Vai al contenuto

Giuliano Bugiardini, uno dei miei amici cari

Di ritratti miei postumi o contemporanei a me ce ne sono molti. Uno dei più celebri è sicuramente quello che dipinse il Bugiardini. Mi volle anche mettere il turbante con il quale convivevo pacificamente o quasi, estate o inverno che fosse. D’inverno mi scaldava il capo e d’estate m’asciugava il sudore mentre scolpivo. Il sudore era qualcosa di micidiale in estate: si impastava alla polvere di marmo se mi fosse colato negli occhi sarebbero stati dolori.

Giuliano Bugiardini era un amico di vecchia data che ebbi la sorte di conoscere nel Giardino de’ Medici. Quella fucina di talenti fu una vera fortuna non solo per Firenze ma anche per il resto del mondo. Per mia disgrazia c’era anche quel matto del Torrigiani lì: è grazie a lui se ebbi sempre un profilo poco rassicurante con quel naso storto come s’avessi fatto tutta la vita il pugile invece che lo scultore. Da questa parte dell’esistenza ancora non l’ho trovato il Torrigiani per dirgliene due. I casi son due: o è andato all’Inferno dopo le mie tante maledizioni oppure teme di esser vittima di qualche sadica vendetta e non si vuol far vedere.

Annunci

Giuliano Bugiardini nacque e morì a Firenze. Fu allievo prima di Piero di Cosimo e poi di Domenico Ghirlandaio e era presente nella Cappella Sistina quando misi mano al Diluvio Universale. Si ci mise mano pure lui e di quella parte poco ne rimane oggi: un disastro completo.

Non è così noto alle cronache questo mio amico ed è un vero peccato. Era abbastanza talentuoso e realizzò una pregevole Madonna della Palma permanentemente esposta presso gli Uffizi. La Madonna era il suo soggetto preferito e ne realizzò un gran numero di versioni, molte delle quali sono finite all’estero: alcune all’Ermitage di San Pietroburgo e altre a Vienna nella Collezione Liechstein.

Giuliano_bugiardini,_ritratto_di_michelangelo_col_turbante

Per il momento vi lascio: devo andare a sigillare bene la porta di Santa Croce. Con quest’acqua non vorrei che s’allagassero le tombe a pavimento.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Giovanni Boldini e il mito della Belle Époque in mostra ad Asti

🇮🇹Genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria, Boldini è pronto a trasportare il pubblico nelle sue opere nella mostra allestita a Palazzo Mazzetti di Asti.
🇬🇧A genius of painting who more than any other has been able to restore the rarefied atmospheres of an extraordinary era, Boldini is ready to transport the public to his works in the exhibition set up at Palazzo Mazzetti in Asti.

Le Opere del Natale: la Natività di Gesù di Giotto

🇮🇹Emozionante, dolcissima e ricca di significati, la Natività di Gesù affrescata da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, è una delle opere dedicate al Natale più conosciute al mondo…
🇬🇧Exciting, very sweet and full of meanings, the Nativity of Jesus frescoed by Giotto in the Scrovegni Chapel in Padua is one of the best known works dedicated to Christmas in the world…

La Porta dei Cornacchini con la Madonna policroma

🇮🇹Durante il restauro Porta del Cornacchini del duomo di Santa Maria del Fiore, è stato possibile capire che il gruppo scultoreo della Madonna col Bambino e gli Angeli adoranti un tempo era policromo.
🇬🇧During the restoration of the Porta del Cornacchini of the cathedral of Santa Maria del Fiore it was possible to understand that the sculptural group of the Madonna with Child and the adoring Angels was once polychrome.

Incontrare Vasari a Palazzo Vecchio

Conoscere la storia dell’arte e i personaggi del passato in modo diverso è possibile. Dopo il periodo di sospensione di due anni tornano a Palazzo Vecchio le esperienze che consentono di vivere appieno il passato…

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

3 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: