Vai al contenuto

La Battaglia dei Centauri e la parte mancante

La Battaglia dei Centauri è una mia opera giovanile che appartiene a Casa Buonarroti. Da poco restaurata, è esposta assieme alla Madonna della Scala nella Sala dei Marmi.

Nel 1612 Michelangelo Buonarroti il Giovane cominciò ad allestire al primo piano del palazzo di Via Ghibellina che aveva fatto ristrutturare la Galleria a mia memoria.

Per poter inserire la Battaglia dei Centauri in uno dei lati corti di questa nuova Galleria, nel 1614 pensò di far segare il retro dell’opera tagliando una fetta di marmo.

Fu lo scalpellino Taccone ad eseguire il lavoro e togliendo così uno spessore di circa 4 centimetri.

Annunci

Che fine fece quella porzione di marmo tolta dal retro della Battaglia dei Centauri? Il mio pronipote volle farci scolpire sopra un’epigrafe dall’artista e architetto Gherardo Silvani per poi posizionarla diversi anni dopo sulla parete opposta della Galleria.

Quell’incisione fu messa immediatamente sotto la scultura che mi ritraeva realizzata dal bravo scultore Antonio Novelli.

Annunci

La Battaglia dei Centauri rimase in quella collocazione fino al 1874, anno in cui fu trasferita nella sala in cui ancora oggi è possibile ammirarla.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta e vi invita ad andare a vedere questa mia opera con i vostri occhi a Casa Buonarroti, a Firenze.

The Battle of the Centaurs and the missing part

The Battle of the Centaurs is my early work that belongs to Casa Buonarroti. Recently restored, it is exhibited together with the Madonna della Scala in the Sala dei Marmi.

In 1612 Michelangelo Buonarroti the Younger began to set up on the first floor of the building in Via Ghibellina that he had had the Gallery renovated in my memory.

In order to be able to insert the Battle of the Centaurs in one of the short sides of this new gallery, in 1614 he decided to have the back of the work cut by cutting a slice of marble.

It was the stonemason Taccone who carried out the work and thus removing a thickness of about 4 centimeters.

What happened to that portion of marble removed from the back of the Battle of the Centaurs? My great-grandson wanted to have an epigraph sculpted on it by the artist and architect Gherardo Silvani and then placed it several years later on the opposite wall of the Gallery.

That engraving was immediately placed under the sculpture that portrayed me made by the good sculptor Antonio Novelli.

The Battle of the Centaurs remained in that location until 1874, when it was moved to the room where it is still possible to admire it today.

For the moment, your Michelangelo Buonarroti greets you and invites you to go and see this work of mine with your own eyes at Casa Buonarroti, in Florence.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Il Natale ai Musei Vaticani

    Il Natale ai Musei Vaticani

    🇮🇹In occasione del Santo Natale, nelle giornate del 10, del 17 e del 23 dicembre, i Musei Vaticani propongono un’eccezionale visita guidata alla scoperta del Presepe nell’Arte… 🇬🇧On the occasion of Holy Christmas, on 10, 17 and 23 December, the Vatican Museums offer an exceptional guided tour to discover the Crib in Art…

  • Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Documentario: Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria

    Se questo pomeriggio piove anche da voi e volete rimanere in casa a guardare qualcosa di bello e interessante, vi propongo questo interessante documentario dal titolo “Macchiaioli, una pittura rivoluzionaria”.

  • La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    La carta che usavo per disegnare, scrivere lettere e annotare ricordi

    🇮🇹Se è nota la mia dimestichezza nello scegliere i marmi, meno celebre è la mia abilità nell’acquistare la carta che mi serviva quotidianamente per disegnare e scrivere le lettere che inviavo spesso e volentieri a parenti, amici, conoscenti e ai potenti del mondo dell’epoca… 🇬🇧If my familiarity in choosing marbles is known, less famous is my ability to purchase the paper that I needed every day to draw and write the letters that I often and willingly sent to relatives, friends, acquaintances and the powerful of the world of era…

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: