Vai al contenuto

Il Mosè e l’interpretazione di Freud

Era il 1914 quando sulla rivista Imago fu pubblicato un saggio di Sigmund Freud nel quale metteva nero su bianco le sue considerazioni psicologiche sul mio Mosè.

L’intenzione di Freud non era quella di studiare la figura del patriarca ma bensì quella di descrivere le proprie sensazioni dinnanzi all’opera che avevo scolpito diversi secoli prima.

Annunci

L’articolo iniziava con un punto d’osservazione singolare ovvero il nodo della barba che il Mosè forma con la mano sinistra. Freud lo interpretò come il sopravvento della ragione sulla rabbia. Gli parve che l’iracondo Mosè riuscisse a tenere sotto controllo la sua ira nel momento in cui vidde il suo popolo in preda all’idolatria.

Certamente Freud pensò a un Mosè diverso da quello che corrisponde alla tradizione biblica, assai iracondo e infiammato spesso dalla passione. La cosa ganza è che in successione poi descrisse i movimenti che il patriarca avrebbe compiuto fino a trovarsi nella posa che gli diedi secondo il suo modo di vedere e interpretare.

Foto credit Andrea Jemolo
Annunci

A seguire vi propongo uno stralcio di quel trattato:

” Così vediamo che le tavole della legge che Mosè tiene in mano sono sottosopra, esse sono capovolte e in equilibrio su uno spigolo. Perché Michelangelo le scolpì in tale posizione ? Cominciamo a sospettare che le tavole siano arrivate all’attuale posizione in seguito ad un movimento precedente e che questo movimento sia stato conseguenza dello spostamento della mano destra , da noi ipotizzato , e che a sua volta abbia costretto la mano a indietreggiare di nuovo . I movimenti della mano e delle tavole si possono coordinare così: dapprima Mosè quando era tranquillamente seduto portava le tavole perpendicolarmente sotto il braccio destro . La mano destra ne stringeva i bordi, i bordi inferiori e trovava una presa nella prominenza della parte interiore . Il fatto che portarle sottosopra rendesse più facile trasportarle spiega a sufficienza il perché sono sottosopra. Poi venne il momento in cui la tranquillità di Mosè fu disturbata dai rumori , egli volse la testa in direzione dei rumori e quando vide il triste spettacolo , sollevò il piede pronto ad alzarsi , lasciò la presa precedente sulle tavole con la mano che immerse nella barba , come per dirigere un impeto d’ira verso di sé, le tavole così restarono affidate alla pressione del braccio , che doveva premerle contro il fianco .Ma questo sostegno non era sufficiente così le tavole cominciarono a scivolare in avanti verso il basso . Il bordo superiore che era stato tenuto orizzontalmente cominciava ad inclinarsi in avanti e in giù, il bordo inferiore privato del sostegno si adagiò sul sedile di pietra con lo spigolo anteriore .

Ancora un attimo e le tavole avrebbero ruotato intorno al nuovo punto di sostegno . Avrebbero colpito il suolo con il bordo che si trovava in alto e sarebbero andate in frantumi .Per impedire questo la mano destra si ritirò , lasciò andare la barba , una parte della quale venne involontariamente portata indietro senza volere , ma arrivò in tempo sul bordo superiore delle tavole e le trattenne per l’angolo posteriore che ora era diventato il più alto . Così l’aria forzata dell’insieme : mano – tavole rovesciate – barba , si può spiegare con un movimento precipitoso ( dovuto all’ira per ciò che videro i suoi occhi ) della mano e le sue naturali conseguenze ..

Foto di Andrea Jemolo
Annunci

Il Mosè che abbiamo ricostruito non si alzerà , non getterà lontano le tavole , ciò che Michelangelo ha rappresentato non é l’inizio di una azione violenta dovuta all’ira ma ciò che resta di una serie di movimenti già conclusi . In un primo tempo Mosè voleva agire , alzarsi in piedi ,e vendicarsi , ma ora la tentazione è vinta , e resterà seduto , immobile , con la sua collera raggelata e il suo dolore misto al disprezzo . Non butterà via le tavole della legge perché è per salvarle che ha dominato la sua rabbia tenendo sotto controllo la sua passione .

Nel dare sfogo alla sua rabbia le tavole stavano per cadere e rompersi questo evento lo riportò immediatamente alla calma , egli si ricordò della sua missione e per essa rinunciò ai suoi propositi e ai suoi sentimenti . Tratto da Il Mosè di Michelangelo di Freud.

Annunci

Il libro

Se volete leggere tutta l’analisi psicologica che Freud fece del mio Mosè, vi propongo il piccolo volume Il Mosè di Michelangelo che trovate QUA.

Se invece preferite un libro che vi raccotni per filo e per segno sia la storia del mio Mosè che del resto della Tomba che mi commissionò Giulio II, Michelangelo, il marmo e la mente scritto da Christoph Luitpold Frommel con i meravigliosi scatti di Andrea Jemolo, è quello che fa al caso vostro.

Il questo libro l’autore ripercorre dall’inizio alla fine tutta la storia della Tomba di Giulio II che mi impegnò la mente e il corpo per una quarantina d’anni. Come ebbi modo di affermare in diverse occasioni, quella commissione fu la tragedia della mia vita. Lo trovate QUA

Il sempre vostro Michelangelo Buonarroti con i suoi racconti e le sue proposte per il momento vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

  • Christie’s: battuto all’asta per 23milioni di Euro il mio disegno giovanile

    🇮🇹Oggi pomeriggio è stato battuto all’asta da Christie’s a Parigi il mio disegno giovanile inedito che realizzai probabilmente quando me ne andavo spesso a studiare dal vero i superbi affreschi di Masaccio e Masolino nella Cappella Brancacci. 🇬🇧This afternoon, my unpublished early drawing was auctioned at Christie’s in Paris, which I probably created when I often went to study the superb frescoes by Masaccio and Masolino in the Brancacci Chapel from life.

  • Premio Friends of Florence 2022: assegnato a Nathalie Ravanel per restaurare 119 dipinti

    🇮🇹La VI edizione del prestigioso Premio Friends of Florence è stato assegnata oggi a Nathalie Ravanel per il restauro della collezione di 119 dipinti su pith paper del Museo Stibbert di Firenze. 🇬🇧The VI edition of the prestigious Friends of Florence Prize was awarded today to Nathalie Ravanel for the restoration of the collection of 119 paintings on pith paper of the Stibbert Museum in Florence.

  • La casa che mi regalò il cardinale Leonardo a Macel de’ Corvi

    🇮🇹Negli anni in cui affrescavo la volta della Sistina, avevo ottenuto in comodato d’uso un immobile in cui lavoravo e vivevo che però dovetti lasciare quando morì papa Giulio II… 🇬🇧During the years in which I frescoed the vault of the Sistine Chapel, I had obtained on loan for use a property where I worked and lived which I had to leave when Pope Julius II died …

Annunci

2 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: