Vai al contenuto

L’orologio del Duomo di Firenze

Nella controfacciata del Duomo di Santa Maria del Fiore c’è un orologio di grandi dimensioni che se ne sta lì dal lontano 1443. Da allora scandisce il passare del tempo anche se in modo assai diverso dagli orologi che siamo abituati a conoscere in questa epoca moderna.

Annunci

L’orologio affrescato da Paolo Uccelli segna l’ora italica. Scandisce il passare del tempo dal tramonto fino a quello successivo, con una rotazione antioraria dell’unica lancetta che ha. Il quadrante è suddiviso in 24 ore ed è formato da un cerchio inscritto in un quadrato di 4,35 metri di lato. I 24 spicchi sono segnati con numeri romani dall’uno al 24.

Fece Paolo, di colorito, la sfera dell’ore sopra la porta principale dentro la Chiesa, con quattro teste ne’ canti colorite in fresco”. Scrisse il Vasari nelle Vite.

Le quattro teste a cui fa riferimento il Vasari raffigurano gli Evangelisti e pare che seguano con lo sguardo chiunque li guardi dal basso.

Annunci

Il meccanismo che fa funzionare l’orologio è assai complesso e si trova a 15 metri di altezza da terra, nell’intercapedine della facciata larga circa un metro. L’originale meccanismo fu realizzato da Angelo di Niccolò e probabilmente si basava su un sapiente utilizzo di contrappesi.

Nei secoli a seguire altri maestri orologiai furono interpellati per effettuare importanti interventi di manutenzione. Nel 1761 il Borgiacchi effettuò una modifica sostanziale del meccanismo che cambiò le funzioni originali. Solo in tempi recenti è stato ripristinato il funzionamento originale con le lancetta che esegue quotidianamente il giro completo del quadrante in 24 ore.

Annunci

In questo particolare orologio, le ore iniziano ad essere contate dal momento serale dell’Ave Maria e vengono scandite fino al tramonto successivo. L’ora dell’Ave Maria viene rintoccata dal Campanile di Giotto e se guardate l’orologio che avete al polso mentre sentite suonare le campane, vi renderete conto che non accade sempre alla stessa ora durante tutto l’anno. Le campane infatti suonano molto prima in inverno e assai dopo in primavera seguendo il ritmo del sorgere e del tramontare del sole.

Annunci

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento ai prossimi post e sui social

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Annunci

Quando diventai maggiorenne

Essere maggiorenni ai tempi miei era una questione molto diversa da quella dei vostri tempi. Era il momento in cui i figlioli si potevano emancipare dal padre ottenendo la piena indipendenza giuridica.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: