Vai al contenuto

11 dicembre 1513: muore Pinturicchio

L’11 dicembre del 1513 Pinturicchio, al secolo Bernardino di Betto Betti, passò a miglior vita in quel di Siena. Da cosa derivava quel nomignolo? Da piccolo pintore: era assai minuto e lui stesso firmò con il nome Pinturicchio alcune tele.

Pinturicchio è stato un grande artista che sapeva destreggiarsi in maniera eccellente con i pennelli. Grande pittore, realizzò mirabili affreschi ed eccellenti miniature.

Particolare della Madonna della Pace,  Pinacoteca civica Tacchi Venturi di San Severino Marche 
Annunci

Pinturicchio fu un promettente e talentuoso allievo del Perugino tanto che il maestro lo portò con sé a Roma per farsi aiutare nella realizzazione dei due grandi quadroni affrescati nel secondo registro della Cappella Sistina: Il viaggio di Mosè e il Battesimo di Cristo.

Annunci

Come scrisse il Vasari: “Usò molto Bernardino di fare alle sue pitture ornamenti di rilievi messi d’oro, per soddisfare alle persone che poco di quell’arte intendevano, acciò avessono maggior lustro e veduta, il che è cosa goffissima nella pittura”. Il Pinturicchio infatti divenne abilissimo nell’uso dell’oro e in particolare realizzava abiti damascati con motivi gigliati che divennero un po’ il suo marchio distintivo nel corso degli anni. Gli stessi motivi realizzati sui tessuti della Sistina si ritrovano infatti sia nella Cappella Bufalini a Roma che nella Libreria Piccolomini a Siena.

Cappella Bufalini

Dopo aver ultimato gli affreschi del secondo registro della sistina, un po’ tutti i pittori arrivati da Firenze e dall’Umbria se ne tornarono a casa mentre Pinturicchio preferì rimanere a Roma e mettere su bottega.

Ricevette importanti incarichi come ad esempio la realizzazione degli affreschi della  Cappella Bufalini, ubicata nella navata destra della Basilica di Santa Maria in Ara Coeli a Roma. Dipinse il grande ciclo di affreschi con le Storie di san Bernardino da Siena fra il 1484 3 il 1486.

La cappella del Presepio del Pinturicchio nella Chiesa di Santa Maria del Popolo
Annunci

A Siena Pinturicchio trascorse i suoi ultimi anni di vita. Il cardinale senese Francesco Piccolomini Todeschini, che negli anni a venire sarebbe stato eletto al soglio pontificio col nome di papa Pio III, volle raccogliere il suo grande patrimonio librario che aveva ereditato dallo zio materno, papa Pio II, in una nuova e grandiosa libreria, passata alla storia come Libreria Piccolomini.

Annunci

Così nel 1492 fece edificare una libreria sfruttando i locali della vecchia canonica del duomo. Per decorarla chiamò Pinturicchio nel 1502. In cinque anni Pinturicchio, coadiuvato da aiutanti molto talentuosi fra i quali un giovanissimo Raffaello Sanzio e il bolognese Aspertini, ricoperse soffitto e pareti con mirabili affreschi.

Pinturicchio, dopo aver realizzato un gran numero di lavori che non ho tutti citato qui come ad esempio la decorazione degli appartamenti papali del Borgia, passò a migliori vita a Siena l’11 dicembre del 1513.

Il libro

Se questo raffinato pittore vi affascina come affascina me, vi consiglio appassionatamente il libro che gli ha dedicato Cristina Acidini: Pintoricchio. Pittore dei Borgia. Lo trovate QUA.

Per il momento il vostro Michelangelo Buonarroti vi saluta dandovi appuntamento al prossimo post e sui social.

Sostienici – Support Us

Se questo blog ti piace e ti appassiona, puoi aiutarci a farlo crescere sempre più sostenendoci in modo concreto condividendo i post, seguendo le pagine social e con un contributo che ci aiuta ad andare avanti con il nostro lavoro di divulgazione. . ENGLISH: If you like and are passionate about this blog, you can help us make it grow more and more by supporting us in a concrete way by sharing posts, following social pages and with a contribution that helps us to move forward with our dissemination work.

5,00 €

ULTIMI ARTICOLI

Imperatrici, matrone e liberte: la nuova mostra a 360° degli Uffizi

Per la prima volta la Galleria degli Uffizi propone un virtual tour a 360° online che ci porta alla scoperta della mostra archeologica Imperatrici, matrone, liberte. Volti e segreti delle donne romane curata da Novella Lapini

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Leave a Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: