Vai al contenuto

Il ritratto che feci a Tommaso de’ Cavalieri (andato perduto)

Al mio amato Tommaso regalai stupendi disegni ma questo forse già lo sapete. Un bel giorno però mi venne in mente di ritrarlo in una di quelle espressioni che aveva quando pensava a chissà cosa o a chissà chi… magari a me.

Mi misi davanti a un foglio bianco, presi il carboncino nero e prima di tracciar qualche linea lo osservai a lungo. Sapevo bene quali erano i suoi cambi repentini d’espressione, le line che gli segnavano il volto, conoscevo a menadito quegli accenti e quelle smorfie che faceva quando stava per cominciare a parlare.

Sudai parecchio: fare il ritratto di una persona amata non è la stessa cosa che riprodurre il volto di uno sconosciuto. Alla fine però rimasi assai contento e mi ritrovai fra le mani il volto di Tommaso.

Lo guardai compiaciuto e glie lo mostrai quasi vergognandomi per non aver saputo esprimere su quella carta la passione che mi bruciava in petto per quell’uomo così bello, aggraziato e colto.

Young_Man_possibly_Tomasso_de_Cavalieri_ca_1533__Black_Chalk_Musee_Bonnat_Bayonne.jpg
Annunci

Dove finì quel disegno?

Chissà… da non molto tempo pare sia stato ritrovato presso le collezioni del Museé Bonnat di Bayonne ma permettetemi di dubitare di quel foglio. Come sapete io non vi svelo paternità perché mi piace vedervi ammattire sui miei fogli o su quelli presunti tali. Fatto sta che poco mi convince quel disegno lì. Certo l’ha fatto qualcuno bravo ma mi tengo il beneficio del dubbio. Mi par pittosto di riconoscere in quei tratti del volto il Quaratesi che per altro ritrassi anche in un altro foglio precedente a questo.

Scrisse il Vasari nelle Vite in merito al ritratto che feci al Cavalieri: “Ritrasse Michelagnolo messer Tommaso in un cartone grande, di naturale, che nè proma nè poi di nessuno fece il ritratto, perchè aborriva il fare somigliare il vivo, se non era d’infinita bellezza”

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti e i suoi quotidiani racconti

The portrait I made to Tommaso de ‘Cavalieri (lost)

To my beloved Thomas I gave beautiful drawings, but perhaps you already know this. One day, however, it occurred to me to portray him in one of those expressions he had when he thought of who knows what or who knows who … maybe to me.

I stood before a blank sheet of paper, took the black charcoal and looked at it for a long time before drawing a line. I knew well what were his sudden changes of expression, the lines that marked his face, I knew by heart those accents and those grimaces that he did when he was about to start talking.

I sweated a lot: making a portrait of a loved one is not the same as reproducing the face of a stranger. In the end, however, I remained very happy and I found Tommaso’s face in my hands. I looked at him smugly and showed him almost ashamed of not having been able to express on that paper the passion that burned in my chest for that man so beautiful, graceful and cultured.

Where did that design end? Who knows … not long ago it seems to have been found in the collections of the Museé Bonnat of Bayonne but let me doubt that sheet. As you know I do not disclose paternity because I like to see you mad on my sheets or on those supposed ones. The fact is there that little convince me that drawing there. Of course he did someone good but I keep the benefit of the doubt. It seems to me that I am pictorial in recognizing those features of the face of the Quaratesi, which I also refer to in another sheet preceding this one.

Vasari wrote in the Lives about the portrait that I made to the Cavalieri: “Michelagnolo painted a portrait of Messer Tommaso in a large, natural cardboard, which neither did anyone’s portraits before, because he abhorred making the living resemble, if it was not of infinite beauty “

Your always Michelangelo Buonarroti and his daily stories

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque in mostra ad Asti

🇮🇹Genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria, Boldini è pronto a trasportare il pubblico nelle sue opere nella mostra allestita a Palazzo Mazzetti di Asti.
🇬🇧A genius of painting who more than any other has been able to restore the rarefied atmospheres of an extraordinary era, Boldini is ready to transport the public to his works in the exhibition set up at Palazzo Mazzetti in Asti.

Le Opere del Natale: la Natività di Gesù di Giotto

🇮🇹Emozionante, dolcissima e ricca di significati, la Natività di Gesù affrescata da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, è una delle opere dedicate al Natale più conosciute al mondo…
🇬🇧Exciting, very sweet and full of meanings, the Nativity of Jesus frescoed by Giotto in the Scrovegni Chapel in Padua is one of the best known works dedicated to Christmas in the world…

La Porta dei Cornacchini con la Madonna policroma

🇮🇹Durante il restauro Porta del Cornacchini del duomo di Santa Maria del Fiore, è stato possibile capire che il gruppo scultoreo della Madonna col Bambino e gli Angeli adoranti un tempo era policromo.
🇬🇧During the restoration of the Porta del Cornacchini of the cathedral of Santa Maria del Fiore it was possible to understand that the sculptural group of the Madonna with Child and the adoring Angels was once polychrome.

Incontrare Vasari a Palazzo Vecchio

Conoscere la storia dell’arte e i personaggi del passato in modo diverso è possibile. Dopo il periodo di sospensione di due anni tornano a Palazzo Vecchio le esperienze che consentono di vivere appieno il passato…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

1 commento »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: