Boldini is ready to transport the public to his works in the exhibition set up at Palazzo Mazzetti in Asti.

Le Opere del Natale: la Natività di Gesù di Giotto

🇮🇹Emozionante, dolcissima e ricca di significati, la Natività di Gesù affrescata da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, è una delle opere dedicate al Natale più conosciute al mondo…
🇬🇧Exciting, very sweet and full of meanings, the Nativity of Jesus frescoed by Giotto in the Scrovegni Chapel in Padua is one of the best known works dedicated to Christmas in the world…

La Porta dei Cornacchini con la Madonna policroma

🇮🇹Durante il restauro Porta del Cornacchini del duomo di Santa Maria del Fiore, è stato possibile capire che il gruppo scultoreo della Madonna col Bambino e gli Angeli adoranti un tempo era policromo.
🇬🇧During the restoration of the Porta del Cornacchini of the cathedral of Santa Maria del Fiore it was possible to understand that the sculptural group of the Madonna with Child and the adoring Angels was once polychrome.

Incontrare Vasari a Palazzo Vecchio

Conoscere la storia dell’arte e i personaggi del passato in modo diverso è possibile. Dopo il periodo di sospensione di due anni tornano a Palazzo Vecchio le esperienze che consentono di vivere appieno il passato…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: