Skip to content
Annunci

L’amor il pensier della morte scaccia

Amor, la morte a forza
del pensier par mi scacci,
e con tal grazia impacci
l’alma che, senza, sarie più contenta.
    Caduto è ‘l frutto e secca è già la scorza,
e quel, già dolce, amaro or par ch’i’ senta;
anzi, sol mi tormenta,
nell’ultim’ore e corte,
infinito piacere in breve spazio.
    Sì, tal mercé, spaventa
tuo pietà tardi e forte,
c’al corpo è morte, e al diletto strazio;
ond’io pur ti ringrazio
in questa età: ché s’i’ muoio in tal sorte,
tu ‘l fai più con mercé che con la morte.

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti che prima di salutarvi per questa giornata, vi scrive alcuni suoi versi antichi.

michelangelo-antonioni-lo-sguardo-di-michelangelo_01.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: