Vai al contenuto

19 agosto 1580: muore il Palladio

Il 19 agosto del 1580 Andrea Palladio lasciò questo mondo terreno a Maser, in provincia di Treviso. Andrea di Pietro della Gondola, noto appunto con lo pseudonimo Palladio, era nato 72 anni prima a Padova e divenne celebre per le sue straordinarie architetture e scenografie.

A circa tredici anni, il Palladio iniziò ad apprendere il mestiere di scalpellino nel laboratorio di Cavazza mentre studiava l’arte classica senza disdegnare tutte le arti figurative dei più grandi artisti di sempre.

Il Teatro Olimpico progettato dal Palladio. E’ il più antico teatro stabile coperto del mondo e fu inaugurato nel 1585.
Annunci

Qualche anno dopo, a quindici anni, partì alla volta di Vicenza per lavorare nella prestigiosa bottega facente capo allo scultore Girolamo Pittoni e al costruttore Giovanni di Giacolo da Porlezza. Ebbe modo di conoscere il nobile Trissino, un diplomatico letterato che notando il talento del giovane Palladio, si volle far carico della sua formazione.

Lo condusse fino a Roma per fargli ammirare da vicino le meraviglie dell’architettura classica. Fu lo stesso Trissino che gli affibbiò il nome d’arte Palladio, lasciandosi ispirare da Pallade, la dea della saggezza.

Villa Capra – La Rotonda
Annunci

Fra i progetti più noti che realizzò il Palladio nel corso della sua vita ci sono senza dubbio le straordinarie ville che progettò, dislocate nel territorio che al tempo era sotto il controllo della Repubblica di Venezia. Si contraddistinguono per la struttura originale, gli interni sontuosi e per gli appezzamenti di terreno che le circondaano.

Erano dimore commissionate da ricchi borghesi o da aristocratici che volevano vivere lontano dal caos cittadino avendo la possibilità di seguire direttamente il lavoro che i loro contadini svolgevano nelle tenute attigue.

Annunci

Fondamentale il trattato pubblicato nel 1570 nei quattro libri dell’architettura. Proprio attraverso la divulgazione di questi tomi i propri modelli ebbero una profonda influenza su tutta l’architettura occidentale. L’imitazione del suo personalissimo stile proseguì per secoli dando vita a quello che viene chiamato palladianesimo.

Sia Vicenza che tutte le ville palladiane del Veneto sono state dichiarate Patrimonio Unesco.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social.

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Ecco cosa risposi al Re di Francia

Non mi sarebbe dispiaciuto lavorare anche per il Re di Francia Francesco I ma il tempo non mi bastava nemmeno per portare a termine i lavori che avevo già in carico.

Soffrivo di calcoli renali

I calcoli renali per anni mi hanno tormentato. Ai miei tempi si chiamava il male della renella ma sempre di calcoli si trattava. Ci furono un paio di momenti particolarmente difficili durante i quali non potetti fare a meno di fermarmi e interrompere momentaneamente i lavori agli affreschi della Cappella Paolina.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

3 Comments »

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: