Vai al contenuto

Scampato dalla peste

“Qua chomincia la moria ed è della cactiva“.

Le pestilenze ai miei tempi erano all’ordine del giorno. Non credo ci siano state generazioni in Europa fra il ‘300 e il ‘700 che non abbiamo vissuto sulla propria pelle o dei propri familiari il dramma della peste nera.

Avevo una trentina d’anni quando ebbi a che fare per la prima volta con quell’inferno che mieteva vite e distruggeva intere famiglie. In quel periodo mi trovato a Bologna alle prese con l’imponente fusione del Giulio II di bronzo che il pontefice in carica voleva far posizionare sopra il portone principale della basilica di San Petronio.

Annunci

La situazione cominciava a peggiorare e la peste si stava diffondendo a macchia d’olio. In una lettera che scrissi al mi caro fratello Bonarroto del 26 marzo 1507 gli scrivevo “Qua chomincia la moria ed è della cactiva , perché non lascia persona dov’eòòa entra, benchè per ancora non cie n’è molta forse quaranta case, secondo che m’è decto…”

Da quella ondata di peste mi salvai ma ne avrei affrontate tante altre nella mia lunga vita. Nel 1522 la peste stava entrando rapidamente a Firenze. Già stava flagellando Roma e la situazione era più che preoccupante. Attorno alla città di Firenze venne istituita una cintura di 18 miglia: chiunque entrasse dentro doveva essere sottoposto a quarantena ovvero 40 giorni esatti di isolamento totale.

Annunci

Chi poteva fuggiva lontano dalle grandi città per trovare rifugio in luoghi più isolati. Non era chiaro come si trasmettesse il morbo come invece lo è adesso con questo Covid-19 ma quello che pareva lampante è che stare lontano il più possibile dai centri affollati riduceva il pericolo di contagio.

Il mio amato fratello Buonarroto, più piccolo di me di un paio d’anni, se n’era andato presso la villa di Settignano insieme al nostro babbo.

In una lettera che il notaio Vespucci scrisse proprio a Bonarroto per una questione di un incarico che avrei voluto affidargli se non avessi messo in pericolo la sua vita facendolo tornare a Firenze, lo stesso Vespucci annota: “Non tochare le lectere che io ti mando chon mano” temendo che il toccare la lettera potesse essere veicolo di contagio.

Annunci

Chissà se quella precauzione il mi fratello la prese o meno. Purtroppo Buonarroto s’ammalò di peste. Tentai di farlo curare nel miglior modo possibile inviandogli addirittura tre differenti dottori ma poco dopo la morte lo strappò dall’affetto di noi familiari.

Una trite vicenda che mi lasciò a dir poco sgomento.

…La memoria ‘l fratel pur mi dipigne,
e te sculpisce vivo in mezzo il core,
che ‘l core e ‘l volto più m’affligge e tigne….

Fatevi coraggio per affrontare questo periodaccio. Vi abbraccio uno a uno. Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi racconti.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Il sogno del Cardiere e la mia fuga da Firenze

🇮🇹Johannes Cordier, italianizzato in Cardiere, l’avevo conosciuto a casa del Magnifico e vi racconto la storia di un sogno che fece che probabilmente mi indusse a scappare da Firenze
🇬🇧Johannes Cordier, Italianized into Cardiere, I met him at the Magnifico’s house and I will tell you the story of a dream he had that probably led me to flee from Florence

I ritratti dei figli dell’Urbino

🇮🇹Non amavo fare ritratti dal vero ma in tutta la mia produzione artistica ce ne sono eccome come ad esempio i due disegni che ritraggono i figli dell’Urbino che fu al mio fianco per 25 anni consecutivi…
🇬🇧I did not like to take portraits from life but in all my artistic production there is indeed such as the two drawings that portray the children of Urbino who was by my side for 25 consecutive years…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: